Looking at India and its innovation ecosystem.

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

Raghav Sandhane is one of the founders at Spring Computing Technologies, founded in 2007 with the objective of developing world class software applications. After focusing on product engineering services for embedded and real time software, market evolution led Spring CT into mobile applications development. Raghav has a great experience and is well informed, as an innovation professional, about how his country it’s doing in builiding its future. That’s why I decided to ask Raghav’s first hand help to give a look into India‘s present and, more notably, future technology and innovation ecosystem and the role that Information Technology had in fueling it.

When asked about giving us an overall idea about IT role in India, Raghav first points out a bunch of interesting facts:

As a background, it will be useful to discuss about India first: the industry in India, India as a market, IT infrastructures in India and then about the most talked-about area – India as an IT hub. Let us touch upon these subjects one by one to get a complete picture.

The economy of India is the tenth largest in the world by nominal GDP and the fourth largest by purchasing power parity (PPP). Like any other developing / developed country, the percentage of services in GDP is around 60% and growing. Services industries like Information Technology, Telecom, BFSI, Healthcare are spearheading the services components of the Indian economy.

Contributions from the manufacturing sector in the country’s GDP have largely been along the expected lines with steel and automobile manufacturing driving the growth. In both these sectors, India ranks in the first three countries.

Agriculture was always a significant factor in India’s economy. Though the percentage in the GDP has gone down due to the stupendous growth in services and manufacturing sector, the agriculture and allied industry is growing at a descent rate of 6 to 10 % annually.

Have you ever thought about India as a potential market for your services?

Demographics of a country play a vital role in deciding the market. India is a young country with 35% of the population less than 15 years and median age of the population being mere 25 years. This young crowd largely attracts new products ranging from hi-tech gadgets like mobile phones and gaming consoles to apparels and eatables.

Experts worldwide have linked the IT Infrastructure growth with the country’s growth. PC penetration, Internet connectivity, Network bandwidth, Penetration of mobile phones, converged devices, cloud computing/ ASP’s….all of these play a key role in deciding the country’s growth direction and growth rates. In India, all these parameters are galloping from its current levels to the percentage levels the developed countries have attained. Mere comparison on percentage basis may not show the real picture. It should be looked at from the perspective of the population. In India with the population already in excess of 1.2 Billion and growing at a rate of 20 % per decade, the volume of Infrastructure required is humungous. The fact that India is showing decent rate of penetration in these areas gives an idea of the overall growth of the country.

When talking with Raghav about the role of information technology in India, clearly appears how IT has been and still is a huge development accelerator.

Information Technology or IT as it is popularly called, has been a revolution in India. Through IT, India found a new way for leaving a mark as a country with talent. NASSCOM® (National Association of Software and Services Companies) is the premier trade body and the chamber of commerce of the IT-BPO industries in India. It facilitates business and trade in software and services and encourages advancements of research in software technology. With over 1200 members that include both Indian and multinational companies NASSCOM’s membership base constitutes over 95% of the industry revenues in India and employs over 2.24 million professionals

Indian IT Operations started with low end activities like providing IT support and has rapidly and consistently moved up higher in the value hierarchy. They are today broadly in the business of software product development, software services, consulting services, BPO services, e-commerce & web services, engineering services off-shoring and animation and gaming. IT services has been at pinnacle among others. It has grown from 1.2 percent of the GDP to almost 6 percent over the last ten years.

Compared to the IT Services industry, the software product companies still need to go a long distance. The revenue from IT software products firm accounts for just over USD 2 Billion, with top 10 companies contributing more than 80% market. According to NASSCOM the market is expected to reach USD 15 billion by 2015. Many start ups are coming up focusing on areas like Financing, Accounting, Business Intelligence, Security and Content Management. The reasons to be optimistic are confluence of various factors like strong and growing domestic market and a well established “India” brand.

The IT enabled Services (ITes) that started with basic data entry tasks over a decade ago, is today witnessing an expansion in its scope of services. It offers services such as knowledge process outsourcing (KPO), legal process outsourcing (LPO), and games outsourcing (GPO) and design outsourcing, among others. The Indian BPO sector has matured significantly in terms of scope of service offerings, buyer segments served and service delivery models. Apart from achieving maturity in the horizontal segment, providers are increasingly developing vertical/ domain specialization to capture greater value. In the BPO field, India has constantly held the number one position since 2004, when the rankings started. India has the first-mover advantage in the back-office operations’ avenue, coupled with reasonably priced skilled workforce and sound knowledge base.

E-Business adds another dimension to the IT growth story in India. More than the export, this sector sees a good potential for local market. With the ever growing internet penetration, large young population and flooding of hi-tech gadgets in the market, the e-business component of the Indian market is on a steep rise. Customers can shop twenty-four hours a day, seven days a week, from their comfort zone. This has compelled the Indian IT companies to develop sites and hubs for online business transaction and it is showing unprecedented growth.

Let us quickly touch upon India’s capabilities in the product design space. Today, companies in most of the hi-tech domains including life sciences, telecom, automobiles, and semiconductor have their R&D centers in India. These centers are instrumental in deciding the direction of the company. From mere outsourcing destination to deciding the direction of the organization in a matter of few years is a giant step forward.

What comes out from Raghav big picture, is an ecosystem that is rapidly ramping up from the lower levels of the value chain to the higher ones, also thanks to a rising local market: India is developing it’s own way of high concept and high touch abilities that will eventually lead to the affirmation of an Indian design and conceptualization approach.

What is the direction for the future?

For any developing country, it is of utmost necessity to have adequate resources to take on the growth and satisfy the opportunities coming their way.

Increasing working population is obviously necessary for this. In addition, and more important, it is necessary to have an educated class of employees who would take on bigger roles as they grow. Fortunately, in India, there is a sound infrastructure for education. Institutes like the Indian Institute of Technology (IIT) and Indian Institute of Management (IIM) have a significant contribution in making India an IT hub. These institutes are well known world wide and highly rated by the industry and the academia.

In addition to these institutes, India has a strong network of schools and universities that provide basic education in various vocational and non vocational courses to students and prepare them to take on corporate responsibilities. Just to give an example, Pune (where we have our office), one of the fastest growing cities in India, having population of approximately 10 M has more than 1000 graduate and post graduate institutes. Strong association between the academia and the industry has proved useful in grooming the students to take on larger opportunities and responsibilities in IT.

When Raghav talks about Spring CT he is very proud of the good job they do for their customers:

SpringCT has focus on mobile application development on multiple platforms including Android, iPhone, Blackberry, Windows Mobile, Symbian, Palm, J2ME: provides solutions media streaming, security systems, social networking, collaboration tools and enterprise solutions.

Our product oriented mindset that comes from our embedded development background is important in writing mobile applications and often puts Spring CT ahead of the competition. In many cases the customers arrives with a one-line requirement and we use our domain and technology experience to convert one-line requirement into a detailed specification and design for the development. Spring CT has customers in more than 10 countries, a 100+ strong team and is looking for substantial growth in the near future.

Contact Spring CT at info@springcomputing.in to enjoy collaboration

Tweet thisTweet this

Italian translation follows.

Uno sguardo sull’India e il suo ecosistema dell’innovazione.

Raghav Sandhane è uno dei fondatori di Spring Computing Technologies fondata nel 2007 con l’obiettivo di sviluppare applicazioni software di classe worldwide. Dopo essersi focalizzati sull’ingegneria di prodotto per software embedded e real time, l’evoluzione del mercato ha portato Spring CT allo sviluppo di applicazioni mobili. Ho chiesto a Raghav di darci un punto di vista di prima mano sull’India presente e, più in particolare, su quello che è e sarà il suo ecosistema dell’innovazione tecnologica.

Quando gli viene chiesto a darci un’idea globale sull’information technology in India, Raghav in primis cita moltissimi dati di fatto interessanti :

Come sfondo alla discussione sull’IT, è utile discutere prima dell India: dell’industria in India, dell’India come mercato, delle sue infrastrutture IT della cosa più chiacchierata a proposito dell’India, ovvero l’india vista come vero e proprio hub dell’IT. Cerchiamo di toccare questi temi uno ad uno per avere un quadro completo.

L’economia dell’India è la decima più grande del mondo in termini di PIL nominale e la quarta più grande in termine di potere d’acquisto (PPP). Come in qualsiasi altro paese sviluppato o in forte via di sviluppo, la percentuale dei servizi sul PIL è di circa il 60%, in crescita. Industrie come l’Information Technology, le telecomunicazioni, i servizi finanziari o la sanità sono in testa alle componenti servizi dell’economia indiana.

Contributi del settore manifatturiero nel PIL del paese sono stati ampiamente in linea con le attese con l’acciaio e la produzione di automobili che trainano la crescita. In entrambi questi settori, l’India si classifica tra i primi tre paesi al mondo.

L’agricoltura è sempre stato un fattore significativo per l’economia indiana. Anche se la percentuale sul PIL è scesa a causa della stupefacende crescita nel settore dei servizi e nel manifatturiero, il settore agricolo sta crescendo a una velocità del 6/10% annuo.

Qui, voi lettori, dovreste chiedervi questo: avete mai pensato all’India come un mercato potenziale per i vostri prodotti o servizi?

La demografia di un Paese svolge un ruolo fondamentale nel deciderne il mercato. L’India è un paese giovane con il 35% della popolazione con meno di 15 anni e con un’età media della popolazione di soli 25 anni. Questa folla di giovani in gran parte attrae nuovi prodotti innovativi che vanno da gadget hi-tech, come cellulari e console all’abbigliamento ma anche a una crescente domanda nel campo della gastronomia.

Gli esperti di tutto il mondo hanno messo in relazione la crescita dell’infrastruttura IT con la crescita del Paese. la penetrazione dei PC, della connessione a Internet, la crescente banda di rete, la penetrazione dei telefoni cellulari, i dispositivi convergenti, il cloud computing…. tutti questi componenti svolgono un ruolo chiave nel dare la direzione alla crescita del paese. In India, tutti questi parametri sono al galoppo verso i livelli che hanno raggiunto nei paesi sviluppati. Un semplice confronto su base percentuale non può mostrare però l’immagine reale. Tutto dovrebbe essere esaminato dal punto di vista della popolazione.

In India con la popolazione già sopra dli 1,2 miliardi – cresce ad un tasso del 20% per decennio -il volume delle infrastrutture richiesto è incredibile. Il fatto che l’India stia mostrando un tasso decente di penetrazione in queste zone dà un’idea della crescita complessiva come Paese.

Quando si parla con Raghav del ruolo delle tecnologie dell’informazione in India, appare chiaro come l’IT è stato ed è ancora un acceleratore di sviluppo enorme.

L’Information Technology o IT come viene popolarmente chiamato, è stata una rivoluzione in India. Attraverso di essa, l’India ha trovato un nuovo modo per lasciare un segno di come paese di talento. NASSCOM® (Associazione Nazionale delle Imprese di software e servizi) è l’organismo di settore principale nonchè la camera di commercio del settore IT-BPO in India: facilita il business e il commercio di software e servizi e incoraggia i progressi della ricerca in tecnologia del software. Con oltre 1200 membri che comprendono società indiane e multinazionali la base associativa di NASSCOM costituisce oltre il 95% dei ricavi del settore in India e impiega oltre 2,4 milioni di professionisti

L’ecosistema nato con le attività di fascia bassa come il fornire supporto IT si è rapidamente e costantemente spostato più in alto nella gerarchia del valore. I settori dello sviluppo software, dei servizi sullo stesso, della consulenza, del BPO, dell’e-commerce e dei servizi web, dell’ingegneria off-shore, dell’animazione e del gaming sono oggi fortemente rappresentai, sul sito di http://www.nasscom.org si può avere un idea. Il settore dei servizi IT ha fatto la differenza: è cresciuto dall’1,2 per cento a quasi il 6 per cento negli ultimi dieci anni.

Rispetto al settore degli IT Services, le società di sviluppo di prodotti software ancora hanno bisogno di compiere molta strada. Le entrate cubano poco più di 2 miliardi di dollari, con 10 aziende che contribuiscono per oltre l’80% del mercato. Secondo NASSCOM il mercato dovrebbe raggiungere 15 miliardi di dollari entro il 2015. Molte Start up stanno nascendo concentrandosi su aree come la Finanza, la Contabilità, la Business Intelligence, la sicurezza e il Content Management. I motivi per essere ottimisti sono la confluenza di vari fattori così come la forte crescita del mercato interno e un brand “India” in via di consolidamento.

Gli IT enabled Services (ITes) che sono nati con compiti di dati entry oltre un decennio fa, oggi sono in grado di offrire servizi di esternalizzazione della processo di gestion della conoscenza (KPO), o dei processi legali (LPO), della produzione di giochi (GPO) nonchè della progettazione,tra gli altri. Il settore BPO indiano è maturato in modo significativo in termini di portata di offerte di servizi, parco clienti servito e modelli di erogazione dei servizi. Oltre a raggiungere la maturità del segmento orizzontale, i fornitori stanno sempre più sviluppando specializzazione verticale per acquisire maggior valore. Nel campo del BPO l’India ha sempre mantenuto la posizione numero uno a partire dal 2004: ha il vantaggio della prima mossa nel settore dei servizi di back-office e questo, unito a prezzi ragionevoli e una forza lavoro qualificata con una solida base di conoscenze costituisce un vantaggio decisivo

L’E-Business aggiunge un’altra dimensione alla storia della crescita dell’IT in India. Più che per l’estero, questo settore vede un buon potenziale per il mercato locale. Con la penetrazione di Internet in continua crescita, la grande popolazione giovane e l’inondazione di gadget hi-tech sul mercato, l’e-business è una componente del mercato indiano in forte aumento. I clienti possono acquistare 24 ore al giorno, sette giorni su sette, dalla loro zona di comfort. Questo ha costretto l’IT indiano a sviluppare siti e hub per le transazioni commerciali on-line e sta generando una crescita senza precedenti.

Rapidamente possiamo menzionare anche le capacità che l’India sta maturando nell’area design di prodotto. Oggi, nella maggior parte delle aziende hi-tech, in domini di competenza come le life sciences, o le telecomunicazioni, le automobili o i semiconduttori, molte realtà hanno i loro centri R&D in India. Questi centri sono strumenti importanti nei processi decisionali e strategici di molte società. Passare da semplice destinazione di outsourcing a decidere la direzione di importanti corporations nel giro di pochi anni è un gigantesco passo avanti.

Ciò che esce dalla foto di Raghav, è un ecosistema che sta rapidamente spostandosi dai livelli inferiori della catena di generazione del valore a quelli più elevati, grazie anche ad un mercato locale in rapida crescita: l’India sta sviluppando la sua via all’high concept/high touch, una via che porterà all’affermazione di un approccio indiano al design e alla concettualizzazione.

Qual è la direzione per il futuro?

Per ogni paese in via di sviluppo è di estrema necessità di avere risorse adeguate per affrontare la crescita e soddisfare le opportunità che si presentano.

Una crescente popolazione attiva è ovviamente necessaria a tutto questo questo. Inoltre, più importante, è necessario avere una classe istruita di persone che si assumano ruoli più importanti man mano che crescono. Fortunatamente, in India, c’è una solida infrastruttura per l’istruzione. Istituti come l’Indian Institute of Technology (IIT) e L’Indian Institute of Management (IIM) hanno dato un significativo contributo nel rendere l’India un IT hub. Questi istituti sono ben noti in tutto il mondo e altamente valutati dall’industria e dal mondo accademico.

Oltre a questi istituti, l’India ha una solida rete di scuole e università che forniscono istruzione di base in vari corsi di formazione professionale e non professionale per gli studenti, per prepararli ad assumere responsabilità aziendali. Solo per fare un esempio, Pune (dove abbiamo il nostro ufficio), una delle città in più rapida crescita in India, avendo uno popolazione di circa 10 M ha più di 1000 istituti di laurea e post laurea. La forte associazione tra il mondo accademico e l’industria si è rivelata utile nel guidare gli studenti ad assumere grandi responsabilità nel perseguire le grandi opportunità nel settore IT.

Ovviamente, quando gli si chiede di raccontare Spring CT, Raghav lo fa volentieri e con molto, meritato, orgoglio.

SpringCT sviluppa applicazioni mobili su moltissime piattaforme tra cui Android, iPhone, Blackberry, Windows Mobile, Symbian, Palm, JME. Fornisce soluzioni nelle aree dello streaming media, deii sistemi di sicurezza, del social networking, oltre che strumenti di collaborazione e soluzioni per il business.

La nostra mentalità di prodotto che ci viene dal nostro background di sviluppo embedded è importante nella scrittura di applicazioni mobili. Questo ci ha spesso reso più efficaci della concorrenza. In molti casi i clienti si rivolgono a noi con una requisito di una frase. Noi usiamo il nostro dominio di esperienze per trasformare una requisito da una riga in una specifica dettagliata per la progettazione e lo sviluppo.

Spring CT ha clienti in oltre 10 paesi, un team di 100+ ed è alla ricerca di una crescita sostanziale nel prossimo futuro.

Enjoy Spring, contattateli all’indirizzo: info@springcomputing.in.

Advertisements

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

4 comments

  1. Pingback: Looking at India and its innovation ecosystem. « Meedabyte | Made in India

  2. Pingback: » Foretell A Company’s Future Innovation

  3. I think that everything typed was very logical. But, think about this,
    suppose you composed a catchier title? I ain’t saying your information isn’t solid, however what if you added
    a post title to maybe get people’s attention? I mean Looking at India and its innovation ecosystem. | Meedabyte is a little vanilla. You might glance at Yahoo’s front page and
    watch how they create article titles to grab viewers to click.
    You might add a video or a pic or two to grab people interested about what
    you’ve written. Just my opinion, it might make your blog a little bit more interesting.

  4. Very nice article. I definitely love this site. Keep writing!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: