Pirates, Activists and Civil Liberties – Interview with Rick Falkvinge, Pirate Party Founder

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

On the site http://falkvinge.net/ from which Rick Falkvinge and his Pirates colleagues (some of which also attend the European Parliament) tirelessly inform us about the threats to civil liberties in Europe and the world, there’s a cool “about” section that states: “Rick is the founder of the first Pirate Party and is a political evangelist, traveling around Europe and the world to talk and write about ideas of a sensible information policy. He is also a net activist, building tunnels and tools whenever and wherever”

Pirate parties are achieving significant results somewhere in Europe and I wanted to take the change of asking Rick some questions that can help us, Pirates and activist around, getting inspired from such a great politics visionary and innovator.   

[Simone Cicero]: Beyond the well known positions against copyright and patents, which should it be the directions to develop Pirate Party policy in the coming years?

[Rick Falkvinge]: Every major modern political movement started out like this – as a reaction to an injustice. It was the case with the liberals, with the labor movement, with the greens. Over time, they transformed from being against an unjust development to being in favor of an alternative, which then won out over the old guard of their time.

The mature pirate parties are in the process of discovering what this alternative is. We’re not quite there yet, but it’s certainly much, much bigger than just protecting the net against an obsolete copyright industry. There is a reason that there is so much overlap between the Pirate Parties, Anonymous, and Occupy Wall Street, for instance. What that reason is remains to be worded – for now, it’s just a feeling in people’s guts.

[SC]: My impression reading interviews with representatives of the party is that, on many issues (such as the European Union policy or foreign policy in general, issues related to welfare, etc….), there isn’t still a clear and defined position and it’s often said “we’re talking about it” or “we are identifying experts to formulate a position.

This aspect is crucial as it does nothing but confirming that the PP, when defining a position is difficult or, more frequently, a position hasn’t emerged yet, looks to discussion and sharing as the only solution. What do you think?

[RF]: This response, that we’re in the process of identifying an underlying structure, is actually a very honest response. You are quite right that we need to have those answers, and that it is crucial to getting to the next level as a political movement. However, we’re still accumulating those experts to ding there.

In the meantime, people do vote for us for our underlying sentiment and analysis that you shouldn’t be able to buy laws that override people’s fundamental civil liberties. I can’t understand that the other parties just hum along with this.

[SC]:  Is The Pirate Party intended to make policy together with the existing parties? shall it seek for a partnership? side with them? What’s the ultimate goal?

[RF]: In playing the political game in a parliament with proportional representation, it is not enough to have credible policies and gain votes (which certainly is hard enough). You must also be acutely aware of game theory. Fortunately, that’s something that most gamers can do in their sleep – we have a tremendous advantage as a movement in this aspect.

In short, not only do we need to get into parliaments, but we also need to negotiate ourselves into a position where we become part of a majority coalition and part of our policies become law. Otherwise, our impact will be much smaller, and it will become significantly harder to get re-elected without having delivered when the term is up.

[SC]: Openness, copyleft, p2p, commons are key concepts to the advocates a new kind of development and prosperity. These are simple, easily explicable concepts but they have been often subject to FUD by the established production industry focused on consumerism and growth by resources consumption.

How should we fight this battle? What would you suggest to people, activists and advocates of a society that’s more equal and careful of civil liberties?

[RF]: It’s the same challenge that all the major political movements had – that their new perspective was originally only understood in the framework of the previous establishment. The greens were originally “against production” and “against economic growth”; it took quite a bit of explaining to communicate the new perspective: not being against production, but being in favor of sustainability.

We have the same task ahead of us in explaining our perspectives, and we should expect it to take hold overnight. We need to grow one dialog at a time, one person “getting it” at a time.

[SC]: We are launching Hopen Think Tank (hopen.it / @hopentt) in Rome with a strong dissemination focus: we think that Freedom comes only from awareness so we’ld like to dedicate our efforts to evangelize people about their own potential thanks to media like the Internet.

Do you think that working on dissemination to produce awareness is a good practice for the new activist? How much instead lobbying for an open culture is on the other hand important? In other words shall we aim to a bottom up or top bottom approach?

[RF]: I think you need both, paradoxically. We are intrinsically a bottom-up movement and a horizontal movement, but the people who haven’t lived this lifestyle won’t even understand what we are talking about. They need to be (patiently) taught what we are talking about, they need to be handheld into this new world. Once there, they too will start building from the bottom without asking anybody’s permission.

My point here is that you can’t really understand pirate policies unless you live the connected lifestyle.

[SC]: The idea of protecting privacy online seems sometimes pretty hard to imagine in our hyperconnected society; I mean: how things like the concept of “sharing” fits with “protecting privacy”? What kind of model do you envision regarding how to manage our digital footprints?

[RF]: This is key to the first step of the battle – tying enforcement of the copyright monopoly to erosion of civil liberties; that the copyright industries are essentially demanding the end of freedom of speech and opinion in order to preserve their way of business. Once you manage to communicate that connection, the rest is much easier.

That was our key to the success in the 2009 European Elections.

[SC]: What do you think about the lack of distributed, p2p, alternatives to centralized, often privacy problematic services – like Social networks or productivity suites? How shall we face this issue?

[RF]: There is a very general rule that has always applied on the net: if you see something you don’t like, then post something you do like. The same applies with the centralized services. Yes, they are a problem, but our power to change society doesn’t lie in changing them. It lies in creating something better to replace them.

Just look at what free software has done to the old telecom world. All mobile phones – Nokia’s MeeGo, Apple’s iOS and Google’s Android – are built on free software. The old locked-in systems are gone, and even though some (looking at Apple here) like to lock in their users again, this transformation shows the power of information freedom.

[SC]: You invested all your savings on Bitcoin: don’t you think that p2p community based alternative  currencies like this shouldn’t be traded or accumulated? I mean: shouldn’t be used to support a real economy of mutual exchange of real, tangible values instead?

[RF]: A currency has many functions, but doesn’t work without fulfilling its most basic promise of being an exchange of value. Bitcoin has some way to go to achieve that functionality in a satisfying manner. However, as we see with the banking blockade against WikiLeaks, an alternative to the U.S.-centralized financial clearinghouses is desperately needed, and I would prefer a decentralized, uncontrollable version that can’t turn off the money flow to a player that embarrasses governments.

[SC]: Now a quite broad question. You’re indubitably a visionary: founding the PP more than five years ago was way ahead of time. Those days, we weren’t conscious of what the Internet was going to become as a safeguard of our own civil liberties and how eager governments of the world  were to subjugate it.

I often make this question during my interviews: what Internet do you expect in five years or so? Is it our own responsibility to build it?

[RF]: We are currently at a very crucial crossroads. The internet is being increasingly wiretapped and censored, but it is also becoming more and more resilient and decentralized to that kind of control.

Which side wins? That is that battle happening right before our eyes, right now. If the control and authoritarian side wins (including the copyright industry), we will have a Big Brother society beyond our worst nightmares. If the decentralized, activist side wins, we will have more transparency and a stronger democracy than ever seen before.

There is a lot at stake, and everybody has a responsibility to fight for what they believe in.

The current fights are not going to be over in five years. That’s what everybody said with Napster in 1999, too, but the copyright industry is still rehashing the same tired arguments over and over. Worse, the politicians are buying them out of ignorance and lack of understanding.

This will continue until we get politicians in decision-making positions that can see the special interests for what they are and tell them to take a hike if they can’t sustain a business. We have only started going down that road, but I predict we will have made significant progress a decade from today.

If we haven’t, we will be at risk of a very dark turn in civilization.

 

You should follow me on twitter here.

And, if you liked the post, please, tweet this!

 

Italian translation follows.

Pirati, Attivisti e Libertà Civili – Intervista con Rick Falkvinge, il fondatore del Partito Pirata

Sul sito http://falkvinge.netda cui Rick Falkvinge ei suoi colleghi Pirati (alcuni dei quali frequentano anche il Parlamento europeo), instancabilmente ci informano sulle minacce alle libertà civili in Europa e nel mondo, c’è una divertente sezione “about” che afferma: “Rick è il fondatore del primo Partito Pirata ed è un evangelista politico che viaggia  in Europa e nel mondo per parlare e scrivere di idee a proposito di corrette politiche dell’informazione.  Rick è anche un attivista della rete che costruisce tunnel e strumenti ogni volta e ovunque ce ne sia bisogno “

I Partiti pirata stanno ottenendo risultati significativi da qualche parte in Europa e volevo approfittare della disponibilità di Rick per fargli alcune domande che ci possono aiutare, come Pirati o semplicemente attivista, ad avere ispirazione da un grande visionario e innovatore della politica.

[SC]: Al di là delle posizioni ben note contro copyright e brevetti, quali dovrebbero essere secondo te le indicazioni per sviluppare la politica del Partito Pirata negli anni a venire?

[RF]: Tutti i principali movimenti politici moderni sono iniziati in questo modo – come reazione a un’ingiustizia. E ‘stato il caso con i liberals, con il movimento operaio, con i verdi. Nel corso del tempo, si sono trasformati dall’essere contro uno sviluppo ingiusto ad essere a favore di un’ alternativa, che poi ha avuto la meglio sulla vecchia guardia del loro tempo.

I Partiti Pirata maturi sono in procinto di scoprire qual è questa alternativa. Non ci siamo ancora, ma sappiamo che è certamente molto, molto di più proteggere semplicemente la rete da un’industria del copyright obsoleta. C’è una ragione se esiste una sovrapposizione così grande tra le Partiti Pirata, Anonymous e OccupyWallStreet per esempio. Quale sia la ragione deve ancora essere scritto – per ora, è solo una sensazione nella pancia della gente.

[SC]: La mia impressione leggendo le interviste di alcuni rappresentanti del partito è che, su molte questioni (quali la politica dell’Unione europea o la politica estera in generale, le questioni relativi allo stato sociale, ecc …), non c’è ancora una posizione chiara e definita e viene spesso detto “ne stiamo parlando” o “stiamo individuando esperti in grado di formulare una posizione.”

[RF]: Questo aspetto è fondamentale in quanto non fa che confermare che il PP, per definire una posizione, guarda al dibattito e alla condivisione come l’unica soluzione. Che ne pensi?

Questa risposta, che siamo nel processo di identificazione di una struttura di base, in realtà è una risposta molto onesta. Hai ragione sul fatto che abbiamo bisogno di trovare quelle risposte, e questo è fondamentale per passare al livello successivo come movimento politico. Tuttavia, siamo ancora accumulando esperienza per trattare queste questioni complesse.

Nel frattempo, la gente vota per noi grazie al nostro sentimento di fondo e per il fatto che crediamo che non si deve essere in grado di comprare una legge che nega le libertà civili fondamentali delle persone. Non riesco a capire come gli altri partiti possano venire a patti con cose del genere.

[SC]: Il Partito dei Pirati intende fare politica con i partiti esistenti? partnership? alleanze? Qual è l’obiettivo finale?

[RF]: Nel gioco della politica in un parlamento con rappresentanza proporzionale, non è sufficiente avere delle politiche credibili e guadagnare voti (il che è sicuramente abbastanza difficile). È inoltre necessario conoscere la teoria dei giochi. Fortunatamente, questo è qualcosa che la maggior parte dei gamers conosce alla grande – abbiamo un enorme vantaggio in quanto movimento sotto questo aspetto.

In breve, non solo abbiamo bisogno di entrare in parlamento, ma abbiamo anche bisogno di negoziare noi stessi in una posizione in cui diventiamo parte di una coalizione di maggioranza così che una parte delle nostre idee politiche possa diventare legge. Altrimenti, il nostro impatto sarà trascurabile, e diventerà molto più difficile essere rieletti senza aver costruito qualcosa quando il tempo sarà scaduto.

[SC]: Apertura, copyleft, p2p, sono concetti chiave per i sostenitori un nuovo tipo di sviluppo e di prosperità. Questi semplici concetti sono stati spesso oggetto diffamati da parte dell’industria focalizzata sul consumismo e sulla crescita col consumo delle risorse. Come dobbiamo combattere questa battaglia? Cosa suggeriresti alle persone, agli attivisti e ai sostenitori di una società che sia più equa e attenta alle libertà civili?

[RF]: E’ la stessa sfida che tutti i grandi movimenti politici avevano – che la loro nuova prospettiva fossa originariamente compresa solo nel contesto dell’establishment precedente. I vetrdi sono stati inizialmente “contro la produzione” e “contro la crescita economica”, ci sono voluti un bel po’ di anni per spiegare e comunicare la loro nuova prospettiva: non essere contro la produzione, ma a favore della sostenibilità.

Noi abbiamo lo stesso compito: spiegare la nostra visione e poi dovremmo solo aspettarci che prenda piede durante la notte. Abbiamo bisogno di crescere un dialogo per volta, di tirare dalla nostra parte una persona alla volta.

[SC]: Noi stiamo lanciando Hopen Think Tank (hopen.it /@Hopentt) con un focus forte sulla dissemination, sul “raccontare”: pensiamo che la libertà viene solo dalla consapevolezza e dunque vogliamo dedicare i nostri sforzi a evangelizzare i cittadini sul potenziale che possono ottenere grazie a media come la rete.

Pensi che lavorare nel senso del produrre consapevolezza sia una buona pratica per l’attivista di oggi? Quanto invece agire come una lobby per una cultura aperta è invece importante? In altre parole dobbiamo puntare ad un’approccio dal basso verso l’alto o dall’alto in basso?

[RF]: Credo che tu abbia bisogno di entrambi, paradossalmente. Siamo intrinsecamente un movimento dal basso verso l’alto e orizzontale, ma le persone che non vivono questo stile di vita non capiscono nemmeno di che cosa stiamo parlando. Hanno bisogno che gli sia insegnato (con pazienza) di che cosa si tratta, hanno bisogno di essere portati in questo nuovo mondo. Una volta lì, anche loro potranno iniziare a costruire dal basso senza chiedere il permesso a nessuno.

Il punto però è che non si può davvero capire le politiche del partito pirata a meno che non si viva lo stile di vita connesso.

[SC]: L’idea di proteggere la privacy online a volte sembra piuttosto difficile da immaginare nella nostra società iperconnessa, voglio dire: come cose come il concetto di “condivisione” si adattano con il “proteggere la privacy”?

[RF]: Questa è la chiave per il primo passo della battaglia – legare il monopolio del copyright all’erosione delle libertà civili: insistere sul fatto che le industrie del copyright stanno essenzialmente chiedendo la fine della libertà di parola e di opinione al fine di preservare il loro modello di business. Una volta che si riesce a comunicare questo legame, il resto è molto più facile.

Questa è stata la chiave del successo nelle elezioni europee del 2009.

[SC]: Cosa ne pensi della mancanza di alternative distribuite, peer to peer ai servizi centralizzati e spesso problematici per la privacy – come i social network o le applicazioni “cloud”? Come possiamo affrontare questo problema?

[RF]: C’è una regola molto generale, che va sempre applicata in rete: se vedete qualcosa che non vi piace, proponi qualcosa che ti piace.

Lo stesso vale con i servizi centralizzati. Sì, sono un problema, ma il nostro potere di cambiare la società non sta nel cambiarli. Sta nella creare qualcosa di meglio per sostituirli.

Basta guardare a quello che il software libero ha fatto per il vecchio mondo delle telecomunicazioni. Tutti i telefoni cellulari – Nokia MeeGo, iOS di Apple e Android di Google – si basano su software libero. I vecchi sistemi chiusi, basati sul lock-in sono andati, e anche se alcuni (mi riferisco alla Apple qui) si sbracciano per bloccare i propri utenti di nuovo, questa trasformazione dimostra il potere della libertà di informazione.

[SC]: Hai investito tutti i risparmi su Bitcoin: non credi che le valute alternative, comunitarie e peer to peer come questa non debbano essere scambiati o accumulati sul mercato? Voglio dire: non dovrebbero essere utilizzati per sostenere l’economia reale di scambio reciproco di reali valori tangibili, invece?

[RF]: Una moneta ha molte funzioni, ma non funziona senza adempiere la sua promessa fondamentale: essere un modo di scambiare valore. Bitcoin ha molta strada da fare per conseguire tale funzionalità in modo soddisfacente. Tuttavia, come si vede con il blocco bancario contro Wikileaks, c’è un disperato bisogno di un’alternativa al sistema di gestione centralizzato, statunitense delle transazioni, e io preferirei una versione decentrata e non controllabile di moneta per la quale non sia possibile per esempio chiudere il rubinetto dei finanziamenti a chiunque imbarazzi i governi.

[SC]: Ora una domanda molto ampia. Tu sei indubbiamente un visionario: la fondazione del PP più di cinque anni fa è stata molto in anticipo sui tempi. In quei giorni, non eravamo ancora consapevoli di ciò che è Internet in termini di luogo di salvaguardia delle nostre libertà civili e di come i governi di tutto il mondo siano interessati a soggiogarla.

[RF]: Faccio spesso questa domanda durante le mie interviste: che vti aspetti da internet in cinque anni o giù di lì? Non è forse nostra responsabilità costruirla?

Attualmente siamo a un bivio cruciale. Internet è sempre più intercettata e censurata, ma è anche sempre più flessibile e decentrata per resistere a questo tipo di controllo.

Quale parte vince? Questa è la battaglia che sta accadendo sotto i nostri occhi, adesso. Se il lato autoritario vince (compresa l’industria del copyright), avremo allora una società Grande Fratello di là dei nostri peggiori incubi. Se il lato degli attivisti del decentramento vince, avremo una maggiore trasparenza e una democrazia che così forte non si sarà mai vista prima.

C’è molto in gioco, e ognuno ha la responsabilità di lottare per ciò in cui crede.

La battaglia comunque non finità in cinque anni. Gli argomenti che dibattiamo oggi sono gli stessi che tutti usavano con Napster nel 1999 e l’industria del copyright rimastica le stesse argomentazioni stanche da anni. Peggio ancora, i politici stanno supportando queste argomentazioni per ignoranza e mancanza di comprensione.

Questo continuerà finché non avremo politici in posizioni decisionali in grado di rifiutarsi di curare interessi particolari e metterli di fronte al fatto che se non riescono a sostenere il loro business, debbono farsi da parte. Abbiamo solo iniziato a muoverci su questa strada, ma prevedo che avremo fatto progressi significativi a dieci anni da oggi.

Se non li avremo fatti, saremo a rischieremo una svolta molto oscura per la nostra civiltà.

About these ads

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

8 comments

  1. Pingback: Vi raccontiamo il Partito Pirata italiano: prospettive e convergenze con Hopen | Hopen

  2. Pingback: Afghanistan/ Battaglia a Bala Morghab « Rassegna Stampa Militare

  3. Pingback: Afghanistan/ Attentato taleban contro la polizia « Rassegna Stampa Militare

  4. Pingback: Afghanistan/ Proteste contro USA e NATO a 10 anni dall’intervento militare « Rassegna Stampa Militare

  5. Pingback: Frattanto nella blogosfera #41 « Ok, panico

  6. Pingback: Le domande «indecenti» agli smarthphone che hanno imparato a rispondere « wabo…

  7. Pingback: Celebrate blogging « Meedabyte

  8. Hi just wanted to give you a brief heads up and let you know
    a few of the images aren’t loading properly. I’m not sure why but I think its a
    linking issue. I’ve tried it in two different internet browsers and both show the same outcome.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 147 other followers

%d bloggers like this: