What makes me a Cyborg – An interview with Amber Case, Cyborg Anthropologist.

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

People that, like me, grew up on bread, computers and Tetsuo the iron man, knew all along that we would become, sooner or later, cyborgs.

A few months ago I discovered Cyborg anthropology, thanks to the work of Amber Case and its beautiful scenery TED talk “We’re all cyborgs.” My curiosity prompted me to contact her and ask her this interview in order to share with you all the fascinations and deep considerations that lie behind her research work.
It happened also that Amber was invited as a speaker at Frontiers of Interaction 2011 and I was able to meet her in person as well as to hear her live talk. I want to thank again Amber for the pleasure of sharing with me and you all these considerations. Cyborg Power!

[Simone Cicero]: First of all, would you explain to us what is Cyborg anthropology?

[Amber Case]: Cyborg Anthropology is a set of tools and methods for understanding the interaction between humans and non-humans. It rose out of the traditional methods of anthropology as applied to the digital, technical and virtual worlds. Traditional anthropologists went to other countries to study native cultures, customs and societies. Cyborg anthropologists look at their own environment with an anthropological mindset in order to understand how technology has changed their own cultures, customs and society. The anthropological mindset is an important one because it allows one to step back from culture to see what is going on over a longer time scale. This is often difficult to do because technology is something that melds into everyday life in a very quick manner.

The object of study for Cyborg Anthropology is the cyborg. Originally coined in a paper about space exploration by Manford Clynes, the term “cyborg” is short for cybernetic organism. Broadly speaking, a cyborg is traditionally defined as a system with both organic and inorganic parts. In one sense, the use of any tool that functions as an extension of one’s abilities qualifies one as a cyborg, but cyborgs are more narrowly understood to have actual, physical technological extensions/prostheses. Thus in the narrowest sense, examples of cyborgs would include people with pacemakers, insulin pumps, and bionic limbs. In the broadest sense, all of our interaction with technology could qualify as a cyborg (and since the border of a cyborg system has no inherent limits, the Earth and its satellites would qualify as a cyborg  as well.
The narrowest sense of cyborg does not let us grasp the myriad synergies of the human-non-human splices, while the broadest conception runs the risk of being so broad that the discipline cannot be defined. Thus Cyborg Anthropology studies humankind and its relations with the technological systems it has built, specifically modern technological systems that have reflexively shaped notions of what it means to be humans.

[SC]: What made us cyborgs? What was the singularity? (If there has been one) It is the Internet that played this role?

[AC]: In his essay “On Low-Tech Cyborgs” David Hess writes:

“I think about how almost everyone in urban societies could be seen as a low-tech cyborg, because they spend large parts of the day connected to machines such as cars, telephones, computers, and, of course, televisions.”

An example of high-tech cyborg would be the Terminator, because he is part man/part machine, and the technology is physically intertwined with him.
Though we are not attached permanently to our devices, we do become a cyborg when we use our eyes to interface with a laptop or phone for a period of time. Though we can look away and change the phone, we are in a collaborative relationship with with the device for a period of time.
I’d additionally define two additional types of cyborgs based on consumptive practices: those who attach prosthetics as a necessity, and those who attach them as an external representation of status and tribal affiliation. In the latter case, one’s external prosthesis is chosen carefully and updated frequently. This is most often seen in middle classes, especially in the young offspring of these classes.
You’re a cyborg every time you look at a computer screen or use one of your cell phone devices because you’re entering into a technosocial relationship with a piece of non-human technology. Our cell phones, cars and laptops have turned us into cyborgs because we use them to do things that we can’t do simply as humans.
I define the idea of a singularity a bit different than what one might call “movie plot singularity”. My definition of a singularity is a moment or set of moments in which the majority of the technosocial community is connected to each other through the same global shared event or mindset at once.
Since everyone on Earth is not connected to a technosocial network yet, there is no opportunity for a complete world-wide singularity, but we have been close to this many times. Also, singularities have never lasted longer than a few weeks or months. Today, singularities happen when there is a major event. Then communities break up into their own interest groups once again.
The earthquake in Haiti was a global singularity. Michael Jackson’s death was another. In both cases, most of the global community knew that an earthquake had happened very quickly after the event. Singularities are tied to the spread of news through a network. Some smaller networks can have singularities much more quickly due to their size and narrow focus on a topic or set of topics. Reddit is a mico-singulairty news network, where the users of the site collectively vote
The Internet has played probably the most important role in these micro-singulairities because of its ability to quickly transmit news. Historical singularities such as the “shot heard round the world”, were much slower due to the speed and transmission rate of news. Early Internets were comprised of letters

My research into cyborgs is related to the following questions: What does it mean to extend the body into hyperspace? What are the implications to privacy, information and the formation of identity? Now that we have a second self, how do we protect it? How will interfaces between human and machine evolve over time?

[SC]: Can you tell me about an event that, in the history of mankind, had, in terms of overall impact, effects that are similar to the to the Internet?

[AC]: The printing press. It allowed creation and dispersion of material and thought by more people than before. Next to that, train travel and automobiles allowed for the compression of space and time because they allowed on to travel faster than they ever could before.
Similarly, the telephone was probably the most incredible invention in terms of allowing a person to stand on one side of the world, say something, and be heard on the other. While the printing press allowed one’s ideas to be stored in a medium that could be easily shared and duplicated, the telephone allowed one’s mind and words to be synchronously transported vs. asynchronously transported in the case of printed pager.

[SC]: If I don’t go wrong, you often give mobile devices and network pervasiveness a key role in the process of enhancing our human capabilities. It appears as if the network is the true source of this “ehancement”, of this transformation into “cyborgs.” My impression is that, in some sense, being cyborgs, humans+, relates more to an integration/connection with society in itself – by mean of the network. Is that true?

[AC]: As humans, we are dependent upon socialization, but most of us do not live in small villages where socialization is standardized and cultural mediated. Instead, many humans live in cities, have jobs and live in apartments. Many humans do not know their next-door neighbor. Many drive and do not talk to the person in the vehicle next to them.

Technology allows us to bypass all of that, to connect to someone when we are alone at the airport, in a line at a shopping market, or in our vehicles. It makes up for the isolation of modern life, the distance apart from each other that families and friends now have, and the rapid exchange and development of contacts and friends. The price we pay for technology is a tax on speed. Some of my friends use no technology at all, and their lives are slower, happier, and more peaceful. However, they do have to do things the analog way. It makes for a lot of premeditated planning and organizing. I would say that the most important thing that is happening right now is the speed of communication and interaction. People pay for speed. People pay for convenience.

Websites like Facebook are the fast foods of social interaction. Relevant information from those in their social group are served up to them in bite sized chunks, perfect for snacking on during boring moments in the isolation of modern everyday life. Though many might prefer to meet in real life, there is not enough time to have so many close friends and meet them all of the time. Instead, with short narratives and no need for social formalities every time contact is made, one can interact with many more people than just a few in the same amount of time it would take to interact with the same amount of people.

[SC]:  What’s the role of technology then? is it just an “enabler” for the individual to rely on, wherever and however, the strengths of his community?

[AC]: In co-creating yourself with a digital device, you develop an identity in relation to others. This identity is either interesting or not interesting. If it is interesting, an ocular convergence, or set of virtual attention can attach itself to a virtual identity. This gives a person a certain amount of gravity with respect to others. One’s status updates must be technosocially attractive to viewers, or else identity loses gravity. Brands, and increasingly individuals, seek to increase gravity. Many of them fail. The ones who succeed become helpful, service-oriented personas, or they become icons of entertainment.

Identity Production is the conscious production of identity through action, whether the action is physical, mental, virtual or both. The production of identity in virtual reality can occur on a social network, through text, image or video and can occur in small moments or large ones. Psychologist Sherry Turkle was one of the first to use the phrase “second self” to identify our bodies in virtual space. She considers the computer not as a “tool,” but as an extension of the psychological and social self in reality.

The Internet allows one to sample the self – that is, choose which pieces of the self to present the self with. A person experiences thousands of moments every day. The moments one chooses to report shape one’s identity.
It also allows one to ask questions of many people at once. In the case of Quora or Twitter, one can ask a group of people that are not geographically near to them. Those who know others in the group who might be able to answer the question can forward the question quickly over to their friends. On these networks, people are connected by interest and knowledge. These networks are often more valuable than searching Google for information because these groups are comprised of “living knowledge”. When one asks a search engine for a good place to eat near them, the results will not be as accurate as that of asking a community. The same for dentists or automobile repair.
As technosocially connected humans, we’re constantly planning for our future selves. We look at Yelp! reviews to prepare our next culinary adventure. We want to guarantee that our future selves will have a good experience. We’re connecting to tons of people to do this, connecting to the collective wisdom of a data set that consists of many samples. The more samples, the more accurate the data set. Why ask one person when you can ask many? The best technologies get out of the way and let humans live their lives. They act as an aid, or tool for a goal such as entertainment or socialization.

[SC]:  In a passage of “Cyborg Manifesto” I read: “A cyborg is a cybernetic organism, a hybrid of machine and organism, a creature of social reality as well as a creature of fiction.” In what sense then, we speak of a “creature of social reality”? So, back to the previous question, it is possible that the cyborg is by definition “social”? is that a key aspect of this act of evolution?

[AC]: That is a very good point. Humans are by nature social. Once computers became networked together, technology was social, not just between humans, but between machines. In this sense, the computer is the carrier of human interactivity. The computer helps humans to be more social and more intelligent because it reduces the friction of interaction that exists in the analog world. Transmitting information or looking up information is a social act that helps morph search results into more useful iterations for the next searcher.

[SC]: What can we expect from Internet Of Things – when not only network access  but also a machines infrastructure is made pervasive?

I mean, the point is, what happens when, through a myriad of interconnected objects we will be able to produce a “physical” effect (by a large number of actuators) and not only to acquire information from reality? Will we be able to manage this complexity?

[AC]: Innovation in technology comes from reducing the time and space it takes to perform an action, or compressing redundant actions in order to free up time. Computers used to be the size of gymnasiums. Now we have computers in our pockets, begging for attention. Mark Weiser of PARC Research came up with a term called “calm computing” in which technology would appear when needed, and get out of the way when it was not needed. I think that the best technology is invisible. It gets out of the way and lets people live their lives.
What you’re referring to is the promise of ubiquitous computing. Ubiquitous computing is the idea that computers or computing functionality will be embedded in more and more analog objects or systems, and that these systems will be able to talk to one another.

[SC]: What legal, regulatory, politics changes do you expect from a future made of cyborgs? (tough question :D)

[AC]: When infrastructure is pervasive, and it has multiple points of communication with our lives through mobile devices, then there is tremendous opportunity and potential to help monitor the environment, improve health, and decrease redundancy in information. In health, redundant information is a great cost to patients. If physicians knew that a patient’s previous physician had already done a series of tests, then those tests would not have to be done again. The power of centralized databases and multiple devices that can subscribe to those databases is immense. One of the major barriers to this is the regulation and policy around information in health databases.
However, having everything connected brings up issues of fear, privacy, security, control and legality.

[SC]: Do you think we will finally have “social” objects, capable of interacting with us in a natural way? (I often think about things like the Google car) – What will be the impact on society then?

[AC]: I think we already have social objects. They give us interfaces that connect us to others. In a way, we’re already socializing with the device in order to socialize with someone else.

[SC]: What do you think of Humanity+ movement, and in general about technological positivism? Do you think we can expect this transition, maturation, to a new homo sapiens to be non-traumatic? Are moments in which this development could stop or revert back to be expected?

[AC]: I think the future will be expensive, and that many won’t be able to afford it. Some of the best treatments in healthcare, for instance, require quite a bit of money. The coolest new technologies will always cost a lot of money and will become outdated quickly.

[SC]: you are among the founders of geoloqi. The service has been described by RWW as a mean to “turn your location into programmable data“. Would you give us an idea of how the service is actually being used by the community?

[AC]: Geoloqi is used by the community as an easy way to integrate location-based services into applications. Geoloqi is also used by many people as part of their everyday life. They use it to share their location with their families and friends in a secure and private way.
Twitter and Facebook encourage and reward the sharing of information with others, while Geoloqi encourages people to be mindful of what they give away. It’s a default-private service with information that can be shared for limited periods of time with certain people.

[SC]: How geoloqi as well as other services will deal with digital with footprints and the  changing concept of privacy? What’s the privacy concept of cyborgs?

[AC]: Geoloqi allows information about a user’s location to be seen only when you send it to someone else. After a certain amount of time, the information expires and no one but you can access it. Location history is only available to your account. Geoloqi is privacy-forward because it cares about your privacy as a default of the service.
When I was researching Facebook, simply mentioning one’s parents joining Facebook was enough to spur dozens of stories, sometimes leading into three hour discussions of awkward situations. From there it was easy to see the schism between how one experienced real life and the online world with their parents. In real life, teenagers talk in a certain way to other teenagers, adults talk in a certain way to other adults, and when adults and teenagers communicate, they have their own way of protecting their own boundaries of what they feel safe communicating.
When parents began joining Facebook, they entered a territory that most teenagers were communicating amongst each other on. They were suddenly privy to the types of conversations teenagers had with each other and not adults. When those two groups kind of blended together in the online space, suddenly all of those boundaries got kind of muddy. That’s where the invasion of privacy and awkwardness appeared. It was the equivalent of someone’s mom hanging out with them while they were having casual conversation with their friends. Facebook didn’t have privacy settings or a system for extending these analog social boundaries online, so it was (and is) a really awkward time for many teenagers.
I don’t think that sharing is a bad thing. I think it opens up opportunities to meet others with similar ideas and experiences. However, location is something that is more than just talking on the Internet. It is a very private thing and should be dealt with accordingly.

[SC]: What concepts do you think everyone should become familiar since, in fact, they will embody our future? Could you recommend to blog readers a list of readings that can help them to understand these changes taking place?

[AC]: The future is in the past. We’re still trying to implement what was developed at Parc 40 years ago, because only that environment could sustain the future then. To see the future go back in the past to the early labs in which these technologies were developed and you’ll find a treasure trove of information about the future we’re living in now.
A Dictionary of Cyborg Anthropology http://cyborganthropology.com/store/ will be out at the end of July. I’d also recommend Chris Grays “A Cyborg Handbook” as a good resource on technology and humanity. It has the original article on Cyborgs as well as pieces from many other writers on technology and the future.

 

You should follow me on twitter here.

 

And, if you liked the post, please, tweet this!

 

Italian translation follows.

Cosa ci rende Cyborg – Intervista a Amber Case.

Chi come me è cresciuto a pane, computer e tetsuo the iron man, sapeva da sempre che tutti saremmo diventati, prima o poi, cyborg.

Qualche mese fa ho scoperto la cyborg antropologia, grazie al lavoro di Amber Case e al suo splendito TED talk “We’re all cyborgs”. La mia curiosità mi ha spinto a contattare Amber e a chiedergli questa intervista allo scopo di poter condividere con tutti voi le affascinanti e profonde considerazioni che si celano dietro il suo lavoro.

Per non finire qui, è casualmente successo che Amber fosse invitata come speaker a Frontiers of Interaction 2011 e che io sia riuscito a incontrarla di persona oltre che a sentire un suo talk live. Ringrazio ancora Amber per la grandissima disponibilità e per il piacere di aver condiviso con me e con voi queste considerazioni. Potere Cyborg

[SC]: Prima di tutto vorrei che tu dessi ai lettori una breve introduzione sulla cyborg-antropologia

[AC]: La Cyborg-antropologia è un insieme di strumenti e metodi per comprendere l’interazione tra esseri umani e non umani. Nasce dai metodi tradizionali dell’antropologia applicati al mondo digitale, tecnico e virtuale. Gli antropologi tradizionali sono sempre andati in altri paesi per studiare culture native, costumi e società. I cyborg-antropologi guardano al proprio ambiente con una mentalità antropologica per capire come la tecnologia ha cambiato le loro proprie culture, nei costumi e nella società.

La mentalità antropologica è importante perché permette di fare un passo indietro dalla cultura e guardare a cosa sta succedendo su un arco temporale più lungo. Questo è spesso difficile da fare perché la tecnologia è qualcosa che si fonde con la vita quotidiana in modo molto rapido.
L’oggetto di studio per il cyborg-antropologo è il cyborg. Originariamente il termine fu coniato in un articolo sull’esplorazione spaziale da Manford Clynes, i “cyborg” termine breve per organismo cibernetico. In generale, un cyborg è tradizionalmente definito come un sistema con parti organiche e inorganiche. In un certo senso, l’uso di qualsiasi strumento che funziona come estensione delle proprie capacità qualifica qualcuno come cyborg, ma di solito i cyborg sono visti più strettamente come portatori di estenzioni reali, fisiche, di  protesi tecnologiche. Così, nel senso più stretto, gli esempi di cyborg dovrebbero includere le persone con pace-maker, o una pompa per insulina o arti bionici.

Nel senso più ampio, tutta la nostra interazione con la tecnologia potrebbe qualificarci come cyborg.  Se prendiamo il senso di cyborg più stretto non cogliamo le miriadi di sinergie e giunzioni tra umano e non-umano, mentre con la concezione più ampia si corre il rischio di essere talmente omnicomprensivi che persino definire la disciplina risulterebbe difficile. Così la cyborg-antropologia studia l’umanità e le sue relazioni con i sistemi tecnologici che ha costruito: in particolare i moderni sistemi tecnologici che hanno di riflesso plasmato la forma di ciò che significa essere umani oggi.

[SC]: Che cosa ci fa cyborg? Qual è stata la singolarità? (Se ve ne è stata una) è Internet che ha svolto questo ruolo?

[AC]: Nel suo saggio “On Low-Tech Cyborg” David Hess scrive:

“penso a come quasi tutti, nelle società urbane potrebbero essere visti come low-tech cyborg, perché trascorrono gran parte del giorno collegati a macchine come automobili, telefoni, computer e, naturalmente, televisori”

Dall’altra parte, un esempio di hi-tech cyborg sarebbe Terminator, perché è parte uomo, e parte macchina, e la tecnologia è fisicamente intrecciata con lui.

Anche se non siamo collegati in modo permanente ai nostri dispositivi, diventiamo cyborg quando usiamo i nostri occhi per interfacciarsi con un computer portatile o un telefono per un qualsiasi periodo di tempo. Anche se siamo in grado di distogliere lo sguardo, siamo comunque in un rapporto di collaborazione con con il dispositivo per un certo periodo di tempo.

Definirei inoltre due ulteriori tipi di cyborg sulla base delle loro pratiche da consumo: quelli che usano protesi per necessità, e quelli che le adottano invece per motivi di status e appartenenza tribale. In quest’ultimo caso, la propria protesi esterna è scelta con cura e frequentemente aggiornata. Questo è frequente nell classi medie, soprattutto tra i giovani.

Tu sei un cyborg ogni volta che guardi lo schermo di computer o utilizzare uno dei tuoi cellulari perché stai entrando in un rapporto tecnosociale con un pezzo di tecnologia. I nostri telefoni cellulari, le automobili e computer portatili ci hanno trasformato in cyborg perché li usiamo per fare cose che non possiamo fare semplicemente come esseri umani.

Io definisco l’idea di singolarità in maniera un po’ diverso da quello che si potrebbe chiamare “momento singolare nella trama di un film”. La mia definizione di singolarità è un momento o un insieme di momenti in cui la maggioranza della comunità tecnosociale è collegata attraverso lo stesso evento o la stessa mentalità globale.
Dato che non tutti sulla Terra sono connessi a una rete tecnosociale, non ci sono ancora possibilità di un momento di singolarità globale, ma ci siamo stati vicino molte volte. Inoltre, le singolarità non sono mai durate più di qualche settimana o mese. Oggi, le singolarità succedono spesso in occasione di eventi importante. Poi le comunità si ridistribuiscono secondo i loro gruppi di interesse ancora una volta.
Per dare un’idea: il terremoto di Haiti è stata una singolarità globale. La morte di Michael Jackson è stato un altra. In entrambi i casi, la maggior parte della comunità globale sapeva che un terremoto era avvenuto molto rapidamente dopo l’evento. Le singolarità sono legate alla diffusione di notizie attraverso la rete. Alcune reti più piccole possono avere singolarità molto più rapidamente a causa delle loro dimensioni e concentrarsi stretta su un argomento o una serie di argomenti. Reddit per esempio è micro-singolarity new network, dove gli utenti del sito votano collettivamente.
Internet ha avuto forse il ruolo più importante nel rendere possibili queste micro-singulairità a causa della sua capacità di trasmettere rapidamente le notizie. Singolarità storiche come il “colpo udito in tutto il mondo”, furono molto più lento nel diffondersi a causa della velocità di trasmissione di notizie dell’epoca: Le prime Internet erano fatte di lettere.

La mia ricerca sui cyborg è legata alle seguenti domande: Che cosa significa per estendere il corpo nell’iperspazio? Quali sono le implicazioni per la privacy, l’informazione e la formazione delle identità? Ora che abbiamo un secondo io, come facciamo a proteggere? Come si evolvono nel tempo le interfacce tra uomo e macchina?

[SC]:  Mi puoi raccontare un evento che, nella storia dell’umanità, ha avuto in termini di impatto complessivo effetti che sono simili a quelli di Internet?

[AC]: La stampa. Ha permesso la creazione e la dispersione del materiale e del pensiero a molte più persone rispetto a prima. Accanto a questo, i viaggi in treno e le automobili che hanno permesso la compressione dello spazio e del tempo, di viaggiare più velocemente di quanto mai fatto prima.
Allo stesso modo, il telefono è stato probabilmente l’invenzione più incredibile nella misura in cui ha permesso a una persona di stare da una parte del mondo, dire qualcosa, ed essere ascoltato dall’altra. Mentre la stampa ha permesso che le idee fossero conservati in un mezzo che potrebbe essere facilmente condiviso e duplicato, il telefono ha permesso che la mente e le parole fossero trasportati in modo sincrono, rispetto al trasporto asincrono della pagina di stampa.

[SC]: Se non vado errato, spesso tu dai ai dispositivi mobili e alla pervasività della rete un ruolo chiave nel processo di miglioramento delle nostre capacità umane. Sembra come se la rete fosse la vera fonte di questo “ehancement”, di questa trasformazione in “cyborg”. La mia impressione è che, in un certo senso, essere cyborg, human+, si riferisce più ad una integrazione / connessione con la società in sé – per mezzo della rete. È vero?

[AC]: Come esseri umani, siamo dipendenti dalla socializzazione, ma la maggior parte di noi non vivono in piccoli villaggi in cui la socializzazione è standardizzato e culturalmente mediata. Invece, molti esseri umani vivono nelle città, hanno un lavoro e dormono in appartamenti. Molte persone non conoscono neanche il loro vicino di casa. Molti guidano e non parlano con la persona nel macchina accanto.

La tecnologia ci permette di bypassare tutto questo, di connetterci a qualcuno quando siamo soli in aeroporto, in fila al supermercato, o nei nostri veicoli. La distanza fisica tra le persone che le famiglie e gli amici di oggi spesso sperimentano, e lo scambio rapido e la crescita del numero di contatti e amici che abbiamo generano l’isolamento della vita moderna. Il prezzo che paghiamo per la tecnologia è una tassa sulla velocità. Alcuni dei miei amici non utilizzare la tecnologia, e le loro vite sono più lente, più felici e più pacifiche. Tuttavia, devono fare le cose in modo analogico e ciò necessita un sacco di pianificazione e organizzazione premeditata. Direi che la cosa più importante che sta accadendo in questo momento è la velocità di comunicazione e interazione. La gente paga per la velocità. La gente paga per la comodità.

Siti come Facebook sono i fast food dell’interazione sociale. Le informazioni rilevanti sul tuo gruppo sociale, ti sono servite in bocconcini, ideali per uno spuntino durante momenti noiosi nell’isolamento della vita quotidiana moderna. Anche se molti potrebbero preferire incontrarsi nella vita reale, non c’è abbastanza tempo per avere così tanti amici intimi e incontrarli per tutto il tempo. Invece, con racconti brevi e senza necessità di formalità sociale i contatti sono in ogni momento, si può interagire con molte persone allo stesso tempo e in maniera più efficiente rispetto a quanto tempo richiederebbe interagire con la stessa quantità di persone singolarmente.

[SC]:  Qual è il ruolo della tecnologia allora? è solo un “facilitatore” per contare, ovunque e comunque, sui punti di forza della sua comunità?

[AC]: Nel co-crearti con un dispositivo digitale, sviluppi una identità in relazione agli altri. Questa identità può essere interessante o non interessante. Se è interessante, una convergenza oculare, o un insieme di attenzioi virtuali si può attaccare ad una identità virtuale. Questo dà alla persona una certa quantità di gravità rispetto agli altri. I propri aggiornamenti di stato devono essere technosociologicamente attraenti per gli spettatori, altrimenti si perde gravità. I brand, e sempre più persone, cercano di aumentare la loro forza di gravità. Molti di loro non ci riescono. Quelli che riescono a diventare utili, personalità service-oriented, diventano icone dell’ intrattenimento.

La Produzione di Identità è la produzione consapevole di identità attraverso l’azione fisica, mentale, virtuale o entrambe. La produzione di identità nella realtà virtuale può avvenire su un social network, attraverso il testo, l’immagine o il video e può verificarsi in momenti di piccole o grande interesse. La psicologa Sherry Turkle è stata tra i primi ad usare il “second self” (secondo io) per identificare il nostro corpo nello spazio virtuale. Lei vede il computer non come “strumento”, ma come estensione del sé psicologico e sociale nella realtà.

Internet permette di campionare sé stessi cioè di scegliere quali pezzi di sé si usano per presentare se stessi. Ogni persona vieve migliaia di momenti di ogni giorno. I momenti che si sceglie di riportare formano la propria identità.
Internet ti permette anche di porre domande a molte persone contemporaneamente. Nel caso di Quora o Twitter, si può porre una domanda a un gruppo di persone che geograficamente non sono vicine e  chi conosce persone nel gruppo che potrebbero essere in grado di rispondere alla domanda possono inoltrare la domanda molto rapidamente. Su queste reti, le persone sono collegate da interessi e conoscenze e queste reti sono spesso più efficienti rispetto alla comune ricerca su Google nel reperire informazioni perché questi gruppi sono composti da persone che condividono “conoscenza di vita”. Quando si cerca mediante un motore di ricerca un buon posto per mangiare, un’officina, o un buon dentista i risultati non sono così accurati come quando questo si chiede a una comunità.
In quanto esseri umani collegati tecnosocialmente costantemente  pianifichiamo per i nostri futuri sé: guardiamo le recensioni su Yelp! per preparare la nostra prossima avventura culinaria. Vogliamo garantire che i nostri futuri sé avranno una bella esperienza. Ci si connette a tonnellate di persone per fare questo, alla saggezza collettiva di un insieme di dati fatto di tante esperienze. Più esperienze ci sono, più accurato è il set di dati. Perché chiedere a una sola persona quando si può chiedere a molti? Le migliori tecnologie scompaiono e lasciare che gli esseri umani vivano la loro vita. Agiscono come un aiuto, o strumento per un obiettivo di intrattenimento o di socializzazione.

[SC]:  In un passo del “Manifesto Cyborg” Ho letto: “Un cyborg è un organismo cibernetico, un ibrido di macchina e organismo, una creatura di realtà sociale così come una creatura di finzione”. In che senso allora, parliamo di una “creatura di realtà sociale”? Quindi, tornando alla domanda precedente, è possibile che il cyborg sia per definizione “sociale”? è questo un aspetto fondamentale di questo atto di evoluzione?

[AC]: Questo è un ottimo punto. Gli esseri umani sono per natura sociali. Una volta che i computer sono stati collegati in rete, la tecnologia è divenuta sociale, non solo tra gli esseri umani, ma anche tra macchine. In questo senso, il computer è un vettore di interattività umana. Il computer aiuta l’uomo ad essere più sociale e più intelligente in quanto riduce l’attrito di interazione che esiste nel mondo analogico. La trasmissione o la ricerca di informazioni sono atti sociali che aiutano a trasformare i risultati di una ricerca in iterazioni utili alla ricerca successiva.

[SC]: Cosa possiamo aspettarci dall’Internet delle cose – quando non solo l’accesso alla rete, ma anche l’infrastruttura delle macchine sarà pervasiva?
Il punto è: cosa succede quando, attraverso una miriade di oggetti interconnessi saremo in grado di produrre un effetto “fisico” (dato il gran numero di attuatori) e non solo di acquisire informazioni dalla realtà? Saremo in grado di gestire questa complessità?

[AC]: L’innovazione nella tecnologia viene dal ridurre il tempo e lo spazio necessario per compiere un’azione, o nel comprimere le azioni ridondanti al fine di liberare tempo. I computer una volta erano grandi come palestre. Ora abbiamo computer nelle nostre tasche, che chiedono attenzione. Mark Weiser di PARC Research coniò il termine “calm computing” in cui la tecnologia si appelesa in caso di necessità, e scompare quando non è necessaria. Penso che la migliore tecnologia sia invisibile. Scompare e consente alle persone di vivere la loro vita.
Quello a cui ti stai riferendo è la promessa dell’ubiquitous computing: l’idea che i computer o le funzionalità di calcolo saranno incorporati in sempre più neglio oggetti analogici e che questi sistemi saranno in grado di parlare tra di loro.

[SC]: Quali implicazioni legali, regolamentari, politiche ci si può aspettare in un futuro fatto di cyborg? (Domanda difficile: D)

[AC]: Quando l’infrastruttura è pervasiva, e ha più punti di comunicazione con le nostre vite attraverso i dispositivi mobili, c’è una grande opportunità e potenzialità per contribuire a monitorare l’ambiente, migliorare la salute e diminuire la ridondanza di informazioni. Nella sanità, la ridondanza dell’informazione è un grande costo per i pazienti: se i medici sapessero che il medico precedente di un paziente ha già fatto una serie di test, il test non dovrebbe essere fatto di nuovo. Il potere delle banche dati centralizzate e di più dispositivi in grado di accedere tali database è immenso. Uno dei principali ostacoli a questo è la regolamentazione dell’accesso a queste informazioni.
Tuttavia, il fatto che tutto sia collegato fa affiorare problemi di paura, privacy, sicurezza, controllo e legalità.

[SC]: Pensi che avremo finalmente oggetti “sociali”, in grado di interagire con noi in modo naturale? (Mi capita spesso di pensare a cose come l’auto di Google) – Quale sarà l’impatto sulla società, allora?

[AC]: Credo che abbiamo già oggetti sociali. Ci forniscono le interfacce che ci legano agli altri. In un certo senso, siamo già socializziamo con i dispositivo al fine di socializzare con qualcun altro.

[SC]: Cosa pensi del  movimento humanity+ e in generale del positivismo tecnologico? Pensi che ci si può aspettare che questo passaggio verso un nuovo homo sapiens ad sia non-traumatico? ci sono momenti in cui questo sviluppo potrebbe fermarsi?

[AC]: Penso che il futuro sarà costoso, e che molti non saranno in grado di permetterselo. Alcuni dei migliori trattamenti in sanità, ad esempio, richiedono un po ‘di soldi. Le nuove tecnologie più cool costano un sacco di soldi e diventano obsolete in fretta.

[SC]:  Tu sei tra i fondatori del geoloqi. Il servizio è stato descritto da RWW come un mezzo per “trasformare la tua posizione in dati programmabili”. Vuoi darci un’idea di come il servizio è effettivamente utilizzato dalla comunità?

[AC]: Geoloqi viene utilizzato dalla comunità come un modo semplice per integrare servizi basati sulla localizzazione nelle applicazioni. Geoloqi è usato anche da molte persone come parte della loro vita quotidiana. Lo usano per condividere la loro posizione con le loro famiglie e amici in modo sicuro e privato.
Twitter e Facebook incoraggiano e premiano la condivisione di informazioni con gli altri, mentre Geoloqi incoraggia le persone ad essere consapevoli di ciò stanno condividendo. Si tratta di un servizio che di default è privato che permette di condidere informazioni per limitati periodi di tempo e solo con certe persone.

[SC]:  Come fa geoloqi (come altri servizi) a gestire le nostre “digital footprints” le tracce digitali che lasciamo? Sta cambiando di privacy? Qual è il concetto di privacy di cyborg?

[AC]: Geoloqi consente alle informazioni sulla posizione di un utente deve essere visibili solo quando le si invia a qualcun altro. Dopo un certo periodo di tempo, le informazioni scadono e nessun’altro può accedervi. La storia della tua posizione è disponibile solo a te. Geoloqi è privacy-forward, perché si preoccupa per la privacy come impostazione predefinita del servizio.
Quando stavo indagando su Facebook, era sufficiente menzionare il fatto che i propri genitori si erano iscritti a Facebook e questo era sufficiente per stimolare decine di storie, che portavano talvolta a tre ore di discussioni su situazioni imbarazzanti. Da lì mi è stato facile capire la scissione tra come si sperimenta la vita reale e il mondo online con i propri stessi genitori. Nella vita reale, gli adolescenti parlano ad altri adolescenti, gli adulti parlano ad altri adulti, e quando gli adulti comunicano con gli adolescenti, hanno un loro modo di proteggere i propri confini su ciò che è sicuro comunicare.
Quando i genitori hanno iniziato a unirsi alla comunità Facebook, sono entrati in un territorio dove la maggior parte adolescenti comunicavano tra di loro e sono venuti improvvisamente a conoscenza dei tipi di conversazioni che i ragazzi avevano tra loro. Quando questi due tipi di gruppi si fondono nello spazio on-line, improvvisamente tutti quei confini si sfaldano. È lì che appare l’invasione della privacy e l’imbarazzo: l’equivalente della mamma di qualcuno in giro mentre si sta avendo una conversazione informale tra amici. Facebook non aveva impostazioni di privacy o di un sistema per estendere questi confini analogico sociali on-line, così è stato (ed è) spesso davvero imbarazzante per molti adolescenti.
Non credo che la condivisione sia una brutta cosa: penso che apra nuove opportunità di incontrare altri con idee simili ed esperienze. Tuttavia, la posizione è qualcosa di più che una chiacchierata su Internet. E ‘una cosa molto privata e dovrebbe essere trattata di conseguenza.

[SC]:  Quali concetti pensi che tutti dovrebbero conoscere perché, in effetti, essi rappresentano il nostro futuro? Potresti consigliare ai lettori del blog una lista di letture che li possono aiutare a comprendere questi cambiamenti in atto?

[AC]: Il futuro è nel passato. Stiamo ancora cercando di realizzare quello che è stato sviluppato presso Parc 40 anni fa, perché solo che quell’ambiente può sostenere il futuro. Per vedere il futuro occore tornare indietro nel passato ai primi laboratori in cui sono state sviluppate queste tecnologie: troverete una miniera di informazioni sul futuro che stiamo vivendo ora.
Un Dizionario di Antropologia Cyborg. http://cyborganthropology.com/store / uscirà alla fine di luglio. Vorrei anche raccomandare Chris Gray  “The Cyborg Handbook”, come una buona risorsa sul tecnologia e umanità. C’è l’articolo originale sui Cyborg così come pezzi di molti altri scrittori sulla tecnologia e il futuro.

About meedabyte

Blogger, Wireless strategist and consultant, passionate about innovation, Free and open source enthusiast

9 comments

  1. consules

    That’s great posting dude.
    Just my two cents: when I look at technology (mobiles, screens, computers, machines….) I don’t see non-human stuff. I do see the opposite.
    I see in every piece of technology something extremely human. Protheses are human as well. In fact, I do see the result of what human can do: copying nature and turning it into technology. In this sense technology is art as well.
    When I am connected with the digital world, I am connecting with the most modern stuff a human may spawn.
    The similarity with cyborgs to me works when there is absence of thinking, just a pure use of technology. That’s extremely “machine”.
    Turning off brain. In a certain sense, when I see people spreading a “question” all over the web, I do believe this is a machine behavior. As we are not machines, we cannot sort this out, so the more we enlarge the circle, the less we will get closer to an acceptable indication. We must experience life. And that’s a very private adventure we socially do.

    Take care mate

  2. Pingback: Celebrate blogging « Meedabyte

  3. Thanks for any other great post. Where else may anyone get that kind of information in such an ideal manner of writing?
    I have a presentation next week, and I’m on the search for such info.

  4. Pretty! This was an extremely wonderful article. Thank you for supplying these details.

  5. I’m not sure where you are getting your information, but good topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for wonderful information I was looking for this information for my mission.

  6. So, by providing printable vouchers you can run your business more successive way too.
    MALE MODELS AS THE ABERCROMBIE AND FITCH ICONTo become
    a new Abercrombie and Fitch icon of male modeling, many college students agreeing to
    photograph frolicking nude on a beach or simply modeling shirtless before an unforgiving camera.
    Most sites have one, and you can be ensured that they won’t sell your e-mail address or any information.

  7. When I initially commented I clicked the “Notify me when new comments are added” checkbox and now each time a comment is added I get three e-mails with the same comment.
    Is there any way you can remove people from that service?
    Many thanks!

  8. The Languages like german language could be the initially not-english language language to get announced at business-areas.

    Once you get the chance to frolic in the water during your Cote d’Azur trips, remember to swim.
    During this software you could possibly discovered all of the data
    you could ever before will be needing.

  9. That is where you may well discover folks who definitely are offering the vehicles or vendors who
    have online stores. With Skype, it is possible
    to all talk collectively, free of charge. Quick availability
    of timber from worldwide makes it very easy to make classic fixtures utilizing more recent different
    types of timber.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 140 other followers

%d bloggers like this: