When We Are – How the Digital Market changes as Society does

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

In the last few days I have held a couple of short talk+workshops, which I titled “When we are“. The aim was trying to take a picture of the most substantial changes that affected the digital ecosystem. I believe that the digital market and its transformations reflect, often in advance respect to other aspects, the major changes affecting society itself.

I made an attempt to correlate the major events and changes we recently lived – and we’re still living – to give an overall idea of the fundamental moment our society is passing through.

I tried to frame what we often define as the digital market, more and more often, representing the very theater of our life being our life itself increasingly digitized in many of its key aspects.

This analysis effort is worth not only for innovation, technology or information professional but also for human beings as being part of an evolving society.

Investigating things in depth, it appears that the relationship between what we used to call “market” and what we have always identified as “society”, tightens. Phenomena such as social enterprises, collaborative consumption or democratization of the means of production of goods, digital or not, are undoubtedly fueling a merger between the productive role (traditionally played by companies) and users, “consumers”, communities.

The dynamics of value production are migrating from old, well known, paradigms we’re quite used to, such as B2B or B2C, to brand new and radically different ones, often based on different economic models – in some cases non-monetary – such as p2p communities, or even DIY (Do It Yourself): the axis of society development is moving from encouraging unbridled consumption to producing shared values ​​and meanings.

No doubt today’s society, composed of a growing number of digitally conscious and informed citizens, demands an unprecedented level of innovation: we discover flaws quickly ans as soon as a system doesn’t succeed to change as fast as we expect, we look and encourage the emergence of alternatives, ultimately we organize collaboratively to create shortcuts.

The pursuit of innovation is quite consolidated in western societies, which in fact have always been oriented to technical and scientific progress, but at this stage of development, a very innovative issue is increasingly becoming key. The growing awareness of common, social aspects of our existences is in fact creating new development models and is proving to be the most disruptive of innovation drivers. Innovation not only is asked to adapt to changing requirements, but also doing it in a sustainable, accountable and shared way.

But, how did we come to this world? What were the crucial changes that we lived, apparently almost without realizing it, given the surprise with which today we welcome all the change?

From a technology standpoint there is no doubt that the explosion of the Internet penetration in society had a key, catalyst, role for a huge democratization process as it made acces to resources, information retrieval, and building culture easier.

The ability to connect directly with peers (p2p) has in fact questioned all monopolies, first those of culture and information and then that of goods production: from bit, think of mp3 or myspace and the music industry, to atoms, with 3D printing and personal fabrication and the emerging collaborative consumption movement: exchange, over time, became sharing, and social groups are now audiences, capable of giving visibility to ideas and talents as well as vision and strength to movements.

This ever-increasing speed in technology development, has been accelerated further by the exponential effect of social networks, and has been supported over time by a renewed centrality of pragmatism. The repeated world crises that we have seen so far in recent years (9 / 11, credit crunch and subsequent economic crisis, peak oil, etc…) did the rest: helped us as a society to demand efficiency and to question monopolies and dominant positions.

The gradual commoditization of digital resources, first the software platforms, the building blocks we use to build online services (through open source software), then the infrastructures (thanks to the * AAS model, trivially identified with the term “Cloud”) was together cause and effect of a further acceleration of changes.

It’s very clear that such a market makes (almost) everything possible for (almost) everyone: as perfectly explained by Chris Anderson in his books, we are in the abundance age, in fact.

Today not only the market changes but society and the human being himself: we are amplified persons, cyborgs with no wires and connectors, communicating with machines and software with melting boundaries, with enormous social extensions of ourselves thanks to always in hand smartphones.

In the future we will be increasingly able to communicate in a familiar way with an army of smart, sociable objects able to shape reality to our own wills without even need for complicated instructions.

Not only do we need new tools and a new point of view, but a totally new approach to face a market that, very quickly as mentioned above, is coupling with society on all fronts. We are definitely in the era of meaning, a historical and economic environment in which the value added generated by ideas is way more important than profits: only value can ensure the success of any initiative, in the absence of that everything gets rapidly forgotten and outdated.

All of us, concerned with technology and innovation, should look to new skills, new tools of sociological and anthropological analysis to fully understand our society and therefore be able to design new solutions and mechanisms to generate value and must be also able to tell it.

This, no doubt, requires a level of cultural and interdisciplinary undestanding and study we are not quite used to: as Dan Pink says, we must learn how to use a whole new part of our brain, our right brain, for too long we have left caring just our hobbies, our evenings with friends, our cultural or artistic passions.

Our vision and design capabilities become important and decisive in a complex and changing world and we must increasingly focus on those who once we called users and that, henceforth, we must start to call persons.

Hear a lot of stories, develop your own story, learn how to tell your story.

This is what society and the market are asking you.

Tweet thisTweet this Italian translation follows.

“Quando siamo” – Come cambiano la società e il mercato digitale

Nei giorni scorsi ho tenuto per la prima volta un breve talk, che ho intitolato appunto “Quando siamo“, in cui tento di fare il punto sui cambiamentipiù sostanziali che hanno avuto come protagonista l’ecosistema digitale. Ritengo che il mercato dei beni digitali e le sue trasformazioni rispecchino, spesso in anticipo rispetto ad altri aspetti della nostra società, i cambiamenti che la società stessa vive.

Il tentativo che ho fatto è stato quello di mettere in correlazione tra di loro i principali eventi e cambiamenti che abbiamo vissuto e stiamo vivendo per dare un’ idea, appunto, del momento fondamentale della nostra evoluzione come società nel quale ci troviamo.

Ho cercato dunque di fotografare quello che possiamo chiamare mercato digitale ma che, in effetti, se lo guardiamo con attenzione rappresenta sempre di più il teatro stesso della nostra esistenza, indubbiamente sempre più digitalizzata in molti dei suoi aspetti fondamentali.

Uno sforzo che vale la pena fare non solo come professionisti dell’innovazione, della tecnologia o dell’ informazione, ma anche e soprattutto come esseri umani e come società che si evolve.

Indagando in profondità, appare dunque chiaro come la relazione tra ciò che eravamo soliti chiamare “mercato” e ciò che invece abbiamo sempre identificato come società, si intensifichi. Fenomeni quali l’impresa sociale, il consumo collaborativo o la democratizzazione dei mezzi stessi di produzione dei beni, digitali e non, stanno senza dubbio alimentando una fusione tra ruolo produttivo (tradizionalmente appannaggio delle compagnie) e quello dell‘utenza, dei “consumatori”.

Le dinamiche della produzione del valore migrano quindi da paradigmi ai quali eravamo assolutamente abituati, come il b2b o il b2c, a paradigmi nuovi e radicalmente diversi, basati spesso su differenti modelli economici – in taluni casi non monetari – come le communities p2p o, addirittura, il DIY (Fai da te), spostando l’asse dello sviluppo dall’ incoraggiamento sfrenato ai consumi verso la produzione di valori e significati, perlopiù condivisi.

Senza dubbio la società odierna, composta da un numero crescente di coscienti e informati cittadini digitali, consuma innovazione come non mai nella nostra storia: scopriamo con molta rapidità i limiti dei sistemi che utilizziamo, le inefficienze ma, a differenza di quanto avveniva in passato, quando questi non cambiano così velocemente come ci aspetteremmo, tendiamo a cercare e alimentare la nascita di alternative; tendiamo, in ultima analisi, ad organizzarci collaborativamente per creare scorciatoie.

La ricerca dell’innovazione può sembrare a molti un qualcosa di ormai acquisito nell’evoluzione sociale e umana occidentale, che in effetti è da sempre orientata al progresso tecnico e scientifico, ma questa fase del nostro sviluppo vede crescere un aspetto fondamentale e decisamente innovativo rispetto al passato. La crescente consapevolezza di una dimensione comunitaria e sociale della nostra esistenza sta infatti generando nuovi modelli di sviluppo e si sta dimostrando il più dirompente dei motori dell’ innovazione. A quest’ultima non e chiesto più solo di adattarsi a esigenze sempre nuove, ma anche di farlo in maniera sostenibile, responsabile e in virtù di un rinnovato sentire comune.

Ma da dove è venuto fuori il mondo che abbiamo di fronte ai nostri occhi oggi? Quali sono stati i cambiamenti cruciali che abbiamo vissuto, apparentemente quasi senza accorgercene, dato lo stupore con cui oggi accogliamo il cambiamento?

Da un punto di vista tecnologico è indubbio che l’esplosione della penetrazione di internet nella società ha avuto il ruolo chiave di catalizzatore di un enorme processo di democratizzazione: ha reso più semplice l’acesso alle risorse, il reperimento delle informazioni, la costruzione della cultura.

La possibilità di connettersi direttamente tra pari (il p2p) ha infatti ha messo in discussione tutti i monopoli, prima quelli della cultura e dell’ informazione e poi quelli della produzione dei beni: dai bit, pensiamo a ciò che è accaduto all’ industria musicale, con l’mp3 o myspace, agli atomi, col 3D printing e il personal fabrication  e il nascente movimento del consumo collaborativo: lo scambio, col tempo, è divenuto condivisione, e i gruppi sociali sono diventate audience, capaci di dare risonanza alle idee, visibilità ai talenti e forza ai movimenti.

A questa sempre maggiore velocità nello sviluppo tecnologico, accelerata dall’effetto di moltiplicazione esponenziale datoci delle reti sociali, si è affiancata col tempo una rinnovata centralità del pragmatismo e le ripetute crisi mondiali a cui abbiamo assistito negli ultimi anni (9/11, credit crunch, crisi economica, picco delle risorse) hanno fatto il resto: ci hanno aiutato, come società, a imparare a domandare efficienza e a mettere in discussione i monopoli e le posizioni dominanti.

La progressiva commoditizzazione delle risorse digitali, prima delle piattaforme sofware, i mattoni che usiamo per costruire i servizi online (grazie open source software), poi delle infrastrutture (grazie al modello *aaS, banalmente identificato col termine “Cloud”), è stata insieme causa ed effetto del cambiamento.

Appare molto chiaro che in un mercato così delineato (quasi) tutto diviene possibile per (quasi) tutti: è in questo modo, come meravigliosamente spiegato da Chris Anderson nei suoi libri, che è nata l’era dell’ abbondanza.

Oggi dunque non si trasforma più solo il mercato ma la società e l’uomo stesso: un’ essere umano amplificato, un cyborg senza fili e connettori, che comunica e si fonde con macchine e software i cui confini si assottigliano, con enormi estensioni sociali di se stesso sempre a portata di mano grazie agli smartphones.

In futuro sempre più saremo in grado di comunicare nella maniera a noi più familiare con un esercito di oggetti intelligenti e “sociali” in grado di plasmare la realtà stessa ai nostri voleri senza avere bisogno neanche di complicate istruzioni.

Non solo abbiamo bisogno di nuovi strumenti e di un nuovo punto di vista, ma di un approccio totalmente nuovo di fronte a un mercato che molto velocemente, come già detto, si fonde con la società su tutti i fronti. Siamo indubbiamente nell’ epoca del significato, dell’approfondimento, un momento storico ed economico in cui il valore aggiunto generato dalle idee è più importante dei profitti: solo il valore può garantire il successo di un’iniziativa che in assenza di tale valore viene rapidamente dimenticata e surclassata.

Tutti noi che ci occupiamo di tecnologia e innovazione dovremo guardare a nuove competenze, nuovi strumenti di analisi antropologica e sociologica per poter comprendere appieno la nostra società e poter dunque disegnare nuove soluzioni, nuovi meccanismi di generazione del valore e raccontarli.

Tutto ciò, senza dubbio, ci richiede un livello di approfondimento culturale e interdisciplinare a cui non siamo assolutamente abituati: come dice Dan Pink, dobbiamo imparare a utilizzare una parte totalmente nuova del nostro cervello, quella parte destra che, per troppo tempo abbiamo lasciato occuparsi solo dei nostri hobby, delle nostre serate in compagnia o delle nostre passioni artistiche o culturali.

Le nostre capacità di vision e design diventano sempre più importanti e decisive in un mondo complesso e mutevole e sempre più incentrato sulle quelli che una volta chiamavamo utenti e che, d’ora in poi, dovremo imparare a chiamare persone.

Ascolta molte storie, elabora la tua storia, racconta la tua storia.

Questo è quello che la società e il mercato si aspettano da te.

About meedabyte

Blogger, Wireless strategist and consultant, passionate about innovation, Free and open source enthusiast

4 comments

  1. Vito

    credo tu abbia davvero centrato l’obiettivo quando parli di ‘crescente consapevolezza di una dimensione comunitaria’… sono convinto che davvero qualcosa stia cambiando da questo punto di vista, ed internet ne è l’artefice. prima eravamo dei ricettori di informazioni oggi siamo anche creatori e commentatori. e questo credo sia un bene… credo. VD

    • Grazie mille del commento Vito. A parer mio non c’ alcun dubbio. Ora bisogner capire come il modello tradizionale delle company incorporer elementi collaborativi e comunitari e come le community troveranno un modo di andare oltre la gift economy. Anche per questo ho deciso di intervistare michel bawens, fondatore della p2p foundation, stay tuned!

  2. Pingback: Open Design: The latest dMASS newsletter — dMASS

  3. Pingback: Futuro/ L’evoluzione digitale a portata di video « Titel News

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 140 other followers

%d bloggers like this: