Signs of life on Nokia planet

Since few days, recent Nokia’s C level changes, started to show, somehow surprisingly to me, the first tangible effects.

I criticized the choice of picking up a CEO out of Microsoft but, frankly speaking, the clear choices and statements we’re seeing in these days from Nokia and Stephen Elop, have been lacking for months.

In recent official announcements Nokia confirmed or introduced a bunch of quite radical changes:

  • the discontinuation of the historic AVKON both as a UI layer and, most importantly, as a Development runtime (not a small news, considering it means killing the Symbian ecosystem as we know it)
  • a total UI renovation for Symbian tanks to QT (in a Meego re-use perspective)
  • the adoption of a cycle of continuous improvements (is very agile! isn’t it?)

You can find more or less everything here in this statement.

Reading these news, accompanied with the rumours coming in these days about potential mass layoff of Symbian workers and Cambridge lab closure, not to mention the resignation of Lee Williams – I still remember the enthusiasm with which he presented at the Smartphone Show 2008 in London – can have only one meaning: Symbian is clinically dead.

It will, perhaps, survive with a radically new and different, potentially Meego reusable (QT based), UI until the takeoff of Meego itself that, according to Elop, we will see in stores in 2011 (as everyone expected) with quite an unacceptable delay. Anyway: never too late!

Meanwhile QT, which is about to receive large improvement in the direction of web run-timed through integrated support for HTML 5, will become the only development platform for Symbian.

I wonder one thing: how many will be willing to face QT porting cost, while having Symbian as tangible target? It comes clear that, without clear plans on Meego, Nokia can forget a strong community embracement for QT. A generic product announcement with a 2011 target couldn’t be enough.

Now, every day more without Meego is a lost day for Nokia.

Meego Version 1.1 is finally out

Meego Version 1.1 is finally out

Who would benefit of Nokia finally getting out of the vision black hole in which it fell in 2008? How can get it sorted?

The last two years have strongly changed mobile industry: we have shifted from a universe of mostly proprietary platforms to a ballot of four, five, in many cases still vertical, in others more oriented to OEMs.

If we go in depth with the analysis, however, we note that essentially the only really mature platform, being oriented to multiple OEMs, requiring them acceptable adoption efforts while providing them a decent customization freedom is Android.

When you put pieces togheter, the exponential growth of Android experienced in the last 18 months appears being not a miracle, but something with a quite straightforward set of principles: zero royalties, a stable Linux-based OS, a runtime that’s easy to configure, a not too steep learning curve, a great brand and a set of basic services (mail, calendar, contacts, etc …) cloud-based and widely used.

That’s why Android is, beyond an often overrated fragmentation problem a very successful platform.

From Android birth on, many have rumored a potential Nokia embracement. This definitively seems no more plausible and also Niklas Savander – VP of Nokia – a few days ago, emphasized that the Finnish giant will not work on BigG piece of software.

Why do other OEMs have made this choice, while Nokia is not willing to do it?

May Nokia left Google own the design of such a substantial part of its products, the platform (that as said previously on this blog, brings almost all of the revenues)?

The answer is certainly no, for several reasons.

First, although Nokia has certainly not its main business in advertising and thus should not be considered a direct competitor to Google, it certainly keeps aiming to play a central role in designing its products along with the overall user experience connected with them.

In addition to its history – decades of outstanding innovations – unlike many other OEMs, Nokia has a very strong brand (ranked eighth in Interbrand’s 11th annual ranking of the World’s Best Global Brands 2010 – BigG being fourth) also in emerging markets. Nokia also owns two incredibly valuable assets (acquired well before the mobile open source revolution led by Android): I’m talking about QT and Meego (Ex Maemo).

The first step, to focus on QT as the only runtime development, is completed as stated officially a few days ago. The release of the first products based on Meego (on which the Dublin conference will help to clarify) will be, as said, in 2011.

Beyond plans, the second important step will be to identify the best way to make the combination QT & Meego a truly open platform for other OEMs in other markets (in addition to the smartphone to the Tablet and consumer electronics in general) and the prospects for business operators and developers.

But what is the right way to do this? Considering the state of the market, with Android rapidly expanding around the world (as adopted by traditional OEMs as well as major Chinese OEMs) and, furthermore, strongly appreciated by many users, will not be easy.

The only alternative that remains to Nokia, then, is to beat Google on its own ground giving QT & Meego a stronger openness and a radical push into the future:

  • Make QT a third party, loosely related to Nokia, basically re-creating a brand: in addition to improved technology and a new distribution channel (well beyond the ovi store) can make QT an ultra-ubiquitous and platform-independent, runtime. Supporting the WAC – Wholesale Applications Community specification if the initiative will eventually succeed.
  • Bring QT to Android as soon as possible by giving support to the Lighthouse project http://code.google.com/p/android-lighthouse/: finally make QT downloable or pre-installed on Android.
  • Set up a Meego Dalvik Virtual Machine (it is possible, though difficult, as demonstrated by some projects on Ubuntu, and claimed by the WeTab). Once this is done, agree with one or more 3rd party Android markets: the ideal candidate? Amazon Android App Store and preload it.
  • Strengthen cooperation with Canonical, make sure that the QT brand will become familiar to many Ubuntu user: make Meego, QT, and Nokia the default choice of Ubuntu and, generally, Linux users: they’re expected to increase greatly in the future (ok, I realize that this could go a bit against the cultural background of S. Elop 😉 )

– Make Meego a pervasive project on other types of devices and screens, clarify its Licensing policy – a bit controversial but on the right way see MeeGo Subsystem Software User Experience: eventually exploit the adherence of Meego to a standard Linux stack thats not present in Android. This would mean for Nokia to find a role in the presumably huge Internet of Things market.

Doing this, Nokia would ensure to:

  • Monetize QT  that, we should remember, with the death of JavaME is the most serious candidate to be a cross-platform development runtime
  • Stand out from other OEMs embracing Meego thanks to  brand,  hardware quality and the ability to design good-looking, iconic, attractive product.

I am very curious to see whether and how these  predictions will couple with real Nokia strategy. The point is that all of us should welcome the return of Nokia among the design leaders: would be good for competition, for Europe and, indeed, for users around the world.

The consumer electronics and connected devices industry must not rely too much on Android: creating and sustaining alternatives generates demand for the alternative, that’s the only way innovation and growth occur.

Related Articles

Tweet thisTweet this

read the rest of this entry for the italian translation (clicca Read the rest of this entry »per leggere il post in Italiano)

Segnali di vita dal pianeta Nokia.

Da qualche giorno, i cambiamenti avvenuti recentemente ai piani alti di Nokia stanno, in maniera un po’ sorprendente per me, sortendo i primi effetti.

Avevo criticato la scelta di un CEO proveniente da Microsoft ma, se non altro, la chiarezza che stiamo vedendo in questi giorni, da Nokia e da Stephen Elop, non la vedevamo da mesi.

Negli ultimi giorni infatti abbiamo assistito all’annuncio di una serie di radicali cambiamenti:

  • la discontinuazione dello storico AVKON sia come UI layer che come Runtime di sviluppo (novità non da poco, significa di fatto uccidere l’ecosistema Symbian come lo conoscevamo)
  • il totale rifacimento della UI di Symbian in QT
  • l’adozione di un ciclo di continuous improvement (molto Agile no?)

Più o meno Il tutto disponibile qui.

La lettura di questi cambiamenti, se affiancata alle notizie che arrivano in questi giorni riguardo la potenziale dismissione di laboratori e lavoratori legati allo sviluppo di Symbian e le dimissioni di Lee Williams  – ancora ricordo l’entusiasmo con cui si presentò allo Smartphone Show 2008 a Londra non può essere che una: Symbian è, clinicamente, morto.

Sopravviverà forse con una UI radicalmente nuova e diversa, fortemente riutilizzabile in ottica Meego (QT based), fino all’arrivo dello stesso Meego che, a detta di Elop, vedremo nei negozi nel 2011 (ormai ce lo aspettavamo un po’ tutti) in colpevole ritardo.

Nel frattempo QT, che sta per ricevere grossi improvement in direzione web runtime mediante il supporto integrato a HTML5 diverrà l’unica piattaforma di sviluppo per Symbian.

Mi chiedo una cosa però: quanti saranno disposti a sobbarcarsi i costi di porting su QT, avendo come target certo Symbian, che certo ricorda da molto vicino un morto che cammina? Senza piani chiari su Meego, Nokia può dimenticarsi l’embracement della community a QT. Non credo che un generico annuncio di un prodotto nel 2011 possa bastare.

A questo punto ogni giorno un più senza Meego è un giorno perso per Nokia.

A chi farebbe comodo che Nokia riuscisse definitivamente a venir fuori dal buco di vision in cui ha cominciato a cadere nel 2008? E come può uscirne?

L’industria del mobile negli ultimi due anni, si è completamente trasformata: siamo passati da miriadi di piattaforme proprietarie a un ballott di 4/5 piattaforme, in molti casi ancora verticali, in altri orientati a più OEM.

Se andiamo in profondità con l’analisi però notiamo come in sostanza l’unica piattaforma realmente matura, dichiaratamente multi OEM e con basso costi di adozione e una decente libertà di customizzazione per gli stessi sia Android.

La crescita esponenziale di Android a cui stiamo assistendo in questi ultimi mesi non è dunque un miracolo, ma un fenomeno dalla lettura abbastanza semplice: zero royalties, un sistema stabile Linux based, un runtime molto semplice da configurare, una curva di apprendimento non troppo ripida, un grande brand e un’insieme di servizi di base (mail, calendar, contacts, etc…) cloud based e molto usato.

Android dunque, al di la dei piccoli problemi di frammentazione (più spesso sulla bocca dei competitori che tra le mani degli utenti), è una piattaforma di grande successo.

Molti hanno rumoreggiato nel passato di una potenziale adozione di Android da parte di Nokia ma anche Niklas Savander – VP di Nokia – qualche giorno fa, ha ribadito il no del gigante Finlandese.

Perché altri OEM hanno fatto questa scelta e Nokia non é disposta a farla?

Può Nokia derogare a BigG il design di una parte così sostanziale dei suoi prodotti, la piattaforma (insieme con la quasi totalità delle revenues), a Google?

La risposta, nel caso di Nokia, non può che essere no, per numerosi motivi.

In primis, anche se Nokia non ha di certo il suo main business nell’advertising e dunque non è da considerarsi un diretto competitore di Google, di certo mantiene la volontà di avere un ruolo centrale nel disegnare i suoi prodotti e l’esperienza d’uso.

Oltre alla sua storia pluri decennale di grande innovazione, a differenza di altri OEM, Nokia dispone di un brand fortissimo (ottavo al mondo secondo Interbrand’s 11th annual ranking of the world’s best global brands 2010 – BigG è il quarto) anche nei mercati emergenti e, soprattutto, possiede due asset di incredibile valore che, a testimoniare la lungimiranza del gigante finlandese, sono stati acquisiti ben prima della rivoluzione del mobile open source guidata da Android: sto parlando di QT e Meego (Ex Maemo).

Il primo passo, la focalizzazione su QT come unico runtime di sviluppo é avvenuta, come detto, ufficialmente qualche giorno fa; il rilascio dei primi prodotti su Meego (sul quale la conferenza di Dublino contribuirà a fare chiarezza) come abbiamo visto é prevista nel 2011.

Il secondo è importantissimo passo dovrà essere l’identificazione del miglior modo di rendere l’accoppiata QT & Meego una piattaforma realmente aperta ad altri OEM, ad altri mercati (oltre quello degli smartphone, verso i Tablet e l’elettronica di consumo in generale) e alle prospettive di business di operatori e developers.

Ma qual’è il modo per farlo? Considerando lo stato dell’arte, con Android in fortissima espansione in tutto il mondo (adottato come dai Big così dai principali OEM Cinesi) ed entrato nelle grazie di moltissimi utenti, la cosa non sarà facile.

L’unica alternativa che rimane a Nokia è dunque quella di battere Google sul suo terreno e puntare QT & Meego decisamente verso il futuro e l’apertura:

  • Rendere QT un’entità terza, non strettamente legata a Nokia, in pratica ricreare un marchio che sviluppi, oltre alla tecnologia, un nuovo canale di distribuzione, che vada oltre l’ovi store: una sorta di QT store che punti ad essere ultra-ubiquo e platform-independent, supportando la WAC – Wholesale Applications Community specification nel caso l’iniziativa abbia successo.
  • Portare QT su Android al più presto dando supporto al progetto Lighthouse e rendere il QT runtime con tanto di market, scaricabile e/o preinstallabile su Android.
  • Portare la Dalvik Virtual Machine su Meego (è possibile, anche se difficile, come dimostrano alcuni progetti su Ubuntu e l’ormai famigerato WeTab). Una volta fatto questo, accordarsi con uno o più 3rd party android markets: il candidato ideale? Amazon Andoid App Store.
  • Rafforzare la collaborazione con Canonical, fare si che il brand QT diventi familiare ai tanti Ubuntu user: rendere Meego, QT e Nokia la prima scelta degli Ubuntu Linux destop user destinati a crescere moltissimo nel futuro: ok, mi rendo conto che questo può andare un po’ contro l’estrazione culturale di S. Elop 😉
  • Rendere Meego un progetto pervasivo su altre tipologie di dispositivo, chiarire le policy di Licensing un po’ controverse anche se sulla buona strada (cfr. MeeGo User Experience Subsystem Software), sfruttare la maggiore aderenza di Meego allo stack standard Linux rispetto ad Android. Questo per aprire a Nokia il grande mercato dell’Internet of Things.

Nokia avrebbe modo di:

  • monetizzare QT che, ricordo, con la morte di JavaME si candida seriamente ad essere il vero ambente di sviluppo multipiattaforma
  • differenziarsi dagli altri OEM che montassero Meego grazie al suo brand, alla qualità del suo Hardware (d’altronde Nokia non sarebbe nuova a questa situazione, vissuta per anni con Symbian) ma soprattutto grazie alla capacità di disegnare prodotti belli, iconici, attraenti (in quale altro modo differenziarsi?).

Sono molto curioso di vedere se e come queste mie “previsioni” si riscontreranno nella reale strategia Nokia. Il punto è che tutti noi non possiamo che vedere con favore il ritorno di Nokia tra i design leaders: farebbe bene alla concorrenza, all’Europa e, certamente, agli utenti di tutto il mondo.

L’industria dell’elettronica di consumo e dei connected device non deve appiattirsi su Android: creare e sostenere alternative genera domanda per l’alternativa; solo così nasce l’innovazione e la crescita.

Advertisements

About meedabyte

Strategist, Consultant and Collaborative Pathfinder

2 comments

  1. consules

    Mi piace moltissimo soprattutto la tua chiosa, o chiusura, o auspicio.
    Viva l’innovazione (oppure l’innovazione è morta, lunga vita all’innovazione?)

  2. Pingback: Why Nokiasoft is bad for Nokia, the Market, Europe and Technology. «

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: