Interviewing Glyn Moody: why we should worry about our own digital Freedom.

As stated in the about page on his blog, Glyn Moody has been a technology journalist and consultant for a quarter of a century, covering the Internet since March 1994, and the Free software world since 1995.

Beyond this, Glyn is an indispensable and inexhaustible source of thought provoking news, analysis and deepenings about (not only) digital Freedom.

I asked Glyn’s help to answer many questions that came to my mind in the latest few months that shown how tough the fight to keep the Internet Free and Freedom respecting will be in the future.

You can read Glyn pieces on computerworld.uk Open Enterprise blog, his personal blog Open… or read one of his books including the famous Rebel Code: Linux and the Open Source Revolution.  Ah! don’t forget to follow @glynmoody on twitter.

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

Glyn giving a speech - credits to http://www.flickr.com/photos/jwyg/

[Simone Cicero]: What are the major threats to Freedom that you see right now? Is the average user conscious about Freedom threats?

[Glyn Moody]: I think there are two major classes of threat to freedom: one that has been present for many years now, and the other that is relatively new.

The first is from intellectual monopolies – copyright and patents – or rather, attempts to preserve their power in a world of digital abundance.  That’s not possible, of course, which is why we have Draconian legislation like the DMCA, and the increasingly-insane fines awarded against people for sharing copyright material online.

The latest incarnation of that is the Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA) – which, despite its misleading name, is as much about stopping online sharing as tackling traditional counterfeit goods.  I see ACTA as the last gasp of the traditional Western powers to impose their rules on the developing world – ACTA is essentially neo-colonialist.  Assuming it is agreed by the main actors, I think this will lead to a period of even greater repression and bullying; but it won’t stop online sharing, and ultimately the music and film industry will have to accept this, finding new business models that will let them thrive in new ways.

The other threat has been accelerated by Wikileaks, but was not caused by it: the introduction of online censorship by nations that have traditionally prided themselves on their support for free speech.  In some ways this is even more dangerous than ACTA, since the latter is bound to fail.  However, governments are very adept at dressing up repressive measures as “necessary” to protect someone from something – us from “terror”, or children from paedophiles etc.

But of course the powers that they arrogate to themselves never stop there: they are gradually used and abused for a far wider range of cases.  Unless people fight back now against these moves – which, incidentally, mean that the West loses what little moral leverage it has when criticising countries like China – I think that things could get very bad here.

[SC]: What’s the role of user consciousness in the process towards a Free Internet? Would a Free internet be possible without a strong mindset change inside users?

[GM]: This relates to the two threats discussed above.  Things like ACTA will fail in part because there is no support among the general population for such measures.  People rightly think that media companies are exploiting their intellectual monopolies to extract unfair amounts of money from consumers.  This has led to the rise of file sharing, particularly among the young.  When a law is ignored by the vast majority of a country’s future citizens, it is clearly a bad law and should be repealed, otherwise the Law itself will fall into disrepute.

The censorship issue is different.  People might well agree with the governments’ premises that we must be protected against “terror” or paedophiles or whatever; but they probably don’t realise this is just a pretext to take control of the Internet ,which is proving inconveniently independent.  It is therefore critical to get the message out that these attempts to rein in the Internet won’t protect anyone from anything, but are purely about extending control over people.

[SC]: Up to now, Governments played a negligible role in dictating internet technologies development while they tried at some extent and in some cases to gain control on contents. Some now argue that Governments should intervene in a so delicate matter such as policies that ISPs adopt respect to it’s own carried traffic. What’s your point of view in the debate regarding the so-called “Net Neutrality”?

[GM]: It probably won’t come as a huge surprise to learn that I believe strongly in Net Neutrality.   By that I mean bits are transported across the network without discrimination so as to ensure there is a level playing-field for all uses and users.  I regard it as vital if the Internet is to move forward, and innovative services emerge.  If we allow discrimination we simply give power to the incumbents who will certainly try to block or at least slow down the arrival of new rivals.

[SC]: Don’t you think that respect for Freedom and competition could be valued from users while they go choosing their service or SaaS providers (e.g.: ISPs, Mobile operators)? In other words are “ethics” suited to play a decisive role in customer engagement and retention (look at Data Liberation Front initiative from Google). Should we otherwise expect competitors to join trusts threatening user Freedom?

[GM]: I suppose I’m rather pessimistic on this issue.  The experience with open source and free software shows that most people don’t really care about “freedom” when applied to technology (as the rise of the iPad confirms), at least not consciously.  I don’t think it will be much of a selling point, except to purists – the ones who talk about “free software” and not “open source”.  That might change if there is a horrendous privacy breach, but even then it will be privacy, not freedom that is the driver.

Of course, that doesn’t mean we shouldn’t encourage such ethical providers, and demand a more ethical approach from service providers.  But it may be easier to tackle governments and European-level institutions which are at least nominally more sensitive to issues like freedom and ethics.  Just as free software has spread despite the large-scale indifference to its deeper concerns, so I think that ethical service providers might well thrive if the regulatory environment on things like privacy and data portability is correctly framed.

[SC]: Sometimes I wonder if we should leave something that we consider a human right (access to the internet) in the hand of Businesses. Anyway we must be frank and acknowledge that deregulation actually led to a close-to-Free, if not Free, internet. Isn’t it? Therefore, my question is: do the threats that Net-neutrality advocates (such as Tim Wu) point out really exist?

[GM]: I think it’s important to realise why this close-to-free Internet has worked so well.  It’s not because business or governments in their wisdom have realised that it’s best for them that way: I think it’s simply taken nearly two decades for them to understand the threat and to begin to articulate a response.  Things have been moving so fast that they have been unable to keep up.  Now we are starting to see the first counter-attacks as they finally realise what the choke-points of the Internet are.

credits to Youssef Hanna

credits to Youssef Hanna

[SC]: In case some level of Net-Neutrality protecting effort is needed, who’s more suitable to play this role and on what basis? Governments and laws? ICANN and recommendations? IETF and RFCs?

[GM]: You probably need all of those working in concert.  Without the governments Net Neutrality has no teeth; without the engineering organisations it has no meaning.

[SC]: There’s no doubt that some internet censorship attempts are being played also in western nations (that’s a certainty in the eastern countries).
A
fter the “cablegate”, many governments and companies tried to censor wikileaks but, as we’ve seen, these attempts had almost no results since, backed by a huge community of conscious users (eager to spread the truth) wikileaks is still reachable and the information contained in the report has been widely duplicated and it’s accessibility is almost impossible to deny from now on.
On another hand, there’s a different kind of censorship, the one played by companies on content, that is giving new life to the old-but-not-dead “walled garden approach” (Apple and Facebook are champions in this).
Being this censorship somehow “subconscious” to the mainstream users (I mean, user is “subject to”, but doesn’t even notice censorship at all) isn’t it more dangerous respect to widely debated cases such as the “cablegate”?

[GM]: You’re absolutely right that there are these two types of censorship: the explicit kind imposed by governments, and the less explicit, more subtle kind imposed by companies that dominate a sector.

Even though it’s explicit, governmental censorship can certainly work: blacklists are already in place in many countries, blocking stuff without us being too aware of what’s going on.  But at least we rebel against this idea (well, many of us do).  The trouble is, other than activism, there’s not much we can do to fight this kind of thing without breaking the law (technically it’s obviously quite easy, but that’s not the point.)

The other kind of censorship is dangerous in the sense that people don’t rebel: they accept the restrictions imposed by companies like Apple (ed: e.g. the tight control on app contents) as the price of having undeniably attractive products.  That bad, but the good news is that there are alternatives – notably ones based on free software.  So the problem then becomes helping those to become as good as the closed alternatives, and getting people to use them.

[SC]: Do you feel we’re in a transition phase between an “old”, cowboy ruled, innovation prone and a new, tightly regulated, less competitive, less innovating web?

[GM]: Not sure I like the label “cowboy”, but I know what you mean (ed: mine was a sort of cyberpunk quote).  Yes, we are moving from a relatively unregulated world to one that is subject to more legislation and rules.  That’s probably inevitable, and simply a function of the growing maturity of the online world.  What isn’t inevitable, but is nonetheless happening, is the kind of regulation that is being imposed.  This feeds into the topics discussed above: we are seeing the Establishment and its corporate allies fight back against the upstart online challenger.

[SC]: Does a compromise exist between the views of Freedom advocates such as Richard Stallman (and the FSF) and the corporations that makes so huge profits on the internet?

[GM]: As you know, RMS has no problems with companies making money (including from free software), but I do think there is a fundamental dissonance between freedom and those “huge profits”.

When markets are working well, there are no huge profits because rivals can force down prices and help consumers obtain better deals.  When a company is making huge profits it’s usual because it has some kind monopoly that allows it to charge prices way above what a competitive market would support.

The classic example is Microsoft, which made extraordinary profits because it had a stranglehold on the emerging PC market.  It made those profits despite the fact it was selling products riddled with weaknesses and vulnerabilities: network effects meant that people still had to buy them despite the costs they imposed through malware and other causes of downtime.

Clearly users of Windows or any other service that generates huge profits because of this lock-in are not free: if they were, they would leave and find better, cheaper alternatives.  So I think that the idea of free software is absolutely antithetical to “huge profits”, because the latter are always built on the lack of real freedom.

Tweet thisTweet this

Related Articles

Read the rest of this entry for the italian translation (clicca Read the rest of this entry »per leggere il post in Italiano)

Intervista a Glyn Moody: perchè dovremmo preoccuparci della nostra libertà digitale.

Come indicato nella pagina delle informazioni sul suo blogGlyn Moody è giornalista e consulente di tecnologie da un quarto di secolo e scrive di Internet a partire dal marzo 1994, e del mondo del software libero dal 1995.

Al di là di questo, Glyn è una fonte inesauribile di indispensabilistimolanti notizie, analisi e approfondimenti circa la libertà digitale (non solo) .
Ho chiesto a Glyn di aiutarmi a dare una risposta alle molte domande che mi sono venute alla mente negli ultimi mesi; mesi che hanno dimostrato quanto dura sarà in futuro la lotta per mantenere la rete Internet libera e rispettosa delle nostre libertà.

È possibile leggere i pezzi Glyn sul blog computerworld.uk Open Enterprise, il suo blog personale Open… o leggere uno dei suoi libri, tra i quali Rebel Code: Linux and the Open Source Revolution è il più famoso. Ah! non dimenticare di seguire @glynmoody anchesu Twitter.

[Simone Cicero]: Quali sono le principali minacce per la libertà che tu vedi ad oggi? L’utente medio, secondo te è consapevole delle minacce alla sua libertà?

[Glyn Moody]: Penso che ci siano due grandi tipologie di minaccia alla libertà: uno che è presente da molti anni, e l’altro che è relativamente nuovo.

Il primo è il monopolio intellettuale – copyright e brevetti – o piuttosto, i tentativi di preservare il proprio potere in un mondo di abbondanza digitale. Questo non è possibile, naturalmente, è per questo che abbiamo legislazioni draconiane come il DMCA, e le folli multe contro le persone per la condivisione online di prodotti protetti da diritto d’autore.

L’ultima incarnazione di ciò è l’Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA) – che, nonostante il nome ingannevole, tenta, allo stesso modo, di fermare la contraffazione tradizionale delle merci e l’online sharing. Vedo l’ACTA come l’ultimo tentativo dei poteri tradizionali occidentali di imporre le loro regole sul mondo in via di sviluppo – l’ACTA è essenzialmente neo-colonialista. Supponendo che sia un accordo convenuto tra i principali attori, credo che questo porterà ad un periodo di maggiore repressione e bullismo, ma non si fermerà la condivisione online e, alla fine, l’industria musicale e cinematografica dovranno accettare questa situazione e trovare nuovi modelli di business che permettano loro di crescere in nuovi modi.

L’altra minaccia è stata accelerata da Wikileaks, ma non è stata causato da essa: l’introduzione della censura online da parte di nazioni che tradizionalmente si vantavano del loro sostegno per la libertà di parola. In qualche modo questo è ancora più pericoloso dell’ACTA, in quanto quest’ultimo è destinato a fallire. Tuttavia, i governi sono molto abili a dipingere misure repressive come “necessarie” per proteggere qualcuno da qualcosa – noi dal “terrore”, o i bambini dai pedofili, ecc…

Ma naturalmente i poteri che si arrogano non si fermano qui: sono a poco a poco usati e abusati in un’ampia gamma di casi. Se le persone non combattono ora contro queste mosse – che, per inciso, significa che l’Occidente perderà quella piccola leva morale che può vantare quando critica paesi come la Cina – penso che le cose andranno molto male da queste parti.

[SC]: Qual è il ruolo della coscienza negli utenti in un ideale processo che vada verso una rete libera? Una rete libera è possibile senza un cambiamento forte di mentalità degli utenti della stessa?

[GM]: Questo è in relazione con le due minacce di cui sopra. Cose come l’ACTA non riusciranno a passare anche perché non c’è nessun sostegno nella popolazione generale rispetto a tali misure. La gente giustamente pensa che le media company sfruttino i loro monopoli intellettuali per estrarre somme indebite di denaro dai consumatori. Ciò ha portato alla nascita del file sharing, in particolare tra i giovani. Quando una legge è ignorata dalla stragrande maggioranza dei cittadini del futuro di un paese, è chiaramente una cattiva legge e dovrebbe essere abrogata, in caso contrario la legge cadrà in discredito.

La questione censura è differente. La gente potrebbe essere d’accordo con le premesse dei governi  sul fatto che dobbiamo essere protetti contro il “terrore”, dai pedofili o quant’altro; probabilmente i cittadini non si rendono conto che questo è solo un pretesto per prendere il controllo su Internet, che si sta rivelando fastidiosamente indipendente. E ‘quindi fondamentale per diffondere il messaggio che questi tentativi di arginare la libertà della rete non proteggono nessuno da niente, ma sono puramente tentativi di estendere il controllo sulle persone.

[SC]: Fino ad oggi, i governi hanno svolto un ruolo trascurabile nel dettare lo sviluppo delle tecnologie, mentre cercavano in qualche misura e in alcuni casi di ottenere il controllo sui contenuti. Alcuni sostengono che ora i governi dovrebbero intervenire in una materia così delicata come le politiche che gli ISP adottano rispetto ai dati che trasportano sulle loro proprie reti. Qual è il tuo punto di vista nel dibattito sulla cosiddetta “net-neutrality“?

[GM]: Probabilmente non sarà una grande sorpresa sapere che credo fortemente nella net-neutrality. Con questo voglio dire che i bit siano trasportati attraverso la rete senza discriminazione al fine di garantire che sulla stessa vi sia una parità di condizioni per tutti gli usi e per tutti gli utenti. Questo presupposto lo ritengo di importanza cruciale se Internet vuole progredire e se i servizi innovativi vogliono poter emergere. Se permettiamo la discriminazione diamo semplicemente troppo potere agli incumbent (gli operatori di qualsiasi tipo di servizio che sono, ad esempio ex-monopolisti o che detengono posizioni di mercato da quasi-monopolio) che cercheranno sicuramente di bloccare o almeno rallentare l’arrivo di nuovi rivali.

[SC]: Non pensi che il rispetto per la libertà e la concorrenza potrebbe essere valutati dagli utenti quando scelgono i loro servizi o fornitori di SaaS (ad esempio: gli ISP, gli operatori mobili)? In altre parole l’”etica” potrò giocare un ruolo decisivo nell’acquisizione di nuovi clienti e nel fidelizzarli? (vedi per esempio il Data Liberation Front di Google). Ci dobbiamo altrimenti aspettare che concorrenti facciano cartello minacciando la libertà degli utenti per i loro scopi comuni?

[GM]: Credo di essere piuttosto pessimista su questo tema. L’esperienza che abbiamo avuto col movimento del Free software e la nascita dell’open source dimostra che la maggior parte delle persone non si cura veramente cura di “libertà”, quando questa è applicata alla tecnologia (come l’avvento dell’iPad conferma), almeno non consapevolmente. Non credo che sarà propriamente una leva di vendita, tranne che per i puristi – appunto quelli che parlano di “software libero” e non di “open source”. Questo potrebbe cambiare se vi sarà in futuro un evento di violazione della privacy orrendo, ma anche allora si parlerà di privacy, non di libertà che è quello a cui dovremmo aspirare.

Naturalmente, questo non significa che non dobbiamo incoraggiare i produttori “etici”, e richiedere un approccio più etico ai fornitori di servizi online. Ma il tema può essere più facile da affrontare a livello governativo e istituzionale in Europa dove, almeno nominalmente, siamo più sensibili a temi come la libertà e l’etica. Proprio come il software libero si è diffuso nonostante l’indifferenza delle masse alle sue preoccupazioni più profonde, così penso che i fornitori di servizi etici potrebbero prosperare se il quadro normativo su cose come la privacy e la portabilità dei dati sarà correttamente inquadrato.

[SC]: A volte mi chiedo se si debba lasciare qualcosa che noi consideriamo a tutti gli effetti un diritto umano fondamentale (l’accesso ad internet) nelle mani delle imprese. In ogni caso dobbiamo essere sinceri e ammettere che la deregolamentazione ha portato ad una Internet libera (o sostanzialmente libera) non credi? Pertanto, la mia domanda è: le minacce che sostenitori della Net-neutrality (come Tim Wu) sottolineano esistono veramente?

[GM]: Penso che sia importante capire perché questo modello di Internet sostanzialmente libera ha funzionato così bene finora. Non è perché i governi o le aziende nella loro saggezza hanno capito che è meglio per loro che funzioni in questo modo: credo che sia semplicemente ci abbiano messo quasi due decenni per capire la minaccia e per iniziare ad articolare una risposta. Le cose si sono mosse così velocemente che non hanno potuto tenere il passo. Ora stiamo iniziando a vedere i primi contrattacchi: hanno identificato quali sono i punti dove possono soffocare Internet.

[SC]: In caso in cui siano dunque necessarie alcune misure di protezione della neutralità in rete, chi è più adatto secondo te a svolgere questo ruolo e su quali basi? I governi? L’ICANN? Le RFC dell’IETF?

[GM]: Probabilmente ci sarà bisogno del lavoro di concerto di tutte queste entità. Senza i governi neutralità della rete non ha denti, senza le organizzazioni di ingegneria non ha significato.

[SC]: Non c’è dubbio che si sia tentato di censurare Internet anche nei paesi occidentali a un certo livello (nei paesi orientali questo è più di un sospetto, è una certezza). Dopo il “cablegate”, molti governi e compagnie hanno cercato di censurare Wikileaks e di impedirgli di funzionare ma, come abbiamo visto, questi tentativi hanno generato scarsi risultati dal momento che, sostenuto da una grande comunità di utenti coscienti (desiderosi di diffondere la verità), Wikileaks è ancora raggiungibile e la informazioni contenute nel rapporto sono state ampiamente ridondate e l’accessibilità al report è quasi impossibile negare d’ora in poi.

D’altra parte, c’è un diverso tipo di censura, quello svolto dalle aziende sui contenuti, che sta dando nuova vita al vecchio, ma mai morto “walled seo services garden”  (Apple e Facebook sono campioni in questo).

Essendo questa censura in qualche modo “inconscia” per gli utenti mainstream (voglio dire, l’utente è soggetto a censura, ma neanche si accorge di esserlo) non è ancora più pericolosa rispetto a casi ampiamente dibattuti come il “cablegate”?

[GM]: Hai perfettamente ragione sul fatto che ci siano due tipi di censura: il tipo esplicito imposte dai governi e quello meno esplicito, più sottile, imposto dalle compagnie che dominano il settore.

Anche se è esplicita però, la censura governativa può certo funzionare: le blacklists sono già una realtà in molti paesi, bloccando l’accesso alle informazioni senza che noi ne siamo consapevoli di ciò che sta succedendo: almeno però ci ribellano a questa idea (o meglio, molti di noi fanno). Il guaio è che, oltre l’attivismo, non c’è molto che possiamo fare per combattere questo tipo di cose senza infrangere la legge (tecnicamente è ovviamente piuttosto facile, ma non è questo il punto.)

L’altro tipo di censura è pericoloso, nel senso che le persone non si ribellano per niente: accettano le restrizioni imposte dalla società come Apple (ndr: per esempio il controllo sui contenuti delle apps – che devono essere innegabilmente verificati e accettati da Apple prima di entrare sull’app store), come il prezzo per avere prodotti innegabilmente attraenti. Questo è sicuramente male, ma la buona notizia è che ci sono alternative – in particolare quelli basate su software libero. Quindi il problema diventa allora aiutare queste alternative più “aperte” a diventare attraenti come quelle chiuse, e portare le persone a utilizzarle.

[SC]: Secondo te siamo in una fase di transizione tra un “vecchia” rete,  dominata dai cowboy, teatro di grandissima innovazione e un nuovo soggetto, strettamente regolato, meno competitivo, meno innovativo?

[GM]: Non sono sicuro che mi piaccia quest’etichetta “cowboy” (ndr: la mia era una citazione un po’ in chiave cyberpunk), ma so cosa vuoi dire. Credo di sì, ci stiamo muovendo da un mondo relativamente non regolato uno più soggettoa legislazione e norme. Questo è probabilmente inevitabile, e semplicemente funzionale alla crescente maturità del mondo online. Ciò che non è inevitabile, ma sta comunque accadendo, è il tipo di regolamentazione che viene imposto. Questo alimenta gli argomenti discussi in precedenza: stiamo assistendo all’Establishment e ai suoi alleati corporativi che combattono contro debuttanti agguerriti.

[SC]: Esiste un compromesso tra le opinioni di sostenitori della Libertà come Richard Stallman (e la FSF) e le corporazioni che fanno enormi profitti su internet?

[GM]: Come saprai, Stallman non ha problemi con le compagnie che fanno soldi (anche dal software libero), ma credo che ci sia una dissonanza fondamentale proprio tra questi “enormi profitti” e la Libertà stessa.

Quando i mercati funzionano bene, non ci sono enormi profitti, perché i rivali possono forzare i prezzi al ribasso e aiutare i consumatori a ottenere le offerte migliori. Quando una compagnia fa profitti enormi di solito è perché ha qualche tipo di monopolio che gli permette di caricare così prezzi superiori a quelli che un mercato competitivo sosterrebbe.

L’esempio classico è Microsoft, che nella sua storia ha fatto utili straordinari, perché aveva una morsa sul mercato emergente dei PC. Ha fatto quegli utili, nonostante il fatto che stesse vendendo prodotti con varie debolezze e vulnerabilità: la sia posizione dominante ha fatto si che la gente doveva comprare i suoi prodotti, nonostante i costi da essi imposti in termini di malware e altre cause di downtime.

Chiaramente gli utenti di Windows o qualsiasi altro servizio che genera enormi profitti a causa di questo lock-in non sono lioberi: se lo fossero, se ne sarebbero andati a cercare e trovare prodotti migliori e alternative più economiche. Per questo penso che l’idea del software libero è assolutamente antitetica ai suddetti “enormi profitti”, perché questi ultimi sono sempre costruiti sulla mancanza di vera libertà.

Advertisements

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

9 comments

  1. Pingback: Tweets that mention Interviewing Glyn Moody: why we should worry about our own digital Freedom. « -- Topsy.com

  2. consules

    I have been made by books, teachers, grandpa and grandma stories, dad and mom behavior and rules, friends astonishing ideas and interestign
    discussions, music I listened to, paintings I saw when walking around in Venice, poetry I have been reading at schools, and much much more.

    TV showed me great stuff and entertained me a lot. Radio did it as well, magazines and newspaper gave me thoughts to spend time reflecting on them.

    The internet gave me good tips, and helped me discover with ease some other different point of view.

    Why all these concerns about internet neutrality?
    Given that I have never ever seen anything “neutral” in my life, the fact is that the internet is becoming not just the main, but the unique source of info/contents streams to people’s mind.
    Again, if this content is highly manipulated or edulcorated or adulterated, it could become a real issue in such scenario.

    So, what should we better care about? Internet neutrality? Or is better to defend media plurality?
    Web contents plurality is (IMHO) a few small subset of “plurality” we should care of.

    Should governments decide about internet contents? I think so, but we could discuss largely on that.
    Will governments decide about internet contents? Yes, no matter what you do, think, shout and so on.

    There will still remain that painting on the wall, or those pages on your shelves you read and underlined hundreds of times expressing you what servers cannot, but will your children be able to see something off a screen?

    Digital freedom is important, but freedom from “digital only” is even more urgent issue.

    • meedabyte

      Ciao Andrea,
      interesting point of view but think about that: internet is the world of abundance, the physical world is made of scarcity.

      Pop culture has been built upon scarcity and most of the threats to Freedom that we see now are attempts to introduce “artificial” scarcity and limiting choice, e.g.: about TV shows, media providers or politics and ideas.

      The “digitalization” of content coincided with the democratization of media production means, gave us digital loudhailers like this blog and eventually made us more Free to choose, bringing us a level of freedom of choice that was never known before.

      By this meaning “digital” freedom is precious as proved to be a unique way to enhance ourselves to the level that we deserve as human being.

      S.

      • consules

        Yep, but people time remains scarse so the control can be masked as a way to sort all this abundance out, especially pushing on fact that they will filter crap out.
        Of course people is being brianwashed and mindshaped to live digitally in order to enlarge time the could spend on this.
        But day is still 24 hours and then things like this (http://macfreedom.com/) appear!

  3. Pingback: Interviewing Glyn Moody: why we should worry about our own digital … | Proctor

  4. Pingback: Links 11/1/2011: To Russia With Linux Love, London Stock Exchange Move to GNU/Linux is Complete | Techrights

  5. Im impressed, I must say. Very rarely do I come across a site that\

  6. Pingback: Celebrate blogging «

  7. thanx for your valuable post I like to see this type of interesting posts.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: