Interviewing John Robb: how to build your DIY bright Future while the Big Reset is coming.

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

John Robb

John Robb is a former American military, counter-terrorism expert and a writer, blogger and entrepreneur. John is considered by many “futurists’ futurist” and his theories talk about a future world fated to radical and somehow traumatic changes.

Among financial crash, cyberwarfare and guerrillas democratization, according to John we going to face a rising global instability and the best way to face it is to become resilient and learn how to create our new stability thanks to interactions with our very same communities, the ability to generate wealth locally, even inside your own homes.

You can follow John on his two blogsResilient Communities and Global Guerrillasin the meantime have a look at this interview: I hope it will make you think about reality with a different point of view, one that’s more resilient.

The big reset: can we avoid the shock?

[Simone Cicero] : The big reset (the financial crash due to debt exoplosion) is coming but the point is understanding how this is going to happen and when (or more precisely, on what timescale). Is a shock phase inevitable? 

In my opinion, we are going to face a landscape where corporate and government related jobs will often disappear and people will start contributing to a local/cyber community/tribe to create a new wealth. Richly networked and conscious (of the change) will have the more opportunities as well as higher responsibility.

I’m wondering if there still any room for us to cooperatively design the future or if we just shall prepare for the bad times and learn how to be resilient DIYers.

[John Robb] : When will, and exactly how, the financial crisis will occur? I don’t know. Nobody knows. This is a dynamic, non-linear system which means it is impossible to predict.

What we do know is that the financial crisis will happen. The system is bigger than all of the nation-states together. Its foundation is rotten: the US/EU middle class has been gutted and we’ve racked up $80 trillion in global debt (public/private) trying to catalyze economic growth over the last decades. That’s debt we can’t pay.

Finally, we’ve added massive amount of instability into the system through financial derivatives with a notional amount of $700 trillion. While those derivatives make the financial system more responsive, they greatly contribute to system instability. This means that even small events can cause the system to plunge into turbulence. The other mechanism of instability is that the system is built on a legal framework rather than a moral one. Systems based solely on legal rules fail quickly when legal rules become corrupt or lack enforcement. We’ve seen lots of that since 2008, when massive frauds and thefts were ignored by the government in order to speed the return ot business as usual. So, the other thing that can plunge us into turbulence? Panic (aka the rapid spread of distrust in contrast, claims, and enforcement).

So far, governments have been able to stabilize this system by throwing money at it and increasing the number of public guarantees on private speculation. However, that control solution is running out of steam. Governments and central banks are now depleted.

So, when will this crisis occur? Just one good example that the $80 trillion in debt outstanding will not be paid and that recourse is non-existent. I suspect we’ll see that in Europe relatively soon.

The important thing to remember is that regardless of the timing of the event, what you need to prepare for is the decades of economic depression that follow it. That depression gets progressively worse with time. So, the earlier you get started on resilience, at home and in your community, the better off you are.

The end of fiat currencies

[Simone Cicero] : in “The big Reset, don’t get left behind” you write:

“As the collapse occurs, only the dollar and gold will be the only remaining forms of wealth still liquid. However, even that won’t last. When things settle down, it will be clear that the entire system we built on fractional reserve banking and fiat money will be gone. It’s not even clear that gold or the dollar will survive intact.”

I dont’t think we can really imagine the dollar to last intact to an euro crisis. The Euro crisis would be the end of fiat money (as you rightly said). Shall we look for other forms of currency in the future (abundant and based on decentralized/social trust, p2p crypto – like Bitcoin or wooden greenhouses) and what Store of Value if any, can help us in the transition?

In case a new financial system is built, how this system will be likely made?

[John Robb] : The future of currency is cloudy. There will be the “official currencies” that arise out of a financial reset. These will likely be based on commodities. I don’t know how much of these baskets of commodities will be represented by gold and other precious metals. Nor is investing in gold today a sure thing. Lots of counterparties holding financial assets are going to simply disappear and the means of recouping losses on distant assets unlikely. Also, nation-states can be very powerful, and in desperation they may simply nationalize commodities (including gold) and nullify the legality of all transactions that use them.

I’m more interested in alternative currencies and their potential to serve as platforms for new economies. Bitcoin gave us a little glimpse at what we can do digitally. There will be many of these currencies/economies going from zero to global in a matter of years after launch. Some of these currencies may become much more important and influential than traditional currencies within the decade.

How far is the “bright future”?

[Simone Cicero] : Despite your theories are often referred as radically pessimistic you often evoke a “bright” future ahead of us: why should this future be so bright with the premises we all know? How far from us is this positive future really?

[John Robb] : There is definitely a group of people that can’t imagine a way to live other than how we’ve lived in the last 60 years. They like it and want it to continue as is. To them, a world that doesn’t work nearly the same as it does today must always result in a Zombie Apocalypse.

As a result, anybody that says the system is broken and needs replacement is a pessimist. It also restricts all positive views of the future to mere fixes to the current system (usually through behavioral or technological transformation).

However, I’m a pragmatist and an entrepreneur. I don’t have time to wishful thinking these people engage in. When I see something that’s broken and in decline, I see it as an opportunity to build something better. Something that meets the needs of time. To me, a willingness to recognize reality and build something new is real optimism. I do believe we can build something new and better. Something that works differently but delivers better results.

When will networked resilient communities become commonplace? I suspect we’ll see fully functional community networks with fifteen years. At that point, the quality and abundance of life inside resilient communities and the potential for improvement will greatly outshine what’s left of the “irreplaceable” system we live in today.

Where shall I start to become resilient?

[Simone Cicero] : Given I’m dealing with P2P and related issues since a while, I’m starting to familiarize with the idea to become resilient. Where should I start? I mean, I’m a western citizen, mainly having soft skills (editing, analysis, programming, management), paying a rent and having a decent job for now. I think I’m in a rather common situation.

[John Robb] : Focus on building and facilitating small, local exporters. People that can bring outside income back to their communities.

Cultural Shift: Is this politics?

[Simone Cicero] : Much of the most important, radical, points of view (yours, las indias, etc….) tell of a radically different future and imply radical cultural changes. It seems that coping with the future requires this basic mindset switch. Is this the case? Is this therefore an ideologic/political movement?

[John Robb] : No political movement. Likely an open source movement that coheres around a single plausible promise. What is that promise? I don’t know, but it will be simple and powerful. Something that most communities will be able to ascribe to.

Are the new generations able to take this giant leap forward?

[Simone Cicero] : Are GenYrs and Millennials ready for this cultural leap forward (or backwards, depending on how do you see it)?

[John Robb] : Some. Many are constrained by old ways of thinking. For example: The idea that political action can actually change our trajectory. Or, the best way to ensure a uncertain future is to get a safe government or big company job. Both are wrong.

The best way forward is to become entrepreneurial. Work locally. Be productive. Network. The future will unfold before you.

You should follow me on twitter here!

And, if you liked the post, please tweet  this!

Intervista a John Robb: come costruirsi un Futuro roseo da se, mentre il Grande Reset è in arrivo.

John Robb è un ex militare americano, esperto di antiterrorismo, nonchè scrittore, blogger e imprenditore. John è considerato da molti “il futurista dei futuristi”: nelle sue teorie il mondo futuro è destinato a cambiamenti radicali e traumatici.

Tra crack finanziario, cyberwarfare e democratizzazione della guerrilla, secondo John ci aspetta una grande instabilità a livello globale e il modo migliore e diventare resilienti, ovvero imparare a crearci una nuova stabilità fatta di interazioni con la propria comunità, di capacità di produrre ricchezza localmente, fin dentro la propria casa.

Potete seguire John sui suoi due blog – Resilient Communities e Global Guerrillas – nel frattempo date un occhiata a questa intervista. Spero vi convinca, come sta facendo con me, a guardare alla realtà con un punto di vista diverso.

Il grande reset: possiamo evitare lo shock?

[Simone Cicero] : Il grande reset è in arrivo ma il punto è capire come accadrà e quando (o più precisamente – su che scala temporale). Una fase di shock è inevitabile?

A mio parere, stiamo per affrontare un epoca in cui i posti di lavoro tradizionali scompariranno spesso e la gente inizierà a contribuire alla sua comunità locale, piuttosto che cyber tribe nel creare una nuova ricchezza. Chi è più ricco di connessioni in rete e più consapevole (del cambiamento) avrà più opportunità ma anche una maggiore responsabilità di contribuire.

Mi chiedo se c’è ancora spazio per contribuire in modo cooperativo a progettare il futuro o se solo ci si debba prepara per i tempi brutti e imparare a essere resilienti.

[John Robb] : Quando, ed esattamente come, la crisi finanziaria si verificherà? Non lo so. Nessuno lo sa. È un processo dinamico, un sistema non lineare e questo significa che è impossibile da prevedere.

Quello che sappiamo è che la crisi finanziaria accadrà. Il sistema è più grande di tutti gli stati-nazione insieme. Le sue fondamenta sono marce – la classe media USA e EU è stata sventrata e abbiamo collezionato 80.000 miliardi dollari di debito globale (pubblico e privato), cercando di catalizzare la crescita economica negli ultimi decenni. Questo è un debito che non possiamo pagare.

Infine, abbiamo aggiunto una massiccia quantità di instabilità nel sistema attraverso strumenti finanziari derivati per circa $700 trilioni di dollari. Sebbene i derivati rendano il sistema finanziario più reattivo essi contribuiscono senza dubbio alla instabilità del sistema e ciò significa in pratica che anche piccoli eventi possono causare grandi turbolenze.

L’altro meccanismo di instabilità è dovuto al fatto che il sistema è costruito su un quadro giuridico piuttosto che morale e i sistemi basati esclusivamente su norme giuridiche falliscono rapidamente quando le norme si corrompono o il controllo sull’applicazione scarseggia. D’altronde abbiamo visto in opera questo modo di fare dal 2008 in poi: massicce frodi e furti sono stati ignorati dal governo al fine di accelerare il ritorno al business as usual ma questo non ha costituito una soluzione ai problemi. Dall’altra parte la cosa che può farci precipitare nella turbolenza è anche il panico, ovvero la rapida diffusione di una ondata di diffidenza verso un rivendicato contrasto di questi comportamenti e l’applicazione della legge.

Finora, i governi sono stati in grado di stabilizzare il sistema inondandolo di denaro e aumentando il numero di garanzie pubbliche sulla speculazione privata. Tuttavia, tale soluzione di controllo su sta esaurendo. I governi e le banche centrali si sono estremamente impoveriti.

Così, quando si verificherà questa crisi? un buon esempio può essere quello di questi 80 trilioni di dollari di debito non che saranno ripagati per i quali non esiste alcuna opportunità di ricorso. Ho il sospetto che vedremo questo problema accentuarsi in Europa relativamente presto.

La cosa più importante da ricordare è che, a prescindere dalla tempistica, avete bisogno di capire di cosa necessitate per prepararvi ai decenni di depressione economica che seguiranno il big reset. Questa depressione peggiorerà progressivamente con il tempo quindi, prima iniziate a progettare la vostra resilienza, a casa e nella vostra comunità, meglio è.

La fine della moneta legale

[Simone Cicero] : Nel tuo ultimo post scrivi:

“As the collapse occurs, only the dollar and gold will be the only remaining forms of wealth still liquid. However, even that won’t last. When things settle down, it will be clear that the entire system we built on fractional reserve banking and fiat money will be gone. It’s not even clear that gold or the dollar will survive intact.”

Da parte mia non credo che possiamo davvero immaginare il dollaro sopravvivere intatto a una crisi dell’euro ma il punto più importante è che questo sarebbe senza dubbio l’inizio della fine della moneta legale (come hai giustamente detto). Dovremmo forse cercare altre forme di moneta nel futuro (abbondante, basata sul decentramento / fiducia sociale, p2p crypto – come Bitcoin) e quale bene conservativo, se ne fosse il caso, potrebe aiutarci nella transizione?

Nel caso in cui un nuovo sistema monetario sarà costruito, come sarà?

[John Robb] : Il futuro della moneta è nuvoloso. Le “monete ufficiali” che sorgeranno dal reset finanziario saranno probabilmente basate sulle materie prime e non so quanto di questi panieri di materie prime sarà rappresentato da oro e altri metalli preziosi. Né oggi investire in oro sembra una cosa sicura. Un sacco di controparti in possesso di attività finanziarie stanno semplicemente scomparendo e i mezzi per recuperare le perdite per attività lontane sono sempre più improbabili. Inoltre, gli stati-nazione sono potenti e la disperazione può portare alla semplice nazionalizzazione delle materie prime (compreso l’oro) e vanificare la legalità di tutte le operazioni che li utilizzano.

Sono più interessato nelle valute alternative e nel loro potenziale per diventare una piattaforma per nuove economie. Bitcoin ci ha dato un piccolo assaggio di quello che possiamo fare digitalmente. Ci saranno molte di queste monete e economie che andranno da zero a un livello mondiale nel giro di pochi anni dopo il lancio. Alcune di queste monete possono diventare molto più importanti e influenti delel valute tradizionali entro il decennio.

Quanto dista il “futuro luminoso”?

[Simone Cicero] : Nonostante le tue teorie sono spesso indicate come radicalmente pessimiste, esse spesso evocano un futuro “brillante” davanti a noi: perché pensi che il futuro sarà così brillante con le premesse che Sappiamo tutti:? Quanto è ancora lontano da noi questo futuro davvero positivo?

[John Robb] : C’è sicuramente un gruppo di persone che non possono immaginare un modo di vivere diverso da come è stato negli ultimi 60 anni. A loro piace e vogliono che si continui così com’è. Per loro, un mondo che non funziona nello stesso identico modo in cui funziona oggi deve sempre tradursi in una Apocalisse degli Zombie.

Come risultato, chiunque dica che il sistema è sbagliato e che deve essere sostituito è un pessimista. Lo status quo cerca dunque di limitare tutte le idee e opinioni positive sul futuro a semplici correzioni del sistema attuale (di solito attraverso una trasformazione comportamentale o tecnologica).

Tuttavia, io sono un pragmatico e un imprenditore. Non ho tempo per cercare di convincere queste persone a impegnarsi. Quando vedo qualcosa che è sbagliato e in declino, lo vedo come un’opportunità per costruire qualcosa di meglio. Qualcosa che soddisfa le esigenze del tempo. Per me, la volontà di riconoscere la realtà e costruire qualcosa di nuovo è il vero ottimismo e io credo che possiamo costruire qualcosa di nuovo e migliore. Qualcosa che funzioni in modo diverso ma garantisca risultati migliori.

Se mi chiedi quando le comunità resistenti diventeranno un concetto e una pratica comune ancora non si può dire ma ho il sospetto che vedremo reti di comunità completamente funzionali in una quindicina di anni. A quel punto, la qualità e l’abbondanza della vita all’interno delle comunità resilienti e il potenziale di miglioramento potrà notevolmente offuscare le vestigia del sistema “insostituibile” in cui viviamo oggi.

Da dove inizio a diventare resiliente?

[Simone Cicero] : Dato ho a che fare questioni P2P e affini da un po ‘, sto cominciando a familiarizzare con l’idea di diventare resiliente. Da dove dovrei iniziare? Voglio dire, sono un cittadino occidentale, dotao di soft skills (editing, analisi, programmazione, gestione), pago un affitto e ho un lavoro decente – per ora. Penso di essere in una situazione piuttosto comune.

[John Robb] : Concentrati sul costruire e facilita i piccoli esportatori locali, sulle persone che possono portare reddito al di fuori ritornare alle loro comunità.

È necessario un cambiamento culturale secondo te? Questa, in parole povere, è politica?

[Simone Cicero] : Gran parte dei punti di vista più importanti risultano radicali in qualche modo (il tuo, quello di las Indias, ecc …) e raccontano di un futuro radicalmente diverso che implica radicali cambiamenti culturali. Sembra che affrontare il futuro richieda questo cambio di mentalità di base. È questo il caso? questo quindi è un movimento ideologico o politico?

[John Robb] : Non credo sia un movimento politico. È Probabilmente un movimento open source che sia coerente intorno a una sola promessa plausibile. Cos’è questa promessa? Non lo so, ma sarà semplice e potente. Qualcosa di appetibile alla maggior parte delle comunità.

Le nuove generazioni sono in grado di prendere questo enorme passo avanti

[Simone Cicero] : A tuo parere i GenYrs e i Millennials sono pronti per questo salto culturale in avanti (o indietro, a seconda di come la si guarda)?

[John Robb] : Alcuni. Molti sono vincolati da vecchi modi di pensare.

Per esempio: L’idea che l’azione politica possa effettivamente cambiare la nostra traiettoria o che il modo migliore per garantire un futuro incerto è quello di ottenere un governo o un lavoro sicuro grande azienda. Entrambi sono sbagliati.

Il modo migliore è l’ora di diventare imprenditore, lavorare a livello locale, esere produttivi e fare rete. Il futuro si svolgerà davanti a voi.

Se il post ti è piaciuto, seguimi su twitter qui!

About these ads

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

5 comments

  1. Pingback: Interviewing John Robb: how to build your DIY bright Future while the Big Reset is coming. « Meedabyte | syndax vuzz

  2. OrsanSenalp

    Reblogged this on Social Network Unionism.

  3. If markets fail, the strategy for the transition phase is the big question for me. How much chaos/danger will be happening, and for how long? And how can we help make that a faster/easier transition for the entire world?

  4. This is the key open point (our personal security, shelter, food): on the other hand we must start thinking cooperatively and I think that we shall start create more tight boundaries between us and our community.

    It’s hard to answer the question because, as John said these are strongly non-linear systems and it’s hard to predict what can happen. Ironically enough we created a super structured society that is now on the edge of chaos and failed to create the security and resilience it was meant to ensure.

  5. Patrick Levell

    Reblogged this on All Things Bitcoin and commented:
    The Big Reset is getting closer…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 147 other followers

%d bloggers like this: