Interviewing Fabrizio Capobianco: an optimistic Italian

Fabrizio Capobianco is Funambol founder and CEO. For having created an Italian company and then made it the world leader in its industry, for managing the largest open source product in wireless and, most importantly, for its unstoppable optimism about the future of software and services in Italy, he’s an inspiration to many startupper (and wannabe) of the “Bel Paese” and worldwide.

In this interview he talks about Funambol, technology, and Italy. Many useful tips for startuppers. Check out other Meedabyte interviews here!

(Italian translation of the post follows here – La traduzione in italiano è disponibile qui)

Note: this interview has been originally carried in Italian, the English translation is mine and should not be referred directly as being direct Fabrizio’s speech.

 

Fabrizio Capobianco, Funambol CEO
Fabrizio Capobianco, Funambol CEO – Photo taken from codiceinternet@flickr

 

[Simone Cicero]: Is there a new identity of globalization? Is the globalization theme to be reinterpreted as a global search for higher value rather than lower labour cost?

[Fabrizio Capobianco]: Thanks to globalization a company created in a garage in any place in the world has a chance to become a global player: Funambol, born in a basement in Pavia, now having customers in the Far East as well as in the US, stands to demonstrate.

Unfortunately, in Italy, we tend to see the negative side, it’s pretty obvious in a country with a manufacturing tradition: if there is someone else who can do what you do at a lower price this becomes a problem (ed. give a read to “A Whole New Mind” by Daniel Pink).

There’s no doubt, though, that, at least in high tech and digital goods, globalization and the internet made possible to four guys in a basement to create products that aim, from scratch, to an international market.

[SC]: What role does Open Source software play in this process?

[FC]: Open Source is an extraordinary vehicle: when we started, suddenly we engaged contributors from all around the world and this eventually led to a product validation that has been our main pick when I went in the U.S. to sell the idea to venture capitalists in the Valley.

Here, Italy is still seen as the land of pizza and mandolin: it was therefore necessary to have an open project, with an extraordinary and public software quality.
This allowed us to find $ 30 million investments in spite that all development is done in Italy, which, unfortunately, isn’t still regarded as the home of great software.

[SC] :With regard to this, since Funambol’s business model is not consumer oriented, but rather aims to carriers or, at least, service providers, what specific role OSS played to Funambol business? Was it just a testbed or carriers/providers that lately adopted your solution have it tested and evaluated by virtue that it was, and is, open source?

[FC]: It’s a mix: definitely thanks to OSS, we had the opportunity to engage major players right from the start: the software was available and its quality, as well as that of the people in the support mailing list, was pretty evident.

Let me say just one thing: the vast majority of mobile operators, up to twelve months ago, saw the OSS as a big question mark. In any business opportunity with operators, we were always perceived as “the guys of Open Source” and, therefore, we were always the underdogs (ed. a common destiny for great innovators). In the early days so it didn’t help us a lot: although we had an open software and a huge community, they asked: “where the intellectual property is?” and stop there.

Over the past year, however, things have changed. While I was pushing since years, arguing that open source was a winning choice for mass market wireless solutions, Google broken down all barriers with Android.

Android made us shift from being the underdogs to be an advantaged player: we are now always the company to beat. We were lucky: my original vision – that the adoption of open source community-based model represents the only solution to support the iperfragmented mobile world – won. But it was not easy.

[SC]: You said that Google has been a facilitator in having changed the mindset of the customers. Now, don’ t you see in these big players, who look directly to customers giving them all at once through the network, a “threat” to your business model:

[FC]: It ‘s pretty obvious that they are a threat to operators: today’s MNO see OEMs and big internet players building their own clouds and taking control of consumer data (Nokia, Apple, Google, Motorola …) so they’re panicking feeling the risk of becoming a dumb pipe.

At this time, therefore, they are acquiring the product to create competing offers and keep their consumer data. Potentially, there’s a risk that in five years the operators could become “dumb pipes“. At that point, maybe Funambol will turn in a B2C company. For now, though, ‘I do not see any risk.
The real issue making me think that carrier will not disappear from the VAS business, is that, in a family, not all devices belong to the same type. There is usually a mix of different device brands. This mix will tend to rise too, then you will have more and more need for horizontal, cross-device solutions: things that you can only have via a carrier with Funambol.

 

 

Funambol Logo
Funambol Logo

 

In a time when many vertical platforms are flourishing you need something that is capable of being cross. Passing through the operator or being B2C doesn’t make much difference.
We are going towards device multiplication and differentiation: we had the PC, then we found to have two devices speaking (your phone), now many have a tablet, and this trend has not end. The next connected devices will be cars (Funambol recently closed made a deal with a car manufacturer with a partner, to bring the timing on the dashboard), TVs, digital frames, cordless phones and cameras. Device types are increasing and it is unlikely that all will come from the same manufacturer. Maybe Apple will give you a TV, phone and a tablet but it will be difficult to give you the car.

[SC]: Since we touched the Internet of Things topic: would you tell me your view on connected devices and IoT? I appreciate what Leandro Agrò says claiming that Italy and its tradition in the world of beauty and design can give it a new role.

[FC]: I know very well Leandro: I am also a WideTag advisor.  IoT is inevitable, the question is just how long it will take to it. There has been an extraordinary acceleration due to the pads: they bring with them the need for a home-network, which is the necessary enabler for IoT explosion. We are laying the groundwork for this revolution.

Leandro looks forward to when even the light switch will be “online”. If I look at my house and think of how many devices are connected to the network, we are at 7, …8 and that’s natural for my daughter!

I never thought that all devices would have collapsed into one since each device tends to excel in a specialized activity: I see movies better on 60 inches TV than on the iPad. I want a phone to fit in my pocket. The devices will multiply. And the killer app of connected devices is synchronization. Not only data synchronization, since we are moving from syncing data to syncing applications: I’m seeing a movie on my phone, when I get home and turn on the TV I want to start where I paused. There are experiments ongoing but everything must be transparent, gesture based, seamless.

It ‘s a huge business and there is an infrastructure which we hope to join with our cloud synchronization and device management solutions.

[SC]: At this point in time, what role could Italy have? Where does your optimism come from?

[FC]: I think that Italy is well positioned to be the world center of excellence in high technologies, especially for software development. We are the country of design, creativity is part of our DNA since thousands years and software is creativity. I know many people with great ideas in Italy, but there are still limitations in the infrastructures that make it difficult to create the new Facebook in Italy.

This not because Italians lack in technology expertise or ability to create exportable softwares. What’s missing is only related to elements of a “businessinfrastructure: that’s why I say that is still more pragmatic to search for capitals in the Silicon Valley and bring them to Italy.

Anyway, Italy is not still. We are seeing the first Exits: the first company that we brought into the Mind The Bridge Gymansium, Neptuny, was acquired last week by BMC and will open a Software research center in Italy, that’s more or less what I did with Funambol.

This is why I remain optimistic: growth is on high tech and software in particular and I think we are well positioned as a country.

[SC]: In a country with a chronic shortage of capitals and real VCs, can you think that Angels and small investors could have a new role?

[FC]: In recent years there has been an explosion of VCs in Italy, the market is developing. Angels are important but, basically, one that made money working with wool does not invest in High Techs because simply doesn’t understand it. What we need is a series of successes stories in the software industry: those who made money in software will invest in software again and again. Now it’s quite cheap to start businesses so, in fact, even an angel who wants to invest in youngsters, may be important.

In Italy we are creating seed funds, Series A funds, but we still lack of the funds to make the big jump. But they will come because we are on the right track. If we start to have some success stories, a bit of Exits, the Italian market which is full of money, will eventually wake up. Compared to five years ago we are very forward, all the major Italian hi-tech funds: Quantica, dpixel, 360, Innogest, Annapurna were born in recent years, coinciding with the first Exits (Yoox, Venere, Neptuny).

[SC]: Don’t know if you’ve read the interview with Gianluca Dettori on wired about a single Fund for Innovation?

Excellent idea, if you can achieve it. But I think that the public sector should substantially remove obstacles to ensure that individuals can create successful initiatives. I do not believe in public money as the only way to create a VC infrastructure in Italy. The road is to create conditions to ensure that bring private VCs themselves to success stories.

In this sense, again, public should remove obstacles: to make startup and Exits easier, to make labour more flexible for startups. Labor flexibility is something that Italian people never want to talk about: we could, for example, suspend Article 18 (ed. an Italian statute of labor article protecting workers from dismission when companies have more than 15) for startups, say, up to 50 people if they are young, if they are hi-tech workers. It would help a lot, because startups are like an accordion: they inflate, deflate and inflate again. It would help to take risks. A plastered labor market limits startups and those who want to work in it.

It seems the easiest and obvious thing in the world, but open a crack in this world is not easy. However, the direction is good, changes are there. The online discussion is raising and this helps. Unfortunately, our media are focused on the existing and don’t talk about it, but sooner or later they will wake up.

[SC]: What’s the role of profitability and the overall the business when you create a startup?

[FC]: Today you can build companies with much less initial investment. It’s therefore much more important, respect to a few years ago, to have some traction and a prototype. Some years ago you could raise moneys with just a Powerpoint and a good idea. The role of venture capitalists, however, is necessary in order to push companies to global proportions, to create the new Facebook, you need a lot of capital: to make products that scale, to make proper marketing. If you have a good idea it’s likely that another ten people have it at the same time (otherwise it’s not a good idea …). Who is faster wins and so you have to be focused. If, as is often for Italian startup, the focus is to do a little money to keep standing, it happens that they start being system integrators and when they finally have the opportunity to build on the skills and the money they collected, there will be someone who, having capitals, has overtaken them.

At the end of the day, it’s easier to create traction respect to a years ago, but’ there is a key moment in the beginning, where you still can’t make money with your business model, which remains central. That’s the moment where having money helps you say “no” and focus on what you really want to build. If we want to create international companies that create jobs we need the focus.

If you lack the funds that’s a problem, that’s why I bounce the Funambol method (Italian brains and American capitals): here are the capitals and with a phone call, in two hours, you can meet anyone. It’s more practical to move the CEO here in the Silicon Valley, at least until, following the success stories, funding will come to Italy.

[SC]: Just to close this interview, I’ld ask you a question that I always try ask during interviews: How will the Internet appear in 2015?

[FC]: As mentioned before, we’re going to a divergence of devices that are increasingly connected to the network: once, with little more expense, you can buy a microwave or a refrigerator with a wi-fi connectivity, it is evident that you’ll buy the ip-enabled ones.

I expect some difficulties in migrating from IPv4 to IPv6, but it seems to me that the road is so clear that the question is “when” more than “if”.

Startuppers must understand where world is going and start not too soon neither too late, but at the right time. It takes a little luck: Funambol I’ve for years and then, at one point, when Android arrived followed by the iPad and things worked for us.

It takes vision but luck always counts much. If we put at another level, as the Americans say: “5% inspiration, 95% perspiration” because to make things work you have to sweat, a lot.

Tweet thisTweet this

read the rest of this entry for the italian translation (clicca Read the rest of this entry »per leggere il post in Italiano)

Intervista a Fabrizio Capobianco, un italiano ottimista.

Fabrizio Capobianco é il fondatore e l’ attuale CEO di Funambol. Per aver creato un’azienda italiana e averla poi resa leader al mondo nel settore, per aver dato vita al più grande progetto open source in area wireless ma, soprattutto, per l’ottimismo che ancora mostra sul futuro del software e dei servizi in Italia é, senza dubbio, d’ispirazione a molti startupper (e wannabe) del belpaese e non. In questa intervista Fabrizio parla di Funambol, di tecnologia e di Italia. Molti consigli utili, tutti da seguire.

[Simone Cicero]: Esiste una nuova identità della globalizzazione? Il tema della globalizzazione va riletto in chiave di una ricerca globale del valore piuttosto che dell’abbassamento dei costi?

[Fabrizio Capobianco]: Grazie alle globalizzazione, un’azienda nata in un qualunque sottoscala del mondo ha la possibilità di diventare una realtà globale: il caso di Funambol, azienda nata in una cantina di Pavia, che come primi clienti ha avuto aziende nel Far East e negli Stati Uniti, lo trovo emblematico. Questa è una delle grandi cose della globalizzazione. Purtroppo da noi (in Italia) si tende sempre a vedere il negativo: è ovvio che un paese con una tradizione manifatturiera se c’è qualcun altro che può fare quello che fai tu a un prezzo più basso questo diventa un problema (ndr: sul tema consiglio “A Whole New MindDaniel Pink) Bisogna però essere coscienti che, nell’Hi-Tech, la globalizzazione e internet hanno aperto la possibilità a quattro ragazzi in una cantina di creare prodotti che puntino da subito a un mercato internazionale.

[SC]: Che ruolo può avere secondo te l’Open Source software in questo processo?

[FC]: L’Open Source è un veicolo straordinario: noi abbiamo cominciato da subito ad avere contributori da tutto il mondo. Questo ha portato a una validazione del prodotto tale che ha costituito il principale grimaldello con cui io poi sono andato negli USA e vendere l’idea ai Venture Capitalist della Silicon Valley.
Purtroppo, qui, l’Italia è ancora vista come il paese della pizza e del mandolino: è stato dunque necessario avere un progetto aperto, con una qualità del software straordinaria (nell’Open Source se hai successo, vuol dire che il prodotto è buono). Questo ci ha consentito di trovare 30 milioni di dollari d’investimento nonostante tutto lo sviluppo sia fatto in Italia, paese che, purtroppo, non è ancora considerato come la patria del Sofware.

[SC]: Riguardo a questo, poiché il business model di funambol non è orientato al consumatore finale, piuttosto al carrier o, comunque al service provider, quale ruolo specifico pensi che l’OSS abbia avuto per Funambol? È stato solo un testbed di validazione o pensi che i carrier/player che hanno adottato la vostra soluzione l’abbiano potuta testare e valutare in virtù del fatto che era, ed è, open source?

[FC]: E’ un po’ un mix, sicuramente grazie all’OSS abbiamo avuto la possibilità di agganciare fin da subito grandi players: questo grazie al fatto che il software era disponibile e la qualità dello stesso e delle persone nella mailing list di supporto era evidente.
C’è da dire però una cosa: la grande maggioranza degli operatori mobili, fino a dodici mesi fa vedeva l’OSS come un grosso punto di domanda. In qualunque opportunità commerciale con operatori, eravamo sempre percepiti come “i ragazzini dell’Open Source” e, dunque, eravamo sempre gli “underdog” (destino comune dei grandi innovatori ndr). Agli albori quindi non ci ha aiutato molto: quantunque avessimo un software aperto e una comunità enorme, si chiedevano: “ ma dov’è la proprietà intellettuale?” e li s’inchiodavano un po’.
Negli ultimi dodici mesi, invece, le cose sono cambiate. Mentre io spingevo da anni, sostenendo che Mobile e OSS insieme fossero una combinazione ultra vincente per il mass market sul Wireless, Google ha abbattuto tutte le barriere al mobile open source con Android.
Android ci ha fatto passare dall’essere gli “underdog” a essere avvantaggiati: ora siamo sempre l’azienda da battere. Noi siamo stati fortunati: la mia visione iniziale – che l’adozione del modello open source community-based rappresenti l’unica soluzione per supportare il mondo iperframmentato del mobile – ha vinto. Ma non è stato facile.

[SC]: Approfitto per chiederti un’altra cosa su Funambol: hai detto che Google è stato un facilitatore nell’aver cambiato il mindset dei clienti. Ora non vedi in questi grandi player, che vanno direttamente sui clienti dandogli tutto e subito mediante la rete, un “threat” per il business model di Funambol:

[FC]: E’ abbastanza evidente che siano una minaccia per l’operatore: oggi gli MNO si trovano con gli OEM e big internet player che stanno creando le loro cloud e si prendono i dati dei loro consumer (Nokia, Apple, Google, Motorola…). Sono dunque un po’ al panico perché sentono vicino il rischio di diventare una “dumb pipe”. In questo momento dunque stanno acquisendo il prodotto per costituire offerte concorrenti e tenersi i dati dei loro consumer. Potenzialmente, c’e’ il rischio che tra cinque anni gli operatori possano diventare “dumb pipe”. A quel punto, magari Funambol si trasformera’ in un’azienda B2C. Per ora, pero’, non vedo alcun rischio.
Il punto nodale per cui i carrier non scompariranno in termini di VAS, è che, in una famiglia, non tutti hanno dispositivi di uno stesso tipo. Di solito c’è un mix di dispositivi di brand diversi. Questo mix tendera’ solo ad aumentare, quindi si avra’ sempre più bisogno di soluzioni orizzontali, cross device: quello che ti puo’ solo dare un carrier con Funambol.
In un periodo in cui stanno fiorendo numerose piattaforme verticali hai bisogno di qualcosa che sia capace di essere cross. Che passi attraverso l’operatore o sia b2c non c’è molta differenza. Andiamo verso una moltiplicazione e differenziazione dei device: prima avevamo il PC, poi ci siamo trovati ad avere due (con il cellulare) che hanno cominciato a parlarsi, ora molti hanno un tablet; a questa cosa non c’è fine. I prossimi dispositivi connessi saranno l’automobile (Funambol ha recentemente fatto un accordo con un produttore di auto tramite un partner, per portare la sincronizzazione sul cruscotto), la tv, la cornice digitale, il cordless, la macchina fotografica.
Si moltiplicano i dispositivi ed è difficile che tutti vengano dallo stesso produttore. Apple magari ti darà il televisore, il telefono e il tablet ma sarà difficile che ti dia l’auto.

[SC]: Poiché abbiamo toccato il tema dell’IoT: riguardo all’Internet of Things e ai connected device, mi dici un po’ la tua? Io apprezzo molto ciò che dice Leandro Agrò che sostiene che l’Italia e le sue competenze nel mondo del bello e del design possono dargli un ruolo nuovo.

[FC]: Leandro lo conosco bene, sono anche un advisor di WideTag. L’IoT è inevitabile, il dubbio è solo quanto tempo ci vorra’. C’è stata una accelerazione straordinaria dovuta ai pads: si portano dietro il bisogno di una home-network, che è il facilitatore necessario per l’esplosione della IoT. Si stanno creando le basi per questa rivoluzione.
Leandro guarda avanti, a quando anche l’interruttore della luce sarà online. Se io guardo a casa mia e penso a quanti device sono connessi alla rete: siamo a 7,8. E per mia figlia è naturale!
Non ho mai pensato che tutti i dispositivi sarebbero collassati in uno: ogni dispositivo tende a eccellere in una attivita’ specializzata: il film lo vedo meglio sul televisore 60 pollici che sull’Ipad. Il telefono lo voglio in tasca. I dispositivi si moltiplicheranno. E la killer app dei connected devices e’ la sincronizzazione. Non solo sincronizzazione dati;  si sta passando dalla sincronizzazione dei dati alla sincronizzazione delle applicazioni: sto vedendo un film sul cellulare, quando entro in casa e accendo la tv voglio iniziare da dove ho finito. Ci sono esperimenti, tutto deve diventare trasparente, gesture based, seamless. E’ un business enorme e c’è un infrastruttura di cui confidiamo di far parte, con la nostra soluzione di sincronizzazione cloud e quella di device management.

[SC]: Secondo te a questo punto che ruolo può avere l’Italia? Da dove deriva questo tuo ottimismo?

[FC]: Penso che l’Italia sia posizionata benissimo per essere il centro d’eccellenza mondiale sulle alte tecnologie, specialmente per il sw. Siamo il paese del design, la creatività fa parte del nostro DNA da millenni, e il software è creatività. Conosco tanta gente con idee eccezionali in Italia: ci sono ancora però delle limitazioni infrastrutturali che fanno si che sia difficile creare la nuova Facebook in Italia. Non perché manchi la tecnologia o la competenza o la capacità di creare un software esportabile, che ci sono in quantità. Ciò che manca sono altri elementi di infrastruttura, solamente business: per questo dico che sia ancora più pragmatico cercare capitali in Silicon Valley e portarli in Italia. Ma l’Italia non e’ ferma, anzi. Stiamo vedendo le prime Exit: la prima azienda che abbiamo fatto entrare nel Mind The Bridge GymansiumNeptuny la settimana scorsa e’ stata acquisita da BMC, che aprirà in Italia un centro di ricerca sul SW, più o meno la stessa cosa che ho fatto io con Funambol. Per questo rimango ottimista: la crescita è sull’High tech e sul SW in particolare, secondo me siamo posizionati benissimo come paese.

[SC]: In un paese che cronicamente a corto di VC e capitali veri, possono secondo te gli Angel e piccoli investitori avere un nuovo ruolo?

[FC]: Negli ultimi anni c’è stata un’esplosione di VC in Italia, il mercato si sta sviluppando. Gli angels sono importanti ma, tendenzialmente, uno che ha fatto i soldi magari lavorando con la lana non investe nell’high tech perché non lo capisce. Quello di cui abbiamo bisogno è una serie di successi nel SW che portino a investire chi ha fatto i soldi di nuovo nel software. Oggi costa così poco far partire delle aziende che, in effetti, anche un Angel, che ha voglia di investire su dei ragazzi, può essere importante.
In Italia stanno nascendo fondi di Seed, dei fondi di Serie A, mancano ancora i fondi per fare il grande salto. Ma arriveranno perché siamo sulla strada giusta: se cominciamo ad avere un po’ di storie di successo, un po’ di Exit, il mercato italiano che è pieno di soldi, a un certo punto si sveglierà. Rispetto a cinque anni fa siamo molto avanti: tutti i maggiori fondi hi tech italiani daQuanticadpixel360InnogestAnnapurna sono nati negli ultimi anni, in coincidenza con le prime Exit come YooX, Venere, Neptuny.

[SC]: Non se se hai letto l’intervista di Gianluca Dettori su wired che parlava di un fondo unico per l’innovazione?

[FC]: Ottima idea, se si riesce a realizzarla. Penso pero’ che il pubblico debba sostanzialmente rimuovere gli ostacoli per far si che i privati possano creare iniziative di successo. Non credo nei soldi pubblici sia l’unica strada per creare un’infrastuttura di VC in Italia. La strada è creare le condizioni per far si che i VC privati arrivino a storie di successo. In questo senso il pubblico dovrebbe togliere gli ostacoli, per rendere startup e Exit più semplici o per rendere il lavoro più flessibile nelle startup.
Per esempio, la flessibilità del lavoro è una cosa di cui in Italia cerchiamo di non parlare mai, in Italia: si potrebbe magari estendere l’articolo 18 alle startup fino, che so, a 50 persone se sono giovani, se sono hitech. Aiuterebbe tantissimo, perché le startup qui sono una fisarmonica: si gonfiano, si sgonfiano, si rigonfiano. Aiuta a provare, a rischiare. Un mondo del lavoro ingessato limita le startup e quelli che vogliono lavorarci. Sembra la cosa più semplice e ovvia del mondo, ma aprire una crepa in quel mondo non è facile. Comunque la direzione è buona, i cambiamenti ci sono. Si sta creando una grande discussione online, che aiuta. Purtroppo i nostri media sono ingessati sull’esistente e non ne parlano, ma prima o poi si sveglieranno.

[SC]: Quale ruolo deve avere la profittabilità? il business model quando si crea una startup?

[FC]: Oggi si possono costruire aziende con meno investimenti iniziali. E’ molto più importante, rispetto a qualche anno fa quando magari si potevano triovare soldi con un Powerpoint e una buona idea, avere un po’ di traction, un prototipo, utenti. Il ruolo del venture capitalist è però necessario perché per spingere aziende alle dimensioni globali, per creare una nuova facebook, hai bisogno di tanti capitali: per fare prodotti che scalino, per fare un marketing adeguato.
Se hai una buona idea, ce l’hanno altri dieci nello stesso momento (altrimenti non e’ una buona idea…). Vince chi è più veloce e per esserlo ti devi focalizzare. Se, come capita alle startup italiane, il focus è fare un po’ di soldi per rimanere in piedi, succede che si mettono a fare i system integrators e quando finalmente hanno la possibilità di mettere a frutto le competenze e i soldi che hanno raccolto, ci sarà qualcuno che, avendo capitali li avrà sorpassati. E’ dunque più facile partire e avere traction che non qualche anno fa; pero’ c’è un momento chiave nella parte iniziale, in cui ancora non riesci a fare soldi col tuo business model, che rimane centrale. E’ il momento in cui avere soldi ti permette di dire “no” e a focalizzarti su quello che veramente vuoi costruire.
Se vogliamo fare aziende internazionali che creino posti di lavoro ci vuole il focus. Se mancano i capitali quindi è un problema, per questo io rimbalzo il metodo Funambol (cervelli italiani e capitali americani): qui i soldi si trovano e con una telefonata in due ore incontri tutti Rimane dunque più pratico spostare il CEO qui nella Silicon Valley, almeno finche’, a seguire dei casi di successo, i capitali arriveranno anche in Italia.

[SC]: Alla fine ti faccio una domanda che cerco sempre di fare nelle interviste: come sarà Internet nel 2015?

[FC]: Come detto prima, stiamo andando verso una divergenza di dispositivi che saranno sempre più connessi alla rete: una volta che, con poca differenza, puoi comprarti un microonde o un frigo con una connettività wi-fi, è evidente che comprerai quello ip enabled. Mi aspetto qualche difficoltà nella migrazione da IPV4 a IPV6 ma mi sembra che la strada sia così chiara che non ci sia il dubbio del se, ma del quando. Uno startupper deve capire dove sta andando il mondo e riuscire a partire non troppo presto ne troppo tardi ma al momento giusto. Ci vuole un po’ di fortuna, io con Funambol ci ho provato per anni, poi a un dato momento è arrivato Android e l’iPad e le cose hanno funzionato.

Ci vuole vision ma comunque la metti il “culo” conta sempre e tanto. Se vogliamo metterla in un altro piano, come dicono gli americani: “5% inspiration, 95% perspiration” perché sudare conta, e conta ancora molto.

Advertisements

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

3 comments

  1. Pingback: Celebrate blogging «

  2. I do believe all the ideas you have offered on your post.
    They are really convincing and can certainly work.
    Still, the posts are too brief for starters. May just you please lengthen
    them a little from subsequent time? Thank you for the post.

  3. I really liked the way you highlighted some really important and significant points. Thanks

    Abbigliamento Donna

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: