As the Conceptual Age fades the Meaning Age rises

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

Regular readers may have noticed that my latest publications were mostly interviews and talks. Despite of this, I must say that there are many issues I’ld like to deal with, with the depth that is usual for this blog, but the pace of events and the radical change that we are living nowadays often makes time for reflections hard to find.

The crisis of market capitalism and of the debt based economy should be expected to push us to think about the meaning of what we actually do and see but, despite an increasing number of Cassandras this is apparently not happening completely and with the level of depth it deserves.

 For years, we filled our brains and the mouths of the transaction between the information age – the era of computerization – and the conceptual age in the hope that this could save western economies from the ultimate nightmare of globalization of work and offshoring. We believed that thanks to our supposed greater ability to design great products, experiences and eventually statuses, we may have succeeded to the threat.

The news is that this is not happening as a relevant lack of qualified jobs for young people shows up these days.

Our vision and design capacity has been poisoned by consumerism for too long: the decades we spent living in a system in which compulsive consumption and the continuous search for status triumphed, made us short-sighted, unable to take a sincere look to our nearest future.

Now that the end of the consumerism and debt system is approaching, perhaps we start seeing it: indubitably, signs are clear and the worrying  risks of defaults in many western nations are here to demonstrate.

Few noticed that few weeks ago, while the U.S. were threatened by a downgrade menace, Apple – the company that based much of its fortune on defining statuses – reached the highest capitalization all time and was having more cash than the U.S. Treasury.

A few months ago, during what it is undoubtedly the most important design conference in Italy (Frontiers of Interaction) I was listening a talk, which dealt with the theme of the so-called social shopping. Wondering for my sudden disinterest, I asked myself what was wrong, indeed, in Lynn Teo’s so well performed lecture and presentation:

The point was: what meaning or interest there could be in conceptualizing and designing new ways for people to embrace a consumption pattern that proved so wrong? How the hell we think that people should socialize on the basis of their brand affiliations or thanks to the amount and quality of products they actually own?

The issue of more conscious consumption habits and more equal profit generation has become central to the products (perhaps we should start calling it PSS) designers all over the world and, eventually, the idea of ​​zero waste design and products that are shareable by design as well as collaborative consumption patterns are finally opening up even to VCs attention.  I wonder how, today, a design conference could miss these themes.

I believe that the society we were used to is broken and that, rather than wait for a decadent society to ask us to draw the last of its poisoned fruits, we, as people interested in how our world grows mature, shall draw an entirely new society by means of our ideas and our hands.

A few days ago I read an enlightening post by Malcolm Harris on Sharable that nails the topic. I nvite you all to read it but I want to quote few passages here:

“We have better things to do with our productive capacities than depress wages for those who cling to traditional employment. Instead, we have the opportunity to create new forms of social organization and patterns of mutual support [...]

We must be suspicious of everything we do not build, of everything handed down from an empire in decline, and look to our own hands. Even while the lives we build are independent, they’re still shared, and sharing is what we’re gonna need if we’re going to get out of youth alive.”

So now that our (westerners) ability to conceptualize is no longer a decisive advantage, and that our vaunted superiority of ethics and aesthetics as well as our unsustainable development model shows as unfitting, this leaves us no other the way than digging deep in meaning to formulate bottom-up solutions to be created where our community gets formed and interacts.

There’s no concept without meaning and, perhaps, the relatively short conceptual age have already left the pitch to an era of deepening in which we must look to solve problems cooperatively, and with shared responsibility.

Tweet thisTweet this

Italian translation follows.

L’era Concettuale segna il passo: ecco l’era del Significato.

I lettori più assidui, per pochi che siano, avranno notato che le mie ultime pubblicazioni sono state perlopiù interviste e talks. Sono molti i temi che vorrei affrontare in autonomia, con la profondità consueta a questo blog, ma la velocità degli avvenimenti e il ritmo di cambiamento che viviamo in questi giorni mi rende spesso le cose difficili.

La crisi, ormai conclamata del modello del capitalismo di mercato e delle economie del debito, ci dovrebbe spingere a riflessioni sul significato di ciò che facciamo e vediamo ma, malgrado un numero sempre più elevato di cassandre questo non sta succedendo completamente e al livello di profondità che meriterebbe.

Per anni, ci siamo riempiti il cervello e la bocca della transazione tra “information age” – l’era dell’informatizzazione – e “conceptual age” nella speranza che quest’ultima potesse salvare le economie occidentali dall’incubo dell’offshoring grazie a una nostra dichiarata superiore capacità di disegnare prodotti, esperienze, status.

La novità è che, semplicemente, non è così.

La nostra capacità di vision è design è stata drogata per troppi anni dal sistema di consumi nel quale eravamo immersi: un sistema per il quale il consumo compulsivo è la ricerca continua dello status ci hanno reso miopi, incapaci di gettare uno sguardo sincero al nostro futuro prossimoe

Ora che la fine del sistema dei consumi drogati dall’emissione di debito si avvicina, riusciamo forse a intravederla; i segnali sono ormai inequivocabili e il pericolo di default in numerosi stati occidentali ne è l’emblema massimo e la dimostrazione.

A tale scopo è stato emblematico un passaggio, che pochi hanno colto qualche settimana fa: nel momento in cui gli stati uniti rischiavano il downgrade è un incredibile default Apple, l’azienda che ha fondato gran parte della sua fortuna proprio sullo status toccava i suoi massimi storici di capitalizzazione  e disponeva di un cash superiore a quello del tesoro degli Stati Uniti.

Qualche mese fa, durante quella che è senza dubbio la più importante design conference in Italia assistevo a un talk in cui si affrontava il tema del cosiddetto social shopping. Meravigliandomi per il mio disinteresse, mi chiesi cosa ci fosse, effettivamente, di sbagliato nella pur interessante presentazione di Lynn Teo:

Il punto è: che profondità, che interesse c’è oggi nel disegnare e concettualizzare nuovi modi in cui le persone possano abbracciare ulteriormente un modello di consumo dimostratosi sbagliato, come si pensa che le persone possano socializzare sulla base della loro affiliazione a un brand o sulla base della quantità e qualità di prodotti che posseggono?

Il tema del consumo e della generazione del profitto è diventato centrale per i product (faremmo meglio forse a dire service) designer di tutto il mondo e finalmente l’idea del design zero waste, dei prodotti shareable by design e del consumo collaborativo stanno finalmente aprendosi una breccia anche nell’ambiente dei VC.

Mi chiedo se, ad oggi, possono in una design conference mancare questi temi.

Credo che la società a cui eravamo abituati stia andano in frantumi e, piuttosto che attendere che una società in decadenza ci chieda di disegnare l’ultimo dei suoi frutti avvelenati, da persone interessate a come il nostro piccolo mondo si sviluppa, dobbiamo disegnare, piuttosto, una nuova società tramite le nostre idee e con le nostre mani.

Qualche giorno fa leggevo un illuminante post di di Malcolm Harris su sharable che mi sembra abbia ottimamente centrato il punto, vi invito dunque tutti a leggerlo e ne riporto alcuni passi:

“We have better things to do with our productive capacities than depress wages for those who cling to traditional employment. Instead, we have the opportunity to create new forms of social organization and patterns of mutual support [...]

We must be suspicious of everything we do not build, of everything handed down from an empire in decline, and look to our own hands. Even while the lives we build are independent, they’re still shared, and sharing is what we’re gonna need if we’re going to get out of youth alive.”

Dunque ora che la nostra (da occidentali) capacita di concettualizzare non costituisce più un vantaggio decisivo e che la millantata superiorità etica e estetica di un modello di vita e sviluppo non più sostenibile segnano il passo, quello che ci è richiesto è di andare in profondità, di formulare soluzioni dal basso li dove la nostra comunità si forma e interagisce.

Forse la relativamente breve “conceptual age” lascia già il passo a un’era dell’approfondimento e del significato in cui dobbiamo guardare ai problemi per risolverli in maniera cooperativa, condivisa e responsabile.

About these ads

About meedabyte

Blogger, Wireless strategist and consultant, passionate about innovation, Free and open source enthusiast

4 comments

  1. Davide Carboni

    Grande post. E se la piantassimo di emettere bond? Sarebbe dura, ma alla lunga gli stati riacquisterebbero la loro sovranità

    • Ciao Davide, grazie per il commento e per l’incoraggiamento.

      Credo che pi che di sovranit nazionale si debba puntare, pi semplicemente a una sovranit popolare e delle molteplici comunit.

      Certo che il sistema del debito e dei consumi non pi di tanto attento alle esigenze delle persone quanto a quelle del capitale che lo foraggia in un circolo dimostratosi vizioso.

      Non so quale sia la transizione che dobbiamo aspettarci (molti teorici stanno lavorando su questo tema, primo tra tutti Michel – e la p2p foundation – recentemente intervistato) di certo questo sistema gi tecnicamente finito e sta in piedi solo surrettiziamente.

      Grazie ancora.

  2. Ottimo, credo che hai intercettato tutti i punti interessanti da approfondire. Ottima cosa, se vuoi dai uno sguardo a http://www.etnografiadigitale.it e http://www.societing.org un abbraccio e sono a disposizione

  3. Ridiculous story there. What happened after? Good luck!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 138 other followers

%d bloggers like this: