New values, ten years after the dot.com bubble | Nuovi valori a dieci anni dalla bolla dot.com

Reading some recent articles about Red Hat numbers you can get to several conclusions. Sure, Charlie Peters, CFO of Red Hat has a clear vision:

“It is clear we are gaining market share and mind share”

ChannelWeb reported as the value of Red Hat shares  has grown steadily to duplicate in the last twelve months of downturne.

Insisting on the statement is plain to see how he wanted to make us know that the market actually look at Red Hat with a decidedly different point of view and how the brand is finally gaining even skeptics and prompting radical changes in attitudes.

Red Hat is just one of the success stories coming from the open source world, today the undisputed star of the scene. To stay in the field of information technology, players such as Alfresco, Intalio, Liferay, Pentaho are now playing the role of economically sustainable, standard and transparent outsiders, where not those of the first choice.

In the field of consumer electronics, being opensource, is now a basic prerogative to define the degree of potential and competitiveness of a software product. Is pointless to cite the success of Android and Webkit, the prospects for Meego and the desperate adaptationattempts of Symbian, open source by necessity.

There are many ways by which open source software gaind its current significance. First it should be noted the role that the disruptive nature of new methods of engagement of crowds and communities coupled with budget reductions had in the process.

The long tail phenomena have come to our understanding years ago: in many cases they were the result of the availability of new communication channels in real time, of a ceasing digital divide and debuting on the web of new players, digital natives who have not only used but also formed, the new means of communication and collaboration, increasing enormously the potential contribution of crowds.

Through these means the independent communities have taken the necessary role of places wher to sharing ideas and large numbers have done the rest: among many, many, developers interested in the project it’s likely to find someone with brilliant ideas and a little ‘time to implement it.

In the past, the investment needed for the creation, production and operation of digital services and products have been significant and the necessary infrastructure had high costs (data centers, process control and management, etc. ..). All this has prompted the major players in protecting the investments made through the protection of intellectual property and advantage.

The competition at that time was moved to the floor of functional ultra-wholeness and customer base lock-in. In a period of market expansion the OSS has been relegated to a role of second fiddle.

It seems clear now how this model can no longer work: it is based on the assumption that a customer is willing to pay a non-value which generates unjustified profit.

The investment made to create a competitive advantage over a proprietary solution is in itself likely to be reset: while protecting the sources, the capabilities of a product are public. It’s only a matter of time before the arrival of a competitor, or more than one, with the disruptive effects on the business model.

For many years, the competition has moved on the realization of all-inclusive suites, with giants who devour competitors,  able to provide customers with an entire infrastructure software (sometimes hardware) and massive doses of advice, even importing process models, instead of encourage the adoption of standards and best practices.

The result was the gradual emptying of the powers in the contexts of clients and the centralization of governance in the hands of suppliers who, in their interest, have increased dramatically in the lock-in. In the consumer and b2c world, protection of investment has prompted producers to dangerous actions, often subject to antitrust watches, and generally, to the transfer of unjustified costs on prices.

The appearance of periods of low spending, before, and real crisis, then, has made new concepts facing the world of business, until recently, relegated to small contexts and often called naïve: collaboration, cost sharing, pragmatism, democracy have become, over time, essential success factors. What else if not the characteristics of a well-managed open initiative?

In this new starting point – the decline of the value of pure competition in favour of a shared market approach – all market players must comply:

  • Suppliers in order to increase the real value of their solutions through reuse and  standardization
  • Integrators through the timely knowledge of market solutions and the implications and opportunities related to licensing.
  • Customers who will go to acquire that assessment and innovation management capabilities that have lost: more and more will be needed their ability to integrate with third parties such as independent contributors and users, partners and competitors.

The services will be made more secure and modular, interfaces should be standardized to a new level, the ontological: we shall live, I am convinced, a new age of application for the paradigms of Semantic Web.

Only in this way, the service components will merge into business transactions powerful and malleable, capable of adapting to the reality of a truly new digital market and to evoke a real participation of the masses. What if not this will create a sustainable, efficient and democratic market?

We see the emergence of new business models with devastating effects and consumer electronics market and mobile networks it’s the vanguard: we see giants like Nokia, Google and Intel fully embraceing open innovation and open source and the app stores phenomenon opening the road to individual talented independent developers.

As said, the IT market is looking at open source companies emerging and being identified as leaders in terms of vision and performance. There are good examples like Intalio, Alfresco and Liferay.

We must now understand if this turn is son of an investment crisis or will be able to impose for what that carries with itself in terms of values.

Customers temptation to avoid to invest in skills or to make it short can bring to hundreds of SaaS information tubes with a mad lock in danger (in this sense for instance, I think that apps.gov initiative is wrong, as I have already had occasion to write).

Rather, lower level IAAS infrastructure may represent an opportunity if oriented to  standards.

My message to companies that want to be the leaders is therefore simple: to develop competence and ability to control supplier, to design a business ecosystem in which to find their place, to focus on suppliers that can provide real value.

>> click more for the Italian translation

Leggendo alcuni articoli recenti sui numeri di Red Hat si possono tirare varie conclusioni. Di sicuro, Charlie Peters, CFO di Red Hat ha le idee chiare:

“It is clear we are gaining market share and mind share”

Channelweb riporta come il valore delle azioni Red Hat, negli ultimi dodici mesi di crisi sia cresciuto costantemente fino a duplicarsi.

Soffermandoci sulla dichiarazione di Peters, salta agli occhi come abbia voluto far capire che, effettivamente, il mercato guarda ultimamente  a Red Hat con un punto di vista decisamente diverso e come il marchio stia finalmente conquistando anche gli scettici e inducendo radicali cambiamenti di mentalità.

Red Hat è solo una delle storie di successo che provengono dal mondo open source, oggi indiscusso protagonista della scena. Per rimanere nel campo dell’information technology, players come Alfresco, Intalio, Liferay, Pentaho  stanno ormai ricoprendo un ruolo che, dove non è di prima scelta, è sempre più quello dell’outsider economicamente sostenibile e tecnologicamente più standard e trasparente.

Nel campo dell’elettronica di consumo l’essere open source, costituisce ormai prerogativa basilare per definire il grado di potenzialità e competitività di un prodotto software: inutile citare i successi di Android e Webkit, le prospettive di Meego e i disperati tentativi di adeguamento di Symbian, open source per necessità

Sono molti i modi mediante i quali il software open source ha acquisito la sua importanza attuale. In primo luogo va notato come il carattere disruptivo che la combinazione delle nuove modalità d’ingaggio delle folle e delle comunità, in accoppiamento con la riduzione dei budget, ha avuto nel processo.

I fenomeni a coda lunga si sono affacciati anni fa alla nostra comprensione: in molti casi essi sono stati frutto della disponibilità di nuovi canali di comunicazione in real time, dell’abbattimento del digital divide e dell’affacciarsi sul web dei nativi digitali, che hanno non solo usato, ma anche plasmato, i nuovi mezzi di comunicazione e collaborazione aumentando a dismisura le potenzialità di contribuzione delle folle.

Grazie a questi mezzi le comunità indipendenti hanno assunto il ruolo necessario di palestre della condivisione delle idee e i grandi numeri hanno fatto il resto: tra molti, moltissimi sviluppatori interessati al progetto è ampliamente probabile trovarne uno con qualche idea geniale e un po’ di tempo per implementarla.

In passato, gli investimenti necessari per la creazione, la produzione e l’esercizio di servizi e prodotti digitali sono stati spesso significativi e l’infrastruttura necessaria aveva costi elevati (data center, processi di controllo e gestione, ecc…). Tutto questo ha spinto i grandi attori a proteggere gli investimenti fatti mediante la protezione della proprietà intellettuale e la chiusura.

La competizione a quei tempi era spostata sul piano dell’omnicomprensivita funzionale e della conservazione della customer base. In un periodo di iperespansione del mercato l’open source è stato relegato a un ruolo di comprimario.

Appare chiaro oggi come questo modello non può più funzionare: è basato sul presupposto che un cliente sia disposto a pagare un non-valore atto a generare profitti ingiustificati.

Gli investimenti sostenuti per creare un vantaggio competitivo su una soluzione proprietaria sono di per se inclini a essere azzerati: pur proteggendo i sorgenti, le funzionalità di un prodotto sono pubbliche è solo una questione di tempo l’arrivo di un competitor, o più di uno, con effetti in parte distruttivi sul modello di business.

Per molti anni, la competizione è stata spostata sulla realizzazione di suite omnicomprensive, con giganti che fagocitavano competitori capaci di fornire ai clienti un’intera infrastruttura software (a volte anche hardware) e massicce dosi di consulenza, addirittura importando modelli di processo proprietari invece che favorire l’adozione di standard e best practice condivise.

Il risultato è stato il progressivo svuotamento delle competenze nei contesti dei clienti e l’accentramento della governance nelle mani dei fornitori che, nel loro interesse, hanno aumentato a dismisura il lock in. Nel mondo consumer e b2c di fatto la protezione degli investimenti ha spinto i produttori ad azioni scorrette (anche in termine di rischio antitrust) e in generale a un trasferimento di costi ingiustificati sui prezzi.

L’affacciarsi di periodi di basso spending, prima, e di vera crisi, poi, ha fatto si che si affacciassero sul mondo del business concetti, fino a ieri, relegati a contesti spesso definiti naïve: collaborazione, condivisione dei costi, pragmatismo, democrazia sono divenuti, nel tempo, fattori imprescindibili di successo; cos’altro rispecchiano se non le caratteristiche di una ben gestita iniziativa open?

A questo nuovo punto di partenza, il tramonto del valore della pura competizione a favore di un’approccio condiviso al mercato, tutti i player devono oggi uniformarsi:

  • i fornitori allo scopo di aumentare il valore reale delle proprie soluzioni attraverso il riuso e  la standardizzazione
  • gli integratori mediante la conoscenza puntuale del mercato delle soluzion, delle implicazioni e delle  opportunità legate al licensing
  • i clienti, che dovranno tornare ad acquistare quella capacità di valutazione e gestione dell’innovazione che hanno perduto: sempre maggiore dovrà essere la loro capacità di integrarsi con parti terze quali gli utenti e i contributori indipendenti, i partner e i competitor stessi

I servizi dovranno essere moduarizzati e resi affidabili, le interfacce dovranno essere standardizzate a un nuovo livello, quello ontologico: vivremo, ne sono convinto, una nuova età di applicazione dei paradigmi del web semantico.

Solo in questo modo i componenti di servizio potranno fondersi in transazioni di business potenti e malleabili, capaci di adattarsi alla realtà di un vero nuovo mercato digitale e di evocare una vera partecipazione delle masse. Cosa se non questo potrà garantire un mercato sostenibile, efficiente e democratico?

Vediamo l’affacciarsi di nuovi modelli di business con effetti devastanti sui mercati e il mercato dell’elettronica di consumo e delle reti mobili ne è l’avanguardia: vediamo giganti come Nokia, Google, Intel abbracciare in toto l’open innovation con l’opensource e il fenomeno degli app stores ad aprire la ribalta a singoli talentuosi sviluppatori indipendenti.

Il mercato dell’IT a sua volta sta vedendo open source companies emergere ed essere spesso indicate come leader in termine di vision e performance. Buoni esempi ne siano Intalio, Alfresco e Liferay.

Occorre capire ora se questa svolta che accenna a vedersi, sicuramente figlia di una crisi d’investimenti, sarà temporanea o riuscirà a imporsi per i contenuti che porta in se in termine di valori.

La tentazione dei clienti di evitare di investire sulle competenze e la fretta di economizzare può senz’altro portare all’infarcimento delle infrastrutture di SaaS a tenuta stagna, sili d’informazione inintegrabili con un folle pericolo di lock in (in questo senso per esempio, ritengo apps.gov un’iniziativa sbagliata, come ho già avuto modo di scrivere).

Piuttosto, le infrastrutture Iaas di più basso livello possono rappresentare un’opportunità se orientate agli standard.

Il mio messaggio alle aziende che vogliano essere protagoniste è dunque semplice: sviluppare competenza e capacita di controllo delle forniture progettare un ecosistema di business nel quale trovare il proprio posto, saper puntare su fornitori in grado di fornire valore.

Advertisements

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: