Digital Evolutions: Startups, Platforms and Ecosystems

(an Italian translation is available at the end of the post).

As some of you may recall, I recently shared with the community a canvas I created for the design of platforms (the so called Platform Design Canvas), which I also had the opportunity to present in Barcelona during the Design Thinking Week. The Canvas will also be the subject of the “Create Platforms, not Products” Workshop that I will give at Frontiers of Interaction Conference in Milan soon (See: http://2013.frontiersofinteraction.com/speakers/simone-cicero/ for details).

The Platform Design Canvas and the presentation in question (“Future Proof Design” available here) generated a great deal of attention and an incredible number of feedbacks and comments that helped me a lot to reflect a lot on the tool and on some of the phenomena (operating platforms for services or products) that the canvas itself had the objective to analyze and model.

Framing Plaform Design in the Digital Marketplace Context

Meanwhile, the search for new ideas to frame Platform Design as a discipline (and the Canvas as a tool) in a more global discourse and an overview of the digital market, I went in search of complementary theories and other folks.

Many of the ideas that led me to this post and to the presentation that I share, come from the work of Simon Wardley (blog.gardeviance.org) and Sangeet Paul Choudary (platformed.info) and therefore in the first place I would say thanks to them especially.

The relationship between innovation and exponential dynamics of the digital market

At the very base of the wave of innovation the digital market is undergoing these days there is a dual relationship with a profound transformation of our human habits, generated by the pervasivity of networks.

Among the engines of this growing demand for digital innovation, there is certainly the increasing ubiquity of the Internet that also generated a growing interconnectivity among us. Even if this interconnectivity is mainly due to the development of social media and mobiles, it was in parallel with an increasing pervasiveness of connected objects, not just smartphones, but also the wave of digital tracking devices, being them miniaturized, wearable and always connected, which generate increasing amounts of data to be shared and socialized.

Few months ago, during SXSW opening keynote, Amber Case has vividly described this transformation, framing very well the transition between homo sapiens and homo interneticus:

“We’re just Increasing our humanness and our ability to connect with each other, regardless of geography”

This transition is, at the same time, cause and effect of the high demand for innovation that the digital industry and marketplace is undergoing recently.  A growing and strong componentization trend (ie: break all down into interchangeable and price and functionality competitive pieces) is the overall effect of this.

Componentization is a very simple phenomenon, generated by the same digital market players: as a “buyer” in fact, every player asks for lower prices and greater standardization in supply chain components. This trend ends up in increasing the attractiveness of the market for competitors (lowering market entrance costs), generating competition and transforming the market itself in a digital ecolog: in fact, it’s more and more easy to analyze digital trends, it by means of evolutionary biology, rather than technological analysis.

This componentization trend is more advanced in some areas of the digital industry and less in others, but is clearly recognizable in phenomena such as:

  • advances in Cloud Computing and, especially, in Infrastructure as a Service and Platform as a Service offerings (infrastructure componentization)

  • The increasing packaging and modularization of services in APIs (services componentization)

  • The transformation that we see in the world for IoT Hardware with increasing use of standalone programmable modules and open source hardware (consumer electronics componentization)

The Lecture

I consolidated many of these considerations and the parallels made ​​with other theories in a slide-lecture that I gave just a week ago at two Italian startup accelerators (Working Capital accelerators in Rome and Milan) and so I would suggest to all folks interested to take a look at it.

This slideshare presentation gives you a clear picture of how the evolutionary dynamics that are being generated in the digital market are combined with the startup thinking and platforms design, and also, I think it explains quite clearly how these processes interconnect with other concepts such as that of the transformation in human experience that I mentioned before.

Why is it important to study these digital trends

In particular, it is interesting to study this phenomenon since this trend is creating – in the world of software and web services today – very marked Post-Scarcity tendencies.

Great competition creates better services with fewer and fewer costs, barriers to entry are cut down, new players enter the market: as a result the costs for those who simply want to access services or create new ones are extremely low.

From a user point of view, we see an abundance of free services, in areas where, until recently, you would have had to spend significant budgets to have the same service level (such as for example office automation software, collaboration, publishing , etc …)

Post-scarcity is a hypothetical form of economy or society in which goods, services and information are free,or practically free (Wikipedia)

Though this is possible only because this market is purely digital, in many ways not related with the evidence of the physical context (if not for energy needs), it is clear that this context can provide us with insights into the transformations that soon could relate, at least in part, with the market of physical goods (eg: electronics, manufacturing or design).

Some phenomena related to the penetration of the “digital fabrication” in the manufacturing processes may in fact contribute to the decentralization of production infrastructure and to liquefying manufacturing capacity: something that will be central to enabling a real wave of innovation in consumer electronics and design.

As I recently had the opportunity to write about it on Open Electronics:

To support a new kind of demand – agile, interested in user centric customization, community driven, strongly based on prosumers instead of consumers and, in general, targeting smarter, picky users – the whole manufacturing industry will likely transform its sourcing and fabrication habits.

We may eventually see a radical transformation in the “factory” concept itself: it will become more distributed and potentially unlinked from the brands and manufacturers but more likely to be independent: do you see the parallels with Amazon Web Services and Elastic Computer Cloud?

The role of Amazon ECC and similar on demand infrastructures has been that of facilitating the emergence of a incredibly thriving software ecosystem that is – bite after bite – literally eating the world as Marc Andreessen said

Although it is still a feeling more that a consistent analysis, I believe that understanding these phenomena will allow us to understand how the digital ecosystem models (as they reach the real world of manufacturing and  physics) can become the point of contact with the issue of ecological and environmental sustainability. In the same way in which efficiency transformed software business, resource consumption efficiency may be the engine of a transformation in the manufacturing processes that makes them ultimately more sustainable and decentralized.

The Dynamics

Beyond these more or less futuristic visions, a very clear dynamic emerges pointing out that digital innovation cycles, are an endless loop made by the repetition of:

  • a first chaotic phase of innovation that is a actually the domain of startups

  • a second, growth phase, that deals with modeling complex social interactions among peers – where the multi-sided platform model of value creation is a winning approach

  • a third phase of consolidation in ecosystems where the original value proposition is componentized and commoditized, made ​​a “utility” and innovation moves again towards the “startup thinking” systems to generate higher systems innovation up in the value chain

I tried to relate these aspects with the considerations previously been at the roots of the Platform Design canvas, and by also thinking about all the feedbacks received from the community, I am now working on transform the tool to make it even more suitable.

From the Platform From Canvas to Design Platform and Ecosystem Design Toolkit

The main feedbacks that emerged from the confrontation with the community about the canvas, covered the following aspects:

  • being derived from a linear tool (the Business Model Canvas), the Platform Design Canvas can’t really model multi-directional flows of value typical of Peer to Peer platforms

  • the Platform Design Canvas is scarcely able to model the phases that a platform passes through, especially the initial stages, those in which the transition from the perspective from an individual user perspective to the community perspective takes place. These are the phases during which most of the problems related to growth, liquidity, and reaching “tipping point” must be solved

  • The Platform Design Canvas is hardly useful to understand in detail the motivations and relationships between peers and between them and the platform stakeholders therefore can’t model the complexity of relationships that are created

With this and more in mind I started working on the transformation of the Canvas into a Toolkit, a set of useful and necessary tools that translate the classical practices of Design Thinking in the context of digital innovation and design of complex platforms. I already produced some of the first drafts, that you see below (it’s just a teaser).

Of course, the work the Toolkit will proceed in the same way as always, open to community feedbacks and inclusive, so anyone interested to collaborate on the Toolkit project (which will still be released under a Creative Commons license) is encouraged to get in touch.

Enjoy!

If you liked the post, you should follow me on twitter here! Now please tweet this!

(Following you can see some preliminary contents from the Platform and Ecosystems Design toolkit currently in the works).

Platform Dynamics - Platform Design (1) Motivations Map - Platform Design (5)


Traduzione in Italiano.

Evoluzioni digitali: Startup, Piattaforme e Ecosistemi

Come alcuni di voi ricorderanno, recentemente ho condiviso con la community un canvas ideato per la progettazione di piattaforme, il Platform Design Canvas, che ho anche avuto modo di presentare a Barcellona durante la Design Thinking Week. IlCanvas sarà anche il soggetto del Workshop “Create Platforms, not Products” che terrò a Frontiers of Interaction a Milano presto (vedete: http://2013.frontiersofinteraction.com/speakers/simone-cicero/ per i dettagli).

Il canvas e la presentazione in questione (“Future Proof Design” disponibile qui) hanno generato una grande attenzione e un numero incredibile di feedback e commenti che mi hanno aiutato molto a riflettere sul formato dello strumento e su alcuni dei fenomeni (il funzionamento delle piattaforme – di servizio, prodotto) che il canvas stesso si poneva l’obiettivo di analizzare e modellare.

Inquadrare il Canvas e il Platform Design nel contesto del mercato digitale

Nel frattempo, alla ricerca di nuovi spunti per inquadrare il Platform Design come disciplina e il Canvas come strumento, in un discorso più globale e in una visione d’insieme del mercato digitale, sono andato alla ricerca di teorie complementari e di altre voci.

Molti degli spunti che mi hanno portato a questo post e alla presentazione che condivido nascono dal lavoro di Simon Wardley (blog.gardeviance.org) e Sangeet Paul Choudary (platformed.info) – con quest’ultimo ho avuto modo di confrontarmi anche più a lungo – e quindi in primis vorrei dare a loro i ringraziamenti del caso.

La relazione tra innovazione esponenziale e dinamiche del mercato digitale

Alla base dell’ondata di innovazione nel mercato digitale che vediamo in questi ultimi tempi c’è una relazione duale con una profonda trasformazione delle nostre abitudini umane, generata dallo sviluppo della rete.

Tra i motori di questa crescente domanda di innovazione digitale, vi è sicuramente la sempre maggiore pervasività della rete che ha generato tra di noi una crescente interconnettività. Pure se questa interconnettività è sostanzialmente dovuta allo sviluppo dei media sociali e dei terminali mobili, si sviluppa oggi in parallelo con una crescente pervasività degli oggetti connessi, non solo i nostri smartphones, ma anche un ondata di dispositivi digitali di tracking – personale e non – miniaturizzati, indossabili, sempre connessi, che generano un crescente quantitativo di dati.

Qualche mese fa, durante il keynote di apertura del SXSW, Amber Case ha efficacemente descritto questa trasformazione, inquadrando molto bene la transizione tra homo sapiens e homo interneticus:

“We’re just increasing our humanness and our ability to connect with each other, regardless of geography”

è dunque a causa, e nello stesso tempo per effetto di, questa trasformazione e della forte domanda di innovazione che ne deriva, che l’industria del digitale sta recentemente attraversando un periodo di forte componentizzazione (ovvero una scomposizione in pezzi intercambiabili e competitivi in termine di costi e funzionalità).

La componentizzazione è un fenomeno molto semplice e generato dagli stessi player del mercato digitale: come “compratore” infatti, ogni player richiede al mercato un prezzo minore e una maggiore standardizzazione nei componenti della supply chain e questo non fa altro che aumentare l’appetibilità di quel mercato per i competitors (abbassando i costi all’ingresso) generando competizione e trasformando il mercato stesso in un una ecologia digitale che spesso infatti si presta ad essere analizzata mediante strumenti di biologia evolutiva, più che di analisi tecnologica.

Questo trend di componentizzazione è più avanzato in alcuni settori dell’industria digitale e meno in altri ma è chiaramente riconoscibile in fenomeni quali:

  • L’avanzare del Cloud Computing e, in special modo, dell’Infrastructure as a Service e del Platform as a Service
  • La sempre maggiore pacchettizzazione e modularizzazione dei servizi in API 
  • La trasformazione che cominciamo a intravedere nel mondo dell’Hardware per l’IoT (sempre più moduli e open source)

La Lecture

Ho consolidato molte di queste analisi e dei paralleli fatti con altre teorie in una presentazione-lezione che ho tenuto solo una settimana fa presso due acceleratori per startup italiani, gli acceleratori Working Capital di Roma e Milano e dunque consiglio a tutti gli interessati di dare uno sguardo alla presentazione su slideshare.

La presentazione da un quadro di come le dinamiche evolutive che si stanno generando nel mercato digitale si sposano con lo startup thinking e il design di piattaforme e, inoltre, spiega credo in maniera abbastanza chiara come questi processi si interconnettono con altri concetti come la trasformazione nell’esperienza umana che ho citato in precendenza.

Perché è importante studiare i trend del mercato digitale

In particolare è interessante studiare questo fenomeno poiché questo trend sta generando – a oggi soprattutto nel mondo del software e dei servizi web – tendenze molto accentuate di Post-Scarcity: la grande competizione genera servizi sempre migliori con costi sempre minori, le barriere di ingresso si abbattono, nuovi player si affacciano sul mercato e oggi i costi per chi vuole semplicemente accedere ai servizi o crearne di nuovi sono estremamente bassi.

Come risultato, da un punto di vista utente, vediamo una abbondanza di servizi gratuiti, in campi in cui fino a poco tempo fa avremmo dovuto spendere budget significativi per avere lo stesso livello di servizio: si pensi ai software di office automation, collaborazione, publishing, etc…

La Post-scarcity è una forma ipotetica di economia o di società in cui le merci, i servizi e le informazioni sono gratuite, o praticamente gratis. (Wikipedia)

Sebbene tutto ciò sia possibile solo perchè il mercato digitale puro è, in molti modi, non relazionato con l’evidenza e il contesto fisico (se non per aspetti legati all’energia) è evidente che questo contesto può fornirci spunti su trasformazioni che presto potrebbero riguardare almeno in parte anche il mercato dei beni fisici (per esempio la produzione manifatturiera elettronica o del design).

Alcuni fenomeni legati alla penetrazione della “digital fabrication” nei processi manifatturieri possono infatti contribuire a una decentralizzazione delle infrastrutture produttive e a una liquefazione della capacità di produzione manifatturiera che sarà centrale nell’abilitare una vera ondata di innovazione nell’elettronica di consumo e nel design.

Come ho avuto modo di scrivere recentemente su Open Electronics::

Per supportare un nuovo tipo di domanda – agile, interessata alla personalizzazione, guidata dalla comunità, fortemente basata sugli interessi dei prosumer invece che quelli dei puri consumatori e, in generale, alla ricerca di utenti più esigenti – l’intera industria manifatturiera probabilmente dovrà trasformare al catena di approvvigionamento e le abitudini di fabbricazione.

Potremo finalmente vedere una trasformazione radicale nel concetto di “fabbrica” ​​in sé: diventerà più distribuita e potenzialmente indipendente dal brand e dal produttore: vedete i paralleli con Amazon Web Services e Elastic Computer Cloud?

Il ruolo di Amazon ECC e simili sulle domanda di infrastrutture digitali è stata quella di facilitare lo sviluppo di un ecosistema di software incredibilmente fiorente che sta – morso dopo morso – letteralmente mangiando il mondo come ha detto efficacemente Marc Andreessen.

Malgrado sia ancora una sensazione più che una consistente analisi, credo che comprendere questi fenomeni ci permetterà di capire come i modelli digitali di ecosistema, man mano che raggiungono il mondo della produzione reale, fisica, possano divenire il punto di contatto con il tema ecologia e sostenibilità: allo stesso modo in cui l’efficienza ha trasformato il software business, l’efficienza (in termini di necessità e consumo di risorse) potrà essere il motore di una trasformazione nei processi di manifattura che li renda, infine, più sostenibili e decentralizzati.

Le dinamiche

Al di là di queste visioni più o meno futuribili, emerge una dinamica molto chiara del ciclo dell’innovazione digitale, un ciclo infinito fatto della ripetizione di:

  • una prima fase caotica di innovazione terreno di dominio delle startup
  • una seconda fase di crescita e modellazione delle interazioni sociali complesse – dove il modello di piattaforma multi-lineare di creazione di valore è vincente
  • una terza fase di consolidamento e in ecosistemi dove la value proposition originaria viene componentizzata e commoditizzata, resa una “utility” e l’innovazione si sposta ancora una volta verso lo “startup thinking” per generare sistemi più in alto nella catena del valore.

Ho cercato dunque di mettere in relazione questi aspetti con le considerazioni che erano in precedenza state il motore della crezione del Plaform Design canvas e, accogliendo anche i feedabck della comunità, sto lavorando sullo strumento per trasformarlo e renderlo ancora più adatto.

Dal Platform Design Canvas al Platform And Ecosytem Design Toolkit

I principali feedback emersi dal confronto con la comunità sul canvas, hanno riguardato i seguenti aspetti:

  • Il Platform Design canvas, essendo derivato da uno strumento lineare come il Business Model Canvas fa fatica a modellare i flussi di valore multi direzionali tipici delle piattaforme Peer to Peer
  • Il Platform Design Canvas è scarsamente in grado di modellare le fasi che una piattaforma attraversa, in special modo le fasi iniziali, quelle in cui ci si trova di fronte la transizione dalla prospettiva del singolo utente verso la prospettiva di community, in cui vanno risolti i problemi legati alla crescita, alla liquidità, al raggiungimento del “tipping point”
  • Il Platform Design Canvas è scarsamente utile a comprendere in dettaglio le motivazioni e le relazioni tra i peer e quelle tra e con gli stakeholder della piattaforma e non riesce a modellare la complessità delle relazioni che si vengono a creare

Con questo e altro in mente ho cominciato a lavorare dunque alla trasformazione del Canvas in un Toolkit, un insieme di strumenti utili e necessari che traducano le pratiche classiche del Design Thinkng a questo contesto (quello dell’innovazione digitale e del design di Piattaforme complesse) e ho già prodotto alcuni primi draft, che vedete qui di seguito.

Ovviamente, il lavoro sul Toolkit procederà allo stesso modo, aperto ai feedback della comunità e inclusivo, dunque chiunque fosse interessato a collaborare al progetto di creazione del Toolkit (che sarà comunque rilasciato in licenza Creative Commons) è incoraggiato a contattarmi.

(Seguono alcune immagini in draft relative al nuovo Toolkit che sto sviluppando)

Motivations Map - Platform Design (5)

About meedabyte

Blogger, Wireless strategist and consultant, passionate about innovation, Free and open source enthusiast

5 comments

  1. Pingback: Digital Evolutions: Startups, Platforms and Ecosystems | fred zimny's serve4impact

  2. Pingback: Digital Evolutions: Startups, Platforms and #Ecosystems | Ycor's Weblog

  3. Pingback: Marc Andreessen: Series A Investments Are Still The Bread And Butter Of A16Z | WhatsWeb

  4. Pingback: L'inutilità delle discussioni | Midnight Corner

  5. Pingback: Un Update sul Platform Design Toolkit | Simone Cicero

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 133 other followers

%d bloggers like this: