Welcome to the Hyper Natural World – A talk with Massimo Scognamiglio, artist and visionary

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

Massimo Scognamiglio, artist, entrepreneur, writer and web evangelist is recognised as one of the pioneers of the World Wide Web in Italy, where he launched  projects since the BBS age to date.

After spending years in California as the CEO of a biotech start-up, now he lives in Rome and works as creative director of Dnsee.

As an artist, is inspired by traditional means and techniques such as acrylic paint and watercolours but also by computer graphics, that he masters since the early ’80s to now, the era of digital fingers painting.

Massimo thinks that objects always have been extensions, prosthetics, amplifiers, man fetishes and that now objects and men – more and more connected in a network for the exchange of information – have become ‘part’ of an extended world where there is no longer any distinction between reality and representation. In this new era, everyday objects acquire new behaviours for old features: they are always connected and listening.

For all these reasons I decided to exchange a few words with Massimo about one of the most powerful and evocative concepts that he has ever produced: the Hyper Natural Objects.

Massimo at Frontiers 2011 - Original under CC > http://goo.gl/NivUJ

 

[Simone Cicero]: At first glance, I think it’s useful that you tell the readers how you came to the concept of Hyper Natural Objects. In essence I would like you to introduce to the diagram that explains the evolution from mimicry to hyper nature and thus the concept briefly.

In particular, I also like to know how you got (you and Leandro Agrò) to the definition:

“The Hyper Natural Objects are souls of software (applications) that revolt the tool that the receive them (eg: iPad) well enough to enable it to “interpret” a specific user experience (UX) by layering on other comparable pre-existing usage habits”

[Massimo Scognamiglio]: Walter Benjamin characterised the first part of the ’900 with his essay “The Work of Art in the Age of Mechanical Reproduction.” We can say that since the end of the century we have been able to “reproduce the reality”. Actually, we pushed the mimetic reproduction of reality at a level (ed: Second Life) to be eventually rejected because it felt like alien. Today we are one step further: thanks to overlapping connections, autonomous capability of language, listening sensors, relationship with the human being within the objects of common use, the very concept of reality has changed. Therefore the concept of fiction/play/imitation of reality itself has deeply changed: there is a continuum between reality and representation; this applies to objects for human relationships, artistic creations, etc… So here is my idea of Hyper naturalism, an extended reality which no longer sees distinction between the (real) object and its representation.

The diagram therefore, in its changing from linear to circular, traces the evolution from a world where the boundaries between reproduction and reality were well established to the world of today which no longer sees this distinction: what’s now a relationship between people? And what role do objects play in our daily lives?

Human relationships are now more and more low-intensity, highly mediated, and this mediation has become in fact the reality that we live; so objects and the representations that they offer us is our tangible universe where mimesis (or reproduction) and reality are fused and we live an extended world which, starting from the reproduction of reality passes through it, surpasses it, increases it, modifies it and integrates it through new behaviours and then comes back on itself like in a closed circle.

There is therefore no longer any distinction between inside and outside the screen and the sense of reality is permanently extended and constantly overlappin. The hyper natural is an extension of our vital functions and communications where the very concepts of life, relationships, time and space is redefined.

[SC]: How do people relate with this new concept of hyper natural world? How does the fruition experience changes?

[MS]: I have a feeling that the manipulation of information at the very same user experience level is changing profoundly: information is increasingly fragmented into moments, places, actions and micro-manipulation of these micro components of information requires tools and devices that are, in some sense, as large as the information and contextual to it. For example, e-mails finally found in the smart phone the best suited device (since it  allows us an extremely contextual interaction).

In an old post called “The little information” I’ve already addressed the issue and I think it’s worthwhile to quote from it:

… Historically (since there is a mouse and pointer) we found a way to manipulate large amounts of information in a symbolic manner… mediated through metaphors and systems that, as a remotely controlled scalpel, cut and sewed information.

But today we have entered an era of physical and direct information manipulation.

[...] if I can touch the data, then the relationship between my finger and the information is 1:1 and then the information is as small as my finger [...]

This means that, in order to dominate the information divide, simplify, make information palpable, is the goal of this decade of design .

From the world of daily jobs to the world of imagination and creativity therefore, the way we interact with the information we need is essentially changing: users can perform certain tasks because emerging and specific interfaces allow them to do so; no one could have imagined the copy and paste before the introduction of the mouse pointer, so here’s the direct manipulation of information, for example through touch oriented interfaces or gesture recognition. If spread to the masses, it becomes very exciting in terms of the possibility of conceptual change about what you can imagine and eventually do.

At this point, how this new level of reality will be superimposed on what we know, needs for a deep reflection and analysis.

[SC]: Can you give us an example of an object that embodies this paradigm?

[MS]: Think about how a simple object such as the notebook has changed. Take applications like Evernote: on one hand you are a step back to an interface that reminisces of the notebook in its “natural” form, Chatwin’s notebook, where the relationship with the information (UX) is very “old”, human – far from what we got used to after thirty years of point and click – on the other hand, at the same time it endows the object of hyper natural elements (sensors, network, software) that naturally lend new features that are perceived by the user as an integral part; how could a notebook exist today without geolocation sensors, picturing opportunities and the possibility to link notes to our networked memory?

From a philosophical point of view I think about constructivism, to those scholars who define the world and life as a cognitive process where the sensory components, language, applications are fundamental elements of reality.

In the Hyper natural world people develop new relationship with the objects and the objects themselves change and evolve, enabling people to communicate, live and exist with/from/to objects: in that sense objects need men and men need objects in a circular relationship between technical evolution and generation of new use cases.

[With respect to this, I invite the reader to give a look at this previous post on my blog: The Society of objects, which also was the first point of discussion between me and Massimo]

[SC]: My feeling is that, even from a linguistic point of view, you have tried (and, undoubtedly, succeed) to found a way to describe the transition from a world of objects created with a purpose, functional, linear objects and artefacts in which we started to instil potential, capacity, connections, multiplicative mechanisms that make them rather non-linear objects capable of surprising us with unexpected behaviour. Is that true?

[MS]: Name something means, in the end, creating it, bringing it to life. I am very pleased that you focus your attention to the linguistic point of view. The concept of hyper natural, in fact, is just a conceptual aggregator:  I put together tools, methods, capabilities, features, behaviours that are – sometimes in a disaggregated way – already present in many everyday objects. An important point I would like to stress is that the hyper natural object must, or at least should, have one and only one function, the application, with many behaviours, automatic or not.

Once, I was working on a problem related to a question:

“Why do iPad newspapers not have (at least) the expected success?”.

Now, putting aside all the choices that go beyond the object itself – marketing, positioning, economic, etc… – I began to develop the concept of newspaper as an object.

The relationship with this extraordinary object, the short-lived, highly tactile, physically unique and identifiable, warm, able to transmit emotions, had to be the fundamental starting point for any argument of “transposition” – camouflage? – into digital.

But I realised immediately that the imitation was not working – many publishers didn’t though! – and that, instead, we needed to identify one and only one primary function – trivially, reading – and build around it a new dynamic hyper natural enjoyment. A success case is “The New Yorker” iPad app. On that app there was a balance between the single function (reading) and the enchantment of using a tool like the iPad: “invisible” navigation but natural and consistent. The weight of the elements – even typographical – does not play a mimetic reproduction of the newspaper but, instead, creates a language, graphics and interface evolution. Imagine if, while developing the press, Gutenberg tried to play a mimicry of scribes work: it would have failed! Instead from there a new archetype was born , typeface, and it has become real, daily, natural and in fact, hyper-natural.

[SC]: Often you refer to tablets or smartphones. In a sense, having empowered these systems of an entire ecosystems that provides a continuous proliferation of new applications and use cases, is a simply way to ensure that these objects are always ready to change and adapt, fit our reality with ease (I would say our needs). In this sense, their “soul” goes beyond software and, rather, concerns the collective intelligence these devices let us connect all the time.

[MS]: I do not believe in the soul! ;) So my definition of software soul is to be understood in a broader sense than to equip in/animated objects of listening skills and connections with the human reality and respect to other objects. Rather than collective intelligence, therefore, I would speak of collective behaviours: “hyper behaviours” of objects and people that exchange information and share contents up to a whole existence.

In a hyper real world information about ourselves is not only an account of reality and life, but is life itself. The tablets and smartphones are naturally the nearest objects to break down the filter between imitation and reality because they are more and more part of us. In fact these objects go behind the rules of the old devices were tied: rules of interface, such as mouse & click, places of enjoyment; even if you think about the laptop that’s a desk object, a very detached relationship: the computer is not as immersive as a tablet.

Today, these tools need to reach – and some have already – the places of invisibility: the living room, the pocket … they must come into our lives and stay there, invisibly, as the television did decades ago.

[SC]: How much of the ability to create interactions and hyper natural objects, resides in the technical development – new sensors, IA – and how much, rather, in the ability to instill in them creativity, art, empathy, as it can be derived from an ecosystem of developers, users, or even friends, peers?

[MS]: It’s clear that hyper natural objects should be developed according to multiple axes: listening and autonomous information processing skills allow you to create tools that are highly personal, while their use in eco-systems enhances the social side – here there would be a nice new coinage, the “persocial” (personal + social).

The human element is crucial, there is a great need to move from paid playgrounds to real ecosystems, but the pace will not be easy. Today, Apple has changed – and I say this with the regret of a great admirer of the company – its ecosystem in a fish tank with customers that take the bait. I’m not saying it shouldn’t be, I simply say that reality, even the hyper reality, must not be a huge shopping center that eats user data to eventually create the perfect sales systems: the reality, hyper reality, is much more extensive, large, valuable and must not become only a commercial trade, where people are just commercial targets.

[SC]: How could I design a HNO or, in general, give a product the skills and behaviours that an HNO must have? There are guidelines that you think of a product designer must follow to ensure the product they design is a first class citizen of the Hyper Natural Environment?

[MS]: What defines an object? I grew up with the definition that binds the object to the function. So what is a behaviour respect to a feature? is a dynamic relationship with the object itself. According to the principles of interface design is what I expect that the object can do for me in a particular and specific point in time, space, atmosphere, etc…

How should my agenda, my pen, my application, my phone, my shoes, my gun, my car behave if I’m are here or there? If it is raining or windy? The main feature continues to define the object but the contextual behaviour is what will influence the evolution of the future generations of it. This will be possible through more and more applications: the connected soul of these objects.

When Steve Jobs introduced the iPad for the first time he used the word “magic”: often the magic and poetry are oxymorons when juxtaposed to the word technology, instead there is great need of them. And it’s a winning perspective. As demonstrated by Apple every day.

PS: thanks to Leandro Agrò, which helped me streamline my thoughts: he has always been a beacon for vision and ideas.

You should follow me on twitter here.

And, if you liked the post, please, tweet this!

Italian translation follows.

Benvenuti nel mondo degli oggetti hyper naturali.

Massimo Scognamiglio, artista, imprenditore, scrittore e web evangelist è riconosciuto come uno dei pionieri del World Wide Web in Italia, dove ha avviato progetti dagli ‘80 delle BBS fino ad oggi.

Dopo aver trascorso the anni in California come CEO di una start up biotech, oggi vive a Roma e lavora come direttore creativo di Dnsee.

Come artista è ispirato da mezzi e tecniche più classiche, come le pittura acrilica e gli acquerelli, ma anche dalla computer grafica che ha frequenta sin dai primi anni ’80 fino ad oggi, l’era della pittura digitale con le dita.

Massimo sostiene che gli oggetti da sempre siano estensioni, protesi, amplificatori, feticci dell’uomo e che oggi gli oggetti e gli uomini – sempre più connessi in una rete comune di scambio di informazioni – siano diventati ‘parte’ di un mondo esteso dove non c’è più alcuna distinzione tra reale e rappresentazione. In questa nuova era gli oggetti della vita quotidiana acquisiscono nuovi comportamenti per antiche funzionalità, sono sempre connessi e hanno capacità di ascolto.

Per tutti questi motivi ho deciso di scambiare con Massimo qualche parola su uno dei più potenti ed evocativi concetti che lui abbia mai prodotto: gli Hyper Natural Objects.

[SC]: In prima battuta, credo sia utile che tu racconti ai lettori come sei arrivato al concetto di Hyper Natural Objects, in sostanza vorrei che tu introducessi il diagramma che spiega l’evoluzione dalla mimesi all’hyper naturalità e dunque brevemente il concetto.

In particolare, mi piacerebbe sapere anche come siete arrivati (tu e Leandro Agrò) alla definizione:

“Gli Hyper Natural Objects sono anime di software (applicazioni) che rivoltano lo strumento che le accolglie (es. iPad) così bene da consentirgli di “interpretare” una specifica esperienza d’uso (UX) così bene, da stratificarsi sulle altre pre-esistenti comparabili abitudini d’uso”

[MS]: Walter Benjamin ha delineato la prima parte del ‘900 con il suo saggio “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”. Possiamo affermare che dalla fine del secolo siamo stati in grado di “riprodurre anche la realtà”. Abbiamo spinto la riproducibilità mimetica della realtà a un livello tale (NDR: Second life) da essere, alla fine, rigettata perchè sentita come aliena. Oggi siamo ad un passo ulteriore: grazie alla sovrapposizione di connessioni, di capacità autonome, di linguaggio, di sensori di ascolto, di rapporto con l’essere umano, all’interno degli oggetti di utilizzo comune, il concetto stesso di realtà è mutato. Di conseguenza anche il concetto di finzione/riproduzione/mimesi della stessa è cambiato: esiste un continuum tra realtà e rappresentazione; questo vale per gli oggetti, per le relazioni umane, per le creazioni artistiche, ecc. Ecco quindi la mia idea di Hyper naturalismo, un realtà estesa che non vede più alcuna distinzione tra la rappresentazione e l’oggetto (reale) della stessa.

Il diagramma dunque, nella sua evoluzione da lineare a circolare, traccia l’evoluzione da un mondo dove i confini tra “riproduzione” e “realtà” erano ben definiti al mondo di oggi, come detto, profondamente cambiato: cosa è una relazione oggi tra persone? E come gli oggetti entrano nel nostro vivere quotidiano?

Le relazioni umane oggi sono sempre di più a bassa intensità, estremamente mediate, e questa mediazione è diventata effettivamente la realtà che viviamo; così gli oggetti e le rappresentazioni che essi ci propongono sono il nostro universo tangibile, dove mimesi (ovvero riproduzione fedele) e realtà sono fuse, e viviamo un mondo esteso che partendo dalla riproduzione del reale lo attraversa, lo supera, lo aumenta, lo modifica e lo integra attraverso comportamenti nuovi per poi ritornare su se stesso come in un cerchio chiuso.

Non esiste dunque più alcuna distinzione tra dentro e fuori lo schermo e il senso del reale è definitivamente esteso ed in continua sovrapposizione ed estensione. L’hyper naturale è quindi un’estensione delle nostre funzioni vitali e di comunicazione dove i concetti stessi di vita, di relazione, di tempo, di spazio si ridefiniscono .

[SC]: Come si rapportano le persone con questo nuovo concetto di mondo hyper naturale? Come cambia l’esperienza che ne fruiamo?

[MS]: Ho la sensazione che la manipolazione stessa delle informazioni a livello di user experience stia profondamente cambiando: l’informazione è sempre più frammentata in attimi, luoghi, micro azioni e la manipolazione di questi micro componenti di informazione necessitano di strumenti e device che siano, in un certo senso, grandi quanto l’informazione e contestuali ad essa; ad esempio, le e-mail hanno trovano finalmente il device più adatto nello smart phone (che ci permette una interazione con lo strumento eccezionalmente contestuale).

In un mio vecchio post chiamato “L’informazione piccola” mi è già capitato di affrontare la questione e credo che valga la pena citarne un passo:

…Storicamente (da quando esiste il mouse ed il puntatore) avevamo trovato un metodo per manipolare grandi quantità di informazioni in maniera simbolica… ovvero mediati attraverso metafore e sistemi che come un bisturi comandato a distanza tagliavano e cucivano informazioni.

Oggi invece siamo entrati nell’era della manipolazione fisica e diretta delle informazioni.

[...]se posso toccare il dato, allora il rapporto tra il mio dito e l’informazione è 1:1 e quindi l’informazione “è piccola come il mio dito” [...]

Questo significa che dividere per dominare l’informazione, semplificarla, renderla palpabile è l’obiettivo di questo decennio di design.

Dal mondo del lavoro a quello dell’immaginazione e della creatività dunque, il modo in cui interagiamo con l’informazione di cui abbiamo bisogno sta cambiando sostanzialmente: gli utenti possono compiere determinate azioni proprio perché nascenti e specifiche interfacce permettono loro di farlo; nessuno avrebbe potuto immaginare il copia e incolla prima dell’introduzione del mouse e del puntatore; ecco quindi che la manipolazione diretta delle informazioni – ad esempio mediante le interfacce touch o la gesture recognition – se diffusa alle masse diventa estremamente eccitante dal punto di vista delle possibilità di cambiamento “concettuale” di ciò che si potrà immaginare e fare.

A questo punto, quello che necessita una profonda riflessione e analisi è proprio il modo in cui questo nuovo livello di realtà si sovrapponga a quella che conosciamo.

[SC]: Puoi darci un esempio di un’oggetto che incarna questo paradigma

[MS]: Pensa a come è cambiato un oggetto semplice: il block notes. Prendiamo applicazioni come Evernote: da una parte si fa un passo indietro tornando a un’interfaccia che ricorda il block notes nella sua forma “naturale”, il taccuino di Chatwin per intenderci, dove il rapporto con l’informazione (UX) è molto “antico”, umano – decisamente lontano dal punta e clicca al quale siamo abitutati da trent’anni – dall’altra, allo stesso tempo l’hyper naturalità dota questo oggetto di elementi (sensori, rete, software) che con naturalezza donano nuove feature che sono percepite dall’utente come parti integranti e, ormai, fondamentali. Così un blocco appunti non potrà essere tale senza sensori di geolocalizzazione, possibilità di scattare foto e di collegarle alla nostra memoria diffusa in rete.

Da un punto di vista filosofico possiamo rifarci al costruttivismo, ovvero a quella corrente di pensiero che definisce il mondo e la vita come un processo cognitivo dove le componenti sensoriali, di linguaggio, applicative, sono elementi fondanti della realtà.

Nel mondo ipernaturale le persone maturano un rapporto nuovo con gli oggetti e gli oggetti stessi cambiano e si evolvono permettendo alle persone di comunicare, vivere e esistere con/tra/per gli oggetti: in questo senso gli oggetti hanno bisogno degli uomini e noi degli oggetti, in un rapporto circolare tra evoluzione tecnica e generazione di nuovi casi d’uso.

[rispetto a questo, invito il lettore a dare uno sguardo a questo post precedente sul mio blog: The Society of objects, che peraltro ha costituito il primo spunto di discussione tra me e Massimo]

[SC]: La mia sensazione è che, anche da un punto di vista linguistico, tu abbia cercato (e, innegabilmente, trovato) un modo per descrivere il passaggio da un mondo di oggetti creati con uno scopo, oggetti funzionali, lineari verso oggetti e artefatti in cui abbiamo iniziato a instillare potenzialità, capacità, connessioni, meccanismi moltiplicativi della realtà che lì rendono, piuttosto, oggetti non-lineari capaci di sorprenderci con comportamenti inaspettati. È così?

[MS]: Denominare “una cosa” vuol dire, in fin dei conti, “crearla”, darle vita. Mi fa molto piacere quindi che tu stesso focalizzi l’attenzione verso il punto di vista linguistico. Il concetto di hyper naturale è, di fatto, proprio un aggregatore concettuale sotto il cappello delle parole: metto insieme strumenti, metodi, capacità, funzionalità, comportamenti che sono – a volte in maniera disaggregata – già presenti in molti oggetti della vita quotidiana. Un punto importante che mi piace sottolineare è che l’oggetto iper naturale deve, o almeno dovrebbe, avere una e una sola funzione, l’applicazione, con molti comportamenti, automatici e non.

Alcune di queste riflessioni mi sono arrivate per sponda da altri e ben lontani ragionamenti. Stavo lavorando ad un problema legato ad una domanda:

“Perché i giornali su iPad non hanno avuto (all’inizio per lo meno) il successo sperato?”.

Ora mettendo in disparte tutte le scelte che esulano dall’oggetto in se – di marketing, di posizionamento, economiche, ecc. – avevo cominciato ad elaborare il concetto di quotidiano come oggetto. Ecco quindi che – inevitabilmente – il rapporto con questo straordinario oggetto dalla vita breve, fortemente tattile, fisicamente unico ed identificabile, caldo, capace di emozionare, era e doveva essere il punto di partenza fondamentale per ogni ragionamento di “trasposizione” – mimetica? – nel digitale.

Mi sono però accorto immediatamente che la mimesi non funzionava – non se ne sono accorti molti editori, però! – e che invece occorreva individuare una ed una sola funzione principale – banalmente, la lettura – e costruire intorno ad essa una nuova dinamica hyper naturale di fruizione. Un caso esemplare è “The New Yorker” per iPad. Lì è stato raggiunto l’equilibrio tra la singola funzione (la lettura) e l’enchantement raggiunbile tramite uno strumento come l’iPad: una navigazione “invisibile” ma naturale e coerente. Il peso tra gli elementi – anche tipografici – non riproduce in modo mimetico il giornale ma lo ricrea come in una evoluzione “linguistica”, “grafica” e di interfaccia. Pensate se quando nacque la stampa, Gutemberg avesse provato a riprodurre in maniera mimetica il lavoro degli amanuensi: avrebbe fallito! Da li invece è nato un nuovo “archetipo”, il carattere tipografico, ed esso è diventato “reale”, “quotidiano”, “naturale” anzi, iper naturale.

[SC]: Spesso fai riferimento ai tablet o agli smartphones. In un certo senso, l’aver dotato sistemi come questi di interi ecosistemi che garantiscono un proliferare continuo di nuove applicazioni e use cases, non è altro che un modo per assicurare che questi oggetti siano sempre pronti a cambiare e adattarsi, plasmandola, alla nostra realtà con naturalezza (alle nostre esigenze direi). In questo senso la loro “anima” va oltre il software e piuttosto riguarda l’intelligenza collettiva a cui questi devices ci connettono in continuazione.

[MS]: Io non credo nell’anima! ;) Quindi la mia definizione di “anima software” è da intendersi in senso esteso rispetto al dotare oggetti in/animati di capacità di ascolto e connessione con la realtà umana e rispetto agli altri oggetti. Più che di intelligenza collettiva, parlerei di dunque di comportamenti collettivi, “hyper behaviours” di oggetti e persone che indistintamente scambiano o permettono di scambiare informazioni, contenuti ed intere parti di esistenza.

In un mondo iper reale l’informazione di se stessi non è solo un resoconto dalla realtà, e quindi dalla propria vita, ma E’ la vita stessa. I tablet e gli smartphones sono “naturalmente” gli oggetti più vicini ad abbattere il filtro tra mimesi e reale perché sono sempre di più parte di noi. Essi sono fisicamente strappati alle “regole” dei vecchi dispositivi: regole di interfaccia, come il mouse & il click, luoghi determinati di fruizione; se ci pensi anche il portatile classico è niente più che un oggetto da scrivania, che ha con l’utente un rapporto molto distaccato; il computer non è così immersivo come un tablet.

Oggi questi strumenti devono conquistare – ed in parte l’hanno già fatto –i luoghi dell’invisibilità: il salotto, la tasca… devono cioè entrare nelle nostre vite e rimanerci, invisibilmente, come fece la televisione decine di anni fa.

[SC]: Quanto della capacita di creare interazioni e oggetti hyper naturali, risiede nello sviluppo tecnico – nuovi sensori, IA – e quanto invece nella capacità di instillare in essi creatività, arte, empatia ovvero quello può derivare da un’ecosistema di sviluppatori, utenti o anche solo dall’interazione con amici o peers?

[MS]: E’ evidente che gli oggetti hyper naturali si debbano sviluppare su più assi: le capacità di ascolto e di elaborazione autonoma delle informazioni permettono di creare strumenti altamente personali, mentre il loro utilizzo all’interno di eco-sistemi esalta il lato sociale – qui ci starebbe un nuovo neologismo, il “persocial” ;).

L’elemento umano è fondamentale, c’è una grande necessità di passare dai parchi giochi a pagamento a veri ecosistemi, ma il passo non sarà facile. Oggi la Apple ha trasformato, e lo dico con rammarico da grande estimatore dell’azienda, il suo ecosistema in una vasca per pesci/clienti da prendere all’amo. Non dico che non lo possa essere, dico semplicemente che la realtà, anche quella hyper naturale, non deve e non dovrà essere un grande centro commerciale che nutre di dati utente il sistema per creare i sistemi di vendita perfetti: la realtà, l’hyper realtà, è molto più estesa, ampia, valida e non può e non deve diventare un trade commerciale, dove le persone sono solo target commerciali.

[SC]: Concretamente, come potrei io progettare un HNO? O, in generale, come dotare un prodotto delle capacità e dei comportamenti che un HNO deve avere? Ci sono secondo te delle linee guida che un product designer deve seguire per far si che il prodotto che realizza sia un cittadino dell’Hyper Natural Environment?

[MS]: Cosa definisce un oggetto? Io sono cresciuto con la definizione che lega l’oggetto alla funzione. E allora cosa è un “comportamento” rispetto ad una “feature”? E’ una relazione dinamica con l’oggetto stesso: secondo i principi dell’interface design, è cosa mi aspetto naturalmente che un oggetto possa fare per me in quel determinato e specifico momento temporale, spaziale, atmosferico, ecc….

Come si devono comportare la mia agenda, la mia penna, la mia applicazione, il mio telefono, le mie scarpe, la mia pistola, la mia automobile, se sono qui oppure lì? Se piove o tira vento? La funzione continua ad essere ciò che definisce l’oggetto ma il suo comportamento contestuale è ciò che influenzerà l’evoluzione delle future generazioni di oggetti. Questo è possibile tramite le applicazioni che sempre di più saranno l’anima, connessa, di questi oggetti.

Quando Steve Jobs presentò per la prima volta l’iPad usò la parola “magia”. Spesso la magia e la poesia sono ossimori se accostati alla parola tecnologia e invece ce ne è grande necessità. Ed è un punto di vista vincente. Come dimostra ogni giorno Apple.

p.s. Un ringraziamento a Leandro Agrò che mi ha aiutato a razionalizzare i miei pensieri e che da sempre è per me un faro per lungimiranza e idee.

About meedabyte

Blogger, Wireless strategist and consultant, passionate about innovation, Free and open source enthusiast

8 comments

  1. Pingback: Welcome to the world of Hyper Natural Objects – A talk with M. Scognamiglio, artist and visionary > #design #UX #IXD | UXWeb.info

  2. Enlightening approach to the Internet of Things, thank you.
    About this, “… no one could have imagined the copy and paste before the introduction of the mouse pointer, …” I understand it as referring to the effects coming from the new capability of quickly quoting re-usable text. Without the not-so-much-older routine of copy/paste work with print on paper, cutter, glue, and copy machine.

  3. Thanks your appreciation! That’s the case. The relation between emerging gaps and use cases and technology innovation is circular so it’s hard to say what comes first.
    I asked Massimo himself to comment

  4. Thank you for your reply. Of course in the “real world” there is the copy/paste with “real” tools from a couple of thousand of years. Than, with the desktop computer and the introduction of the pointer we created a metaphoric world that was a mimesis of the real world… with that metaphoric approach we imagined a totally new approach to the manipulation of the information

    today we re-invented the “real world”. There is no difference between the representation of the world and the world itself. Thus I can imagine that we will do the unimaginable!

  5. I started an “open discussion”: “Hyper Natural War Game”. I really will appreciate your comments!

    http://hypernaturalobjects.com/open-discussion-hyper-natural-war-game

  6. Pingback: Futuro/ L’evoluzione digitale a portata di video « Titel News

  7. Pingback: Masaic, the art of right image « anonimodelxxisecolo

  8. scognamiglio1969

    Thank you Philipp for your reply. I did’t fully understand the point. Happy new year!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 133 other followers

%d bloggers like this: